Finalissima: la parola ai protagonisti

Mancano pochi giorni al grande epilogo, poche ore per la finale delle finali targata Zonapontina League Invernale. I playoff hanno regalato le loro emozioni, hanno messo a serio rischio la qualificazione di qualcuna e schiacciato le ambizioni di qualcun’altra. Alla fine, nello scontro decisivo ci saranno sempre loro: Fotthenam e Ronci Bus. La capolista e 

Leggi tutto

Finale Zonapontina League Invernale 14-15Mancano pochi giorni al grande epilogo, poche ore per la finale delle finali targata Zonapontina League Invernale. I playoff hanno regalato le loro emozioni, hanno messo a serio rischio la qualificazione di qualcuna e schiacciato le ambizioni di qualcun’altra. Alla fine, nello scontro decisivo ci saranno sempre loro: Fotthenam e Ronci Bus. La capolista e campione invernale contro la seconda della classe, unica inseguitrice della stagione. Due grandi gruppi, due formazioni molto quadrate che si affronteranno nuovamente per capire chi è la vera regina di questa Zonapontina. I pronostici ovviamente sono dalla parte della capolista, campione invernale già due anni fa nonchè vicecampione in carica della fase playoff.

 

QUI FOTTHENAM Il Fotthenam ha dalla sua i favori del pronostico, come conferma un pluridecorato Zonapontina come Amerigo Cifra: «Scontato dare la nostra squadra come favorita alla vittoria finale – ha detto l’estremo difensore amaranto, al terzo anno con la casacca del Fotthenam – siamo stati più regolari in tutto l’arco della stagione. La finale? Credo sia questa la più giusta, lo ha detto il campionato, è la cosa più giusta che poteva esserci. Noi dovremo temere la loro grinta, loro però dovranno fare i conti con la nostra esperienza».

 

QUI RONCI BUS Alla prima apparizione in una manifestazione Zonapontina subito a segno. Ronci Bus sta già scrivendo pagine importanti nel nostro circuito e da oggi punta a diventare, in poco tempo, una fedelissima ed ambiziosissima squadra della scuderia Zonapontina. Daniele Maronna, punto fermo dei bianconeri non si nasconde: «Non credo ci sia una vera favorita – ha detto Maronna – si tratta di due squadre che si equivalgono sotto il profilo tecnico-tattico. Il nostro punto di forza, come del resto anche dei nostri avversari, resta la continuità, l’affiatamento e questo ha fatto la differenza e ci ha fatto approdare in finale. Cosa temere? Forse la loro velocità nelle ripartenze, reaettivi nel recupero palla e veloci nel concludere. Noi abbiamo una buona difesa e delle ottime individualità davanti. La nostra stagione? Regolare, arbitri competenti, comunicazioni tempestive fatta eccezione del meteo, non è mai stato a nostro favore in determinate circostanze».

Lascia un commento