La spedizione di calcio 5 fallisce alle Nazionali di Riccione

C’era un titolo di campione italiano da difendere nella categoria “amatori” e tanta curiosità per la nuova avventura nella categoria “open” aperta a tutti i tesserati d’Italia. Tanti i motivi per portare orgoglio ed entusiasmo nella spedizione 2013 a Riccione della sezione di Latina, arrivata in Romagna con un grande gruppo diviso in due formazioni 

Leggi tutto

Opes Latina - Riccione 2013C’era un titolo di campione italiano da difendere nella categoria “amatori” e tanta curiosità per la nuova avventura nella categoria “open” aperta a tutti i tesserati d’Italia. Tanti i motivi per portare orgoglio ed entusiasmo nella spedizione 2013 a Riccione della sezione di Latina, arrivata in Romagna con un grande gruppo diviso in due formazioni per affrontare le due manifestazioni. Stavolta però la stanchezza dei due tornei l’ha fatta da padrone ed il titolo di campione italiano è passato dal capoluogo pontino a Ferrara. Proprio la squadra emiliana è stata la giustiziera della formazione nerazzurra eliminata addirittura nella fase a gironi dopo due sconfitte ed una sola vittoria. Il primo ko arriva il venerdì con l’Atletico Bar Spighi che passa 2-0 approfittando di due grosse ingenuità della squadra di Stefano Scala. Il giorno successivo arriva la riscossa dei campioni con un facile 3-0 rifilato all’Arezzo ma lo scontro diretto con Ferrara non sorride. Nella sfida con i biancazzurri infatti Latina parte subito forte passando in vantaggio (con 2 gol di scarto sarebbe passata) ma poi si fa clamorosamente rimontare andando sotto 4-1 e chiudendo la sfida sul 4-2. Un’eliminazione davvero dura da mandar giù figlia anche dell’incastro con il torneo Open che invece ha dato più soddisfazioni. Parte male anche qui con la sconfitta per 2-1 contro i Revolution San Roman ma anche stavolta Latina riesce a reagire portando a casa le altre due gare vincendo 5-2 con Perugia e poi 2-0 con l’altra squadra di Arezzo. Sei punti che potevano valere quasi la vetta se non ci fosse stato lo scontro diretto in favore dei Revolution. E’ un secondo posto davvero amaro perchè ai quarti di finale ecco la corazzata Simald Ardenza (formazione militante nel campionato di C1 di calcio a 5) e Latina, arrivata ormai stremata, riesce solo a limitare i danni chiudendo l’incontro sul 6-2.

Lascia un commento