Aprilia al cardiopalma. Ferrari stende l’Arzanese

UN sussulto in pieno recupero risolve una partita intricata, come previsto, in casa dell’Arzanese. L’Aprilia inizia il 2013 nel migliore dei modi centrando la seconda vittoria consecutiva dopo quella prima della pausa ottenuta contro l’Aversa Normanna. Ad Arzano l’eroe di giornata è Nicola Ferrari. L’attaccante di Formigine mette a segno la doppietta decisiva che bissa 

Leggi tutto

UN sussulto in pieno recupero risolve una partita intricata, come previsto, in casa dell’Arzanese. L’Aprilia inizia il 2013 nel migliore dei modi centrando la seconda vittoria consecutiva dopo quella prima della pausa ottenuta contro l’Aversa Normanna. Ad Arzano l’eroe di giornata è Nicola Ferrari. L’attaccante di Formigine mette a segno la doppietta decisiva che bissa la vittoria dell’andata e regala alle rondinelle il secondo posto in classifica ai danni del Pontedera, battuto a Chieti, con sei lunghezze di ritardo rispetto ad una Salernitana che di fermarsi non sembra averne alcuna intenzione.

LA GARA – Mister Vivarini disegna il suo 4-4-2 con qualche novità. Come quella del giovane Vincenzo, sull’out di destra, a completare la linea di difesa composta da Diakitè e Sembroni al centro e Carta a sinistra. Le chiavi del centrocampo vengono affidate alla rodata coppia Amadio-Croce, mentre sugli esterni Marfisi è preferito a Corsi con Calderini dall’altra parte. In avanti, accanto a Ferrari, il giovanissimo Gomes. La partenza dei biancoazzurri è guardinga. L’Aprilia infatti è più attenta a controllare che a proporre gioco. All’11’ primo squillo campano con una punizione di Elia da 25 metri da posizione centrale su cui Di Vincenzo si distende deviando miracolosamente in calcio d’angolo. Sembra piovere sul bagnato, al 19’, quando un infortunio muscolare costringe Sembroni a lasciare il campo sostituito dal serbo Stankovic. Al 25’ l’Aprilia si fa comunque vedere. Su un calcio d’angolo battuto da Criaco Diakite stacca di testa all’altezza del dischetto di rigore, il pallone finisce sui piedi di Ferrari che si gira come può e calcia fuori. La risposta dell’Arzanese tre minuti più tardi: Elia da centrocampo effettua un tiro cross, il pallone raggiunge a Fragiello che al limite dell’aeraarresta bene e poi spara di prima intenzione incrociando troppo il pallone che finisce fuori. E’ proprio Elia a dare più grattacapi alla difesa ospite. Al 38’ l’attaccante di casa spara dalla lunga distanza. Il pallone è destinato al fondo del sacco, se non fosse per la superba risposta del solito Di vincenzo che devia in angolo. Sul finire di primo tempo l’ultima parola è dell’Aprilia. Dalla bandierina Diakite va in cielo e anticipa tutti schiacciando di testa la sfera che termina di un soffio a lato.

LA RIPRESA – Nella ripresa arrivano anche i gol. Il secondo tempo si apre comunque con una tegola per l’Arzanese. Al 16’, dopo un duro contrasto, scaramucce tra Gomes e i difensori di casa. A farne le spese però è Florio che nel parapiglia si vede sventolare il cartellino rosso diretto andando anticipatamente sotto la doccia. Con l’Arzanese in dieci uomini l’Aprilia ha l’obbligo di crederci. Vivarini vuole alzare il baricentro e inserisce Ferri Marini per Criaco. Risultati si vedono al 25’, quando arriva la rete del vantaggio apriliano. L’azione nasce sulla destra del fronte d’attacco, con Marfisi che lascia partire un cross basso sul quale si avventa Ferrari che per si avventa come un falco e per primo trova l’appuntamento con la palla con un delizioso tocco sottomisura che non lascia scampo ad Aprea. Sembra fatta, anche perché, con un uomo in meno, l’Arzanese fatica a trovare varchi per il pareggio. La festa dell’Aprilia viene però clamorosamente rovinata al 90’ scoccato. Il pareggio è di Sandomenico. Il neo entrato colpisce su calcio di punizione defilato sulla sinistra da oltre 20 metri. Il tiro potente attraversa una selva di gambe e si va ad insaccare nell’angolino basso della porta di Di Vincenzo. Finita? Niente affatto. Nel recupero, infatti, viene fuori tutto l’orgoglio di un Aprilia che porta a casa tre punti che ormai sembravano persi. Al 49’ ci pensa Ferrari, che ancora una volta è perfetto nel timing e brucia il proprio marcatore trasformando in oro un cross dalla destra.

ARZANESE – APRILIA 1-2
Arzanese
: Aprea, Laezza, Funari, Tarascio, Caso, Riccio, Florio, Visone (11’st Maschio) Improta, Elia, Fragiello (30’pt Sandomenico). A disp.: Moggio, Tommasini, Liccardo, Maschio, Sandomenico, Roghi, Figliolia. All.: Rogazzo,
Aprilia: Di Vincenzo, Vincenzo, Carta, Croce, Sembroni (19’pt Stankovic), Diakitè, Criaco (16’st Ferri Marini), Amadio, Ferrari, Gomes (43’st Corsi), Marfisi. A disp.: Caruso, Tundo, Stankovic, Corsi, Ferri Marini, Sassano, Calderini. All.: Vivarini.
Arbitro: Gianluca Ceccarelli di Rimini. Assistenti: Andrea e Stefano Cordeschi di Isernia.
Marcatori: 25’st. Ferrari, 45’st. Sandomenico, 49’st. Ferrari
Note – Espulsi: 16’st Florio per gioco violento. Ammoniti Visone, Caso,Gomes, Maschio. Spettatori: 300 circa.

Lascia un commento