Boario, quante novità

UN Campo Boario che esce rinforzato dal mercato di dicembre a livello tecnico e soprattutto per quanto concerne la struttura dirigenziale. Da ieri c’è l’ufficialità: Lucio Bruno è il nuovo direttore generale, insieme a Giacomo Paniccia sono i responsabili della prima squadra. «Lo possiamo annunciare – dice Lucio Bruno – il mio ruolo è squisitamente 

Leggi tutto

UN Campo Boario che esce rinforzato dal mercato di dicembre a livello tecnico e soprattutto per quanto concerne la struttura dirigenziale. Da ieri c’è l’ufficialità: Lucio Bruno è il nuovo direttore generale, insieme a Giacomo Paniccia sono i responsabili della prima squadra. «Lo possiamo annunciare – dice Lucio Bruno – il mio ruolo è squisitamente tecnico, con Giacomo Paniccia c’è stata subito una grande sintonia, ha fatto grande calcio e adesso vuole crescere a livello di conoscenza di questi campionati. Qui ho trovato una dirigenza giovane ma con le idee ben chiare, mi sono trovato d’accordo su tutto anche loro puntano tanto sull’immagine e la professionalità, con il sottoscritto hanno trovato una porta aperta. C’è tanta voglia di crescere, è una scommessa che accetto volentieri, qualche anno fa presi il Podgora in quartultima posizione e arrivammo secondi con il ripescaggio in promozione. E’ un progetto basato su un triennio ma se saremo bravi ad anticiparlo non ci tireremo indietro».
Anticipare i tempi vuol dire portare a casa la coppa Italia? «Perché no anche se l’obiettivo principale è quello di arrivare quanto prima alla matematica salvezza. Siamo l’unica società pontina a essere presenti in questa competizione e ci crediamo. Gli innesti di dicembre, e posso già dire che arriverà qualche giocatore svincolato, sono mirati a questo. Giocatori abituati a questo tipo di competizioni, non ci nascondiamo vogliamo entrare nella storia portando a casa la coppa Italia, ma soprattutto per salire in Eccellenza. Perché questo recita il regolamento. La società non si tira indietro, c’è veramente un grande progetto».
Intanto dopo gli arrivi di Di Marco, Ceti, Lubirati, Zanutto e Dimitri Birk, si sono aggiunti al gruppo il portiere Daniele Remiddi ex Anziolavinio, Nettuno, Nemi e Anatrella, il difensore centrale Marco Bocchetta ex Cecchina e l’esterno alto Ottavini ex Latina e Sermoneta. «Giocatori di grande personalità, quella che è mancata nell’ultimo periodo – afferma Giacomo Paniccia – giocatori che hanno tanta fame e voglia di lottare fino al triplice fischio. Lo hanno subito confermato domenica a Sermoneta in una partita dominata in lungo e in largo. Mi è piaciuto tanto l’approccio alla partita, dovrà essere sempre così. Il tecnico Ubaldo Coco? Mi ha colpito la sua intelligenza, l’umiltà e la sua conoscenza del calcio. E’ uno che si aggiorna, è un grande lavoratore. L’atmosfera è totalmente cambiata, leggo nei volti dei ragazzi tanta voglia di fare bene. Il nostro obiettivo rimane sempre lo stesso, raccogliere più punti possibili sempre nel massimo rispetto dell’avversario».

Lascia un commento