Aprilia, operazione Melfi cominciata

TRA le prime cinque del girone B di Seconda Divisione è quella che ha raccolto meno punti nelle ultime quattro giornate. Soltanto quattro sono quelli totalizzati dall’Aprilia che, comunque, si gode ancora la vetta della classifica. Certo, il + 5 dalla seconda in classifica Pontedera, ora appaiata alle rondinelle al primo posto con 27 punti 

Leggi tutto

TRA le prime cinque del girone B di Seconda Divisione è quella che ha raccolto meno punti nelle ultime quattro giornate. Soltanto quattro sono quelli totalizzati dall’Aprilia che, comunque, si gode ancora la vetta della classifica. Certo, il + 5 dalla seconda in classifica Pontedera, ora appaiata alle rondinelle al primo posto con 27 punti sono un lontano ricordo. L’Aprilia dei record di inizio stagione è ripiombato tra i comuni mortali, conoscendo il sapore della sconfitta contro squadre comunque attrezzate come Salernitana e proprio Pontedera. Un tour de force cominciato per i biancoazzurri con la vittoria con il Poggibonsi in casa, poi completato, oltre che con le due sconfitte già citate, con quella di Lecce in Coppa Italia, salvo poi riprendersi, proprio in Coppa, con il prestigioso successo al Quinto Ricci ottenuto con il Perugia poi seguito dal pari interno con il Martina. E’ finita qui? Ancora no, visto che per i ragazzi di mister Vivarini domenica ci sarà una trasferta quantomai ostica. I pontini andranno infatti a far visita ad un Melfi. Una squadra quadrata quella melfitana, guidata da un tecnico esperto come Leonardo Bitetto. Formazione solida che, quando non vince, comunque punta a portare a casa un punto. Lo dimostrano i sette pareggi su tredici partite disputate. Il Melfi è quindi avversario da non sottovalutare assolutamente, nonostante un decimo posto in classifica che pare bugiardo rispetto allo stato di forma dei gialloverdi, reduci da ben sei risultati utili consecutivi di cui quattro pareggi e due vittorie, una contro l’Arzanese, l’altra, domenica scorsa, niente meno conquistata in casa della capolista Pontedera. In mezzo due pareggi contro corazzate come L’Aquila e Salernitana. Dieci i gol subiti che ne fanno la difesa meno perforata dopo la Vigor Lamezia. Meno brillante il dato dei gol fatti, soltanto dieci che fanno dell’attacco calabrese il quarto meno prolifico dopo Hinterreggio, Campobasso e Vigor Lamezia.
Insomma, per Vivarini nella settimana di allenamenti cominciata martedì e proseguita ieri con doppia una doppia seduta sarà come al solito da curare nei minimi particolari. Anche perché adesso, dopo la reazione con il Martina Franca, serve tornare a vincere in campionato, cosa che non accade come detto dalla gara in casa con il Poggibonsi di un mese fa circa. I precedenti tra le due squadre parlano di un Aprilia in vantaggio, con una vittoria e un pareggio esterno ottenute nello scorso campionato, mentre ci sarà da aspettarsi comunque una gara giocata molto sull’agonismo ed equilibrata, visto che in totale, sulle 26 gare che hanno visto protagoniste le due formazioni, ben 17 sono finite con un ‘under’, ovvero con un computo totale inferiore ai due gol (6 quelle dell’Aprilia ben 11 per il Melfi).
Vivarini ritroverà per l’occasione il centrocampista titolare Amadio, che tornerà a far coppia con capitan Croce sulla mediana, mentre saranno assenti Gianmarco Carta, l’esterno basso espulso con il Martina, ed il giovane attaccante portoghese Gomes. A dirigere la gara è stata designata una terna del centro-nord Italia. L’arbitro sarà Andrea Merlino di Udine, che gli appassionati di calcio pontini ricorderanno per la direzione, molto discussa a dire il vero e alquanto casalinga, della gara di Prima Divisione tra Latina e Perugia. A coadiuvarlo saranno gli assistenti Ivan Iorizzo di Rimini e Pier Luigi De Rubeis di L’Aquila.

Lascia un commento