Derby al Cisterna. Stop inaspettato per il Terracina

IL DERBY dice Cisterna. I ragazzi di Manolo Patalano infilano il secondo successo consecutivo contro formazioni pontine superando in casa il Podgora con un secco 3-0. Un successo che regala i biancoceleste di nuovo una classifica più gratificante a dispetto di un Podgora che torna ad occupare la penultima posizione della graduatoria. LA CRONACA – 

Leggi tutto

IL DERBY dice Cisterna. I ragazzi di Manolo Patalano infilano il secondo successo consecutivo contro formazioni pontine superando in casa il Podgora con un secco 3-0. Un successo che regala i biancoceleste di nuovo una classifica più gratificante a dispetto di un Podgora che torna ad occupare la penultima posizione della graduatoria.

LA CRONACA – Gara condizionata da pioggia abbondante e forte vento. Il Pro Cisterna pressa alto rintanando i borghigiani nella propria trequarti. Al 6’ Liccardi scalda le mani a Ristic con un colpo di testa dall’altezza del dischetto. La spinta dei locali produce la rete del vantaggio al 13’. Ancora Liccardi, tra i più attivi raccoglie un cross di Suppa e gira in rete per l’1-0. Il gol galvanizza la banda di paralano che al 20’ sfiora il 2-0 con Mariti, con la conclusione del classe 91’ fuori bersaglio. Ma il gol è nell’aria e arriva puntualmente quattro minuti dopo: calcio d’angolo per i cisternesi e colpo di testa vincente di Roberti. Alla mezz’ora Roberti scende sul settore sinistro del campo tira dal limite impegnando Ristic a terra.
Nella ripresa, il maltempo non sembra avere pietà delle due formazioni che continuano a giocare sotto un violento acquazzone. I primi a renderso pericolosi sono di nuovo i locali. Mariti al 3’ dribbla Pacchiarotti e dal limite calcia con la sfera che finisce a lato, al 5’ il primo tentativo degli ospiti con Cifra ben servito da Martellacci prova a sorpendere un Sambucini attento a deviare in angolo. Borghigiani ancora pericolosi con Martellacci all’11’ poi al 30’ il gol che fa scorrere i titoli di coda: De Gennaro in dribbling sulla destra salta Cannariato prima e Grasso poi, alza la testa e serve al centro Liccardi che beffa Ristic con un pregevole tocco di tacco.
Si chiude così al meglio in via Lombardia la settimana iniziata con il blitz di Formia e chiusa ieri con il tris sui cugini borghigiani che lascia ben sperare una risalita in classifica. Il Podogra invece ancora una volta dimostra il poco cinismo lontano dal Buongiorno dove arriva la quinta sconfitta esterna. Per raggiungere la seconda storica salvezza in Eccellenza i borghigiani devono incominciare a raccogliere punti anche in trasferta.
Gabriele Mancini

TRASFERTA amara per il Terracina. I tigrotti escono sconfitti sul terreno di Genazzano contro il Valmontone (sua momentanea casa). Un ko arrivato al secondo minuto di recupero quando tutti quanti aspettavano il triplice fischio e invece è arrivata la zampata di Cianni che costringe così il Terracina a tornare dietro il Morolo, ieri vittorioso contro il Formia.

