Aprilia, ora è crisi nera

NON passa la crisi dell’Aprilia. La pausa di campionato non è bastata alle rondinelle per ritrovare brio e spensieratezza e ritrovare a fare risultato. In casa del Campobasso i biancoazzurri vengono sconfitti con un sonoro 3-1 che spedisce i pontini a -6 dal quarto posto. Gli uomini di Vivarini restano comunque in zona playoff con 

Leggi tutto

NON passa la crisi dell’Aprilia. La pausa di campionato non è bastata alle rondinelle per ritrovare brio e spensieratezza e ritrovare a fare risultato. In casa del Campobasso i biancoazzurri vengono sconfitti con un sonoro 3-1 che spedisce i pontini a -6 dal quarto posto. Gli uomini di Vivarini restano comunque in zona playoff con due punti di vantaggio dal Chieti. Ma l’allarme in casa Aprilia suona forte con la quarta sconfitta nelle ultime cinque gare e la quinta partita senza trovare i tre punti. I biancoazzurri non vincono infatti dal lontano 6 gennaio, quando alla prima di ritorno in casa dell’Arzanese imponendosi per 2-1 riuscirono a strappare la prima e per ora unica vittoria del 2013.

Per la delicata sfida contro il Campobasso mister Vivarini cerca delle alternative che possano ridare verve alla squadra. Alcune novità quindi nell’undici versione trasferta, con Hanine preferito a centrocampo a capitan Croce, mentre in avanti Calderini è affiancato da Sassano sulla corsia di sinistra e Criaco su quella opposta, a sostegno della punta centrale e Ferri Marini punta centrale ancora una volta preferito a Ferrari.

Parte bene la squadra di Vivarini che già al 1’ costruisce una buona azione da gol. Ferri Marini lavora un buon pallone in area, poi, con l’aiuto di una deviazione, serve Criaco che solo davanti al portiere perde l’attimo propizio calciando Iuliano. I biancoazzurri provano a battere il ferro finchè caldo e va in vantaggio al 6’. Azione elaborata a centrocampo da Amadio, che serve Criaco, bravo a vedere l’inserimento di Sassano che da sinistra entra in area e mette alle spalle del portiere. I pontini volano sulle ali dell’entusiasmo e sfiorano il raddoppio. Angolo battuto da Criaco che pesca al centro area Carta, il difensore biancoazzurro però non riesce a girare bene il pallone calciando di poco alto sulla traversa. Nel momento migliore dell’Aprilia, esce il Campobasso che al 21’ trova il pareggio insperato. Majella viene cinturato in area da Diakite e per il direttore di gara non ci sono dubbi e assegna il calcio di rigore. Dal dischetto Di Vicino realizza. La gara si addormenta e si trascina fino al riposo. Unico sussulto al 38’, quando una grande parata di Di Vincenzo nega la gioia del gol al siluro di D’Allocco destinato ad insaccarsi sotto l’incrocio dei pali.

Nella ripresa la partita cambia in un «amen». Dopo soli 3’ i padroni di casa servono la doccia fredda agli apriliani con il raddoppio: azione sulla fascia sinistra di Bussi che crossa al centro, Majella è più lesto di tutti ad anticipare il proprio marcatore incornando alle spalle di un incolpevole Di Vincenzo. Le rondinelle accusano il colpo e poco dopo rischiano il tracollo se non fosse per l’imprecisione di Mariotti che da ottima posizione svirgola il tiro. Il risveglio apriliano giunge a cavallo del quarto d’ora con le veementi proteste per un presunto fallo di mano in area al termine di un’azione concitata nei pressi della porta di casa. Al 18’ è invece la sfortuna a costare caro all’Aprilia. Cross al centro di Cane, Amadio colpisce di testa e colpisce il palo, Ferrari a due passi cerea in mezza sforbiciata di correggere a rete ma perde il tempo per la battuta. Un giro di lancette più tardi è il neo entrato Ferrari a sfiorare il gol con un tuffo di testa su cross di Cane che sfiora il palo. L’Aprilia meriterebbe il pari, ma pecca di imprecisione. Come succede al 20’, quando Ferrari da buona posizione si coordina bene e colpisce al volo spedendo la sfera di un soffio al lato. Addomesticata la sfuriata degli ospiti, il Campobasso può colpire in contropiede. Al 33’ Majella dal limite dell’area calcia forte e colpisce il palo. Prove tecniche al gol del ko che giunge all’89’ quando da una disattenzione della retroguardia pontina Majella, appostato al limite dell’area, beffa Di Vincenzo in uscita disperata.

CAMPOBASSO – APRILIA 3-1
Campobasso: Iuliano, Silvestri, Esposito, Rais, Marino, Minadeo, Fella, D’Allocco, Bussi (21’st Boi), Di Vicino, Majella. A disp.: Cattenari, Petrassi, Grillo, Di Libero, Giannuzzi, Pascucci. All.: Vullo.
Aprilia: Di Vincenzo, Cane, Carta, Hanine, Mariotti, Diakite (28’st Corsi), Criaco (16’st Croce), Amadio, Ferri Marini, Calderini (16’st Ferrari) , Sassano. A disp.: Caruso, Frigerio, Marfisi, Gomes. All.: Vivarini
Arbitro: Diego Bruno di Torino, I ass. Mirko Bisbano di Lanciano, II ass. Salvatore Petrone di Potenza
Marcatori: 6’ Sassano, 21’ Di Vicino (r), 3’ e 44’ st. Majella
Note – Espulsi: Corsi. Ammoniti: Rais, Carta, Minadeo, Majella, Fella. Calci d’angolo: 5 -4 per l’Aprilia. Recupero: 1’pt e 5’st.

Lascia un commento