E’ un Sabaudia che macina record

Nel campionato di Prima categoria comanda il Calcio Sabaudia. La formazione di Pino D’Andrea dopo appena sette giornate prova il primo tentativo di fuga, visto il + 5 sulle immediate inseguitrici. Miglior attaccato e difesa meno battuta del girone con l’estremo difensore Rocci che non prende gol da più di 540’. Al momento nessuno riesce 

Leggi tutto

Nel campionato di Prima categoria comanda il Calcio Sabaudia. La formazione di Pino D’Andrea dopo appena sette giornate prova il primo tentativo di fuga, visto il + 5 sulle immediate inseguitrici. Miglior attaccato e difesa meno battuta del girone con l’estremo difensore Rocci che non prende gol da più di 540’. Al momento nessuno riesce a tenere il passo dei gialloblù. E’ un Calcio Sabaudia che esprime personalità tenendo il campo con autorevolezza. Un Sabaudia tosto, concreto e cinico. E’ capace di indirizzare la partite, di interpretarne i momenti a suo piacimento. Personalità, intelligenza tattica, a livello di categoria superiore. Dati di un grande Calcio Sabaudia che si gode questo suo bel momento. A parlarne è il direttore sportivo Massimo De Angelis. «Non c’è alcun miracolo Sabaudia anche se siamo una matricola – afferma il diesse di Sonnino – qui c’è soltanto un lavoro di squadra. Società, staff tecnico e giocatori lavoriamo tutti per un unico obiettivo. I meriti sono di tutti, questo primato è il frutto di un lavoro in cui prevale la logica del gruppo, non dell’individualismo. Solo conservando questa mantalità si possono esaltare le qualità dei giocatori che abbiamo in organico, un gruppo che è composto in gran parte dai giocatori che hanno vinto il campionato di seconda categoria, questo è doveroso ricordarlo. Non è il valore del singolo a trascinare il Sabaudia, ma al contrario uno spogliatoio coeso con alle spalle una grande società».
Niente illusioni, adesso, dice Massimo De Angelis. Non intende caricare troppo la difficile trasferta in casa del Don Bosco Gaeta ma è convinto che il suo Sabaudia non sia una meteora, a parte il risultato di domenica prossima ci saranno le potenzialità per recitare sino in fondo un ruolo da protagonista. «Siamo anche l’unica formazione pontina presente in Coppa Lazio – continua De Angelis – dobbiamo continuare a lavorare senza facili entusiasmi. Le potenzialità per competere alla pari con tutti ci sono. Prima dell’inizio del campionato nessun addetto ai lavori giustamente aveva inserito il Sabaudia tra le favorite alla vittoria finale, hanno cominciato a parlarne dopo un mese di campionato. Come sempre alla fine è solo il campo quello che emette il verdetto».
Nel pomeriggio di ieri in casa del Calcio Sabaudia è arrivata la notizia della scomparsa del papà di Pino D’Andrea, tutto il calcio provinciale esprime le sue sentite condoglianze al tecnico e a tutta la sua famiglia.

Paolo Annunziata

Lascia un commento