LA CRONACA – Mister Cucciari non si fida del Valmontone e schiera una formazione abbottonata pronta però a far male con la velocità di Neri e l’imprevedibilità di Marzullo. Il tecnico locale Cirdi effettua la contromossa mettendo Risi in marcatura a uomo sul mago ex Formia e Gaeta. La prima azione degna di nota arriva alla mezz’ora con un’azione ubriacante proprio di Marzullo che libera Marco Neri solo davanti a Fortunati, con quest’ultimo che ipnotizza l’ex Lupa Frascati al momento del tiro, sulla sfera La Cava con Fortunati che compie un autentico miracolo negando un gol ai tigrotti già fatto. Prima del riposo arriva l’occasione per il Valmontone. E’ il 41′ quando Martino coglie in pieno il palo con la sfera che arriva dalle parti di Cianni che da pochi passi spinge in rete con l’arbitro che annulla per fuorigioco. L’inizio della ripresa, vede ancora i locali in avanti su palla inattiva: punizione di Prati per la testa di Martino ed il pallone finisce sul palo esterno dando l’illusione del gol. Un minuto dopo ancora i giallorossi pericolosi con una discesa di Cianni, che entra in area, va al tiro ravvicinato con Salemme bravo a dirgli di no. Al 31′ Marzullo serve Neri sulla linea del fuorigioco il numero sette di Cucciari fugge via superando in velocità Bailonni, vede Fortunati fuori dai pali e prova un beffardo pallonetto che l’estremo difensore può solo guardare con la palla che si spegne sul fondo. Nel finale la gara vive di fiammate da una parte e dall’altra. Al secondo minuto di recupero arriva il gol che decide il match: azione del subentrato Latini, cross dalla sinistra per Valentino che anticipa Bernisi e offre sottomisura in mezzo per Cianni che spinge dentro il pallone, questa volta in posizione regolare. L’orgoglio del Terracina porta tutti i suoi effettivi in avanti nei secondi finali. Una punizione in mezzo l’area locale di Marzullo trova l’assist di Neri a Di Florio, che sciupa da due metri il gol del pari.

Seconda sconfitta consecutiva per il Formia di Pino Selvaggio, anche se al cospetto di una delle big del campionato come il Morolo. I biancocelesti cominciano con il piglio giusto e al 16’ sfiorano il vantaggio con Iezzi, in dubbio fino a pochi minuti prima della partita. Il pallone dell’attaccante biancoceleste termina di poco a lato. Al 34’ ci prova Carlini per i padroni di casa, bravo Leone a respingere. Nella ripresa i padroni di casa dilagano. Al 3’ arriva il vantaggio firmato da Carlini dopo un bello scambio con Perrotti. Neanche il tempo di riorganizzarsi per il Formia che arriva il raddoppio, al 10’: Traversone dalla sinistra respinto da Leone, che nulla può sulla ribattuta a rete ancora di Carlini. Lo stesso Carlini al 18’ trova anche la tripletta personale, sfruttando al meglio un bel filtrante di Carnevali. E’ notte fonda per il Formia, che non riesce a riorganizzarsi. Selvaggio si gioca la carta Doukara, che al 38’ sfiora il gol della bandiera con una bella conclusione dal limite che si spegne di poco a lato. Al 40’, però, arriva il poker con Perrotti, autore di una gran giocata dal limite dell’area con il pallone che si infila all’incrocio dei pali. Decisamente troppo Morolo per i tirrenici. La coppia Perrotti-Carlini si conferma letale: ben 22 i gol segnati in due.

IL GAETA vince e convince. Con una prestazione maiuscola la squadra di mister Melchionna ha travolto un Tor Sapienza battuto con due goal per tempo. I biancorossi sono partiti forte e dopo i primi minuti si era già capito che la squadra aveva un altro piglio. L’innesto di Capuozzo ha dato sicuramente maggiore incisività all’attacco pontino. Dopo tre minuti era Bosco che si faceva pericoloso e al 22 era Zingrillo che metteva i brividi alla schiena della formazione romana che capitolava al 22′. Mantoan lavorava un pallone sull’out destro e sul suo cross si avventava Capuozzo che di testa realizzava. I capitolini cercavano una timida reazione, ma la punizione di Quadrini veniva bloccata da Capodici. Alla mezzora il Gaeta raddoppiava grazie ad a Visciglia che realizzava un calcio di rigore concesso per un atterramento in area dello stesso attaccante. La partita si metteva in discesa per i padroni di casa (si fa per dire visto che il match si è giocato a Itri), i quali nel secondo tempo arrotondavano il punteggio. Al 31′ era Emma che si incuneava nella difesa romana e lasciava partire un tiro cross sul quale si avventava Bosco, che portava a tre le reti per i ragazzi cari al presidente Belalba. Proprio allo scadere era Sandu che raccoglieva applausi con una rete scaturita dopo una serie di finte che hanno disorientato l’avversario diretto; il neo entrato poi faceva partire un diagonale che si infilava sul secondo palo della porta del Tor Sapienza. Una vittoria che rilancia il Gaeta e dedicata sicuramente a Cosmo Buccarello, lo storico ex segretario ed ex presidente del Gaeta, scomparso la settimana scorsa.

