L’ansia…la tua arma in più

CalcisticaMente

Quante volte durante il giorno cambia il tuo stato d’animo, anche per piccole cose? Ti è mai capitato di affrontare un prepartita ed avere uno stato d’ansia troppo elevato? Magari dettato da una partita importante? E magari non riesci ad ottenere il massimo della prestazione? Tutto questo fa parte dei giochi, dobbiamo convivere con i nostri stati d’ansia, fanno parte delle nostre giornate ma c’è un segreto che nessuno sai:

ANSIA POSITIVA Se gestita può tramutarsi in ansia positiva. Se ne parla sempre più spesso, e sempre più spesso entra a far parte delle nostra vita quotidiana, senza capire come abbia fatto. Quanti di voi, o quanti di coloro che conoscete, sono soliti usare espressioni del tipo “Mamma mia che ansia”, “E’ un pò che mi sveglio ansioso”, “Ho troppa ansia per fare questa cosa”. Tutti indicatori che qualcosa sta accadendo, e che sta portando influenze negative verso la nostra persona. Ma, letteralmente, sai cosa significa ansia? L’ansia è uno stato psichico, prevalentemente cosciente, di un individuo caratterizzato da una sensazione di preoccupazione o paura, più o meno intensa e duratura, che può essere connessa o meno a uno stimolo specifico immediatamente individuabile (interno o esterno) ovvero una mancata risposta di adattamento dell’organismo a una qualunque determinata e soggettiva fonte di stress per l’individuo stesso. ( cit. Wikipedia). Detto in parole povere, l’ansia entra in possesso di noi nel momento in cui, trovandoci di fronte ad alcune situazioni impegnative o che generino ricordi particolari, la riteniamo di difficile gestione o non in grado o non pronti ad affrontarle (bassa autostima).

Sintetizzando, uno stress eccessivo, prolungato e gestito male può dar luogo ad una serie di effetti negativi sul:

  • Sistema immunitario: diminuzione difese immunitarie, malattie cardiovascolari.
  • Sistema emotivo: rabbia, depressione, apatia.
  • Sistema cognitivo: difficoltà nel ragionamento, creatività e memoria.
  • Sistema comportamentale: sonno disturbato, assenteismo, scarsa motivazione.

LA GESTIONE DELL’ANSIA Partiamo dal presupposto che l’ansia c’è e che può essere anche positiva e soprattutto che non possiamo farne a meno, poichè è la nostra asticella che ci permette di capire il nostro  livello di emozioni, ma, tutto ciò, come già detto, dobbiamo essere in grado di gestirla. Si! Hai letto bene! L’ansia va gestita. Uno dei fattori che influisce maggiormente sul controllo dello stress è la personalità detta “resiliente”. La resilienza è la capacità di raggiungere un buon livello di adattamento nonostante le avversità, i traumi, le difficoltà, lo stress. Essere resilienti non significa essere invincibili e infallibili, ma essere flessibili, disposti al cambiamento, accettare di poter sbagliare e correggere la propria “rotta”. Affrontare una situazione con totale indifferenza e senza stimoli può portare a noia e bassa concetrazione, in contrapposizione “sentire” troppo l’evento e quindi avere un’ansia troppo alta, può invece limitare la performance perchè tensione ed agitazione porta ad accellerare la volontà di terminare il prima possibile l’azione. Il rimedio è saper gestire l’ansia con le migliori tecniche e le giuste risorse, come riconoscere da dove deriva, usare la corretta respirazione e allenare la mente a cambiare le nostre valutazioni negative in positive, mediante la tecnica della visualizzazione e gestirla usando anche un’altra tecnica quella dell’ancoraggio.

Se riconosci  qui di seguito nell’elenco (quasi) completo dei sintomi che si manifestano in uno stato di ansia, sai che da oggi puoi fare dell’ansia una tua alleata.

SINTOMI SOMATICI   SINTOMI PSICOLOGICI   SINTOMI COMPORTAMENTALI
Tachicardia   Sensazioni di pericolo o minaccia   Evitamento di specifiche situazioni
Palpitazioni   Preoccupazioni per la salute, il futuro, per il lavoro o per le persone care   Fuga
Dolori al torace   Difficoltà di concentrazione   Immobilizzazione
Respiro corto e difficoltoso   Confusione   Reazioni eccessive di fronte agli stimoli
Disturbi gastro intestinali   Calo di efficienza nelle prestazioni   Non riuscire a guardare le persone negli occhi
Stitichezza   Sensazione di affaticamento    
Mani fredde e bagnate   Apprensione    
Dolenzia muscolare   Irritabilità    
Tremori   Paura di morire, impazzire o perdere il controllo    
pallore   Nervosismo    
Stimolo alla minzione   Incapacità a rilassarsi    
Contrazioni muscolari   Timore di non riuscire a farcela    
Diarrea   Autosvalutazione    
Nausea   Valutazione irrealistica della realtà    
Vomito   Catastrofismo    
Bruciore allo stomaco   Vergogna    
Sudorazione        
Sensazione di caldo o freddo        
Bocca secca        
Vertigini        
Difficoltà a dormire        
Risvegli frequenti        
Riduzione dell’appetito        

Come faccio però ad avere nell’ansia un punto di forza? Con il Mental Coach, avrai modo di prendere in mano la tua situazione, prendere coscienza di te stesso, riconoscerla, controllarla, gestirla per poi passare all’azione. Vuoi avere maggiori dettagli?

IL TUO SUCCESSO: E’ FARE DELLA TUA VITA CIO’ CHE PIU’ DESIDERI.

Richiedi un contatto senza impegno per migliorare passo passo il tuo stato d’animo e vivere sapendo che tutto ciò che hai e che fai dipende solo ed esclusivamente da te.

 

 

 

 

Lascia un commento