Mancini e Stefanelli

VALMONTONE – TERRACINA 1-0
Valmontone: Fortunati, Bailonni , Neri L., Risi, Ciorciolini, Leccese, Niro, Prati (39’st Latini), Cianni, Valentino, Martino. A disp.: Caldaroni i., Caramanica, D’Imperia, Marcotulli, Pangrazi, Finocchi. All.: Ciardi
Terracina: Salemme, Bernisi, Serapiglia,Vitale (35’st Langiotti), Di Franco, Botta M., Neri, Mucciarelli, Notarfonso (12’st Minieri), Marzullo, La Cava (38’st Di Florio ). A disp.: Cuomo, La Vecchia, Campobasso, Bottiglia. All.: Cucciari
Arbitro: De Santis di Lecce
Marcatori: 47′ st Cianni (V).
Note – Ammoniti: Ciorciolini, Leccese, Bernisi, Niro, Prati, Latini, Langiotti

NUOVA CIRCE – LARIANO VELLETRI 0-3
Nuova Circe: Corsi, Toti, Onorato, Omizzolo, Seppani, Totaro Al., Monti, Bernardo, Totaro R., Berti, Cinelli. A disp.: Bernola, De Simone, Falso, De Santis, Fedeli, Repele, Fagioli. All.: Marzella
Lariano Velletri: Mattogno, Rossi, Moroni, Fioravanti, Razzini, Martelli, Soldano, Pestrin, Federici, Scacchetti, Fiore. A disp.: Marini, Zarlenga, Tartaglia, De Vecchis, Battista, Gallaccio. All.: Di Rosa
Arbitro: Maranesi di Ciampino, assistenti Santoro e orsini di frosinone
Marcatori: 36’pt Federici, 44’st Gallaccio, 47’st Moroni
Note – Espulsi: Al 21’ st Omizzolo per somma di ammonizioni. Ammoniti Berti, Corsi, Pestrin, Gallaccio

MOROLO-FORMIA 4-0
Morolo: Mangiapelo, Kanku, Paris, Capuano, Marongiu, Frioni, Frasca (33’ st E. Carlini), Gaitan, Perrotti M., Carnevali (41’ st Caponera), Carlini A. (35’ st Federici) A disp.: Salvitti, Fontana, Aulicino, Ndaw. All. F. Perrotti
Formia: Leone, Diana, Turripano, Pellino (43’ st De Meo), Alterio, De Santo, Di Paola, Volpe, Mariniello (27’ st Petronzio), Parasmo (27’ Doukar), Iezzi. A disp.: Falco, Pomposo, Pirolozzi, De Santis. All. Selvaggio
Arbitro: Garofalo di Torre del Greco (Monaco-Costantini).
Marcatori: 3’ st, 10’ st e 17’ st Alessio Carlini, 40’ st Perrotti
Note: giornata leggermente piovosa. Ammoniti Kanku, Paris (M) , Mariniello, Pellino, Volpe (F); Recuperi 1’ pt e 2’ st

PRO CISTERNA- PODGORA 3-0
Pro Cisterna 1926: Sambucini, Iacobacci, Pinna, Suppa, Amoroso, Incitti, De Gennaro, Di Girolamo(30’st Ciaciò), Roberti (34’st Arcobelli), Mariti(40’st Maisto), Liccardi. A disp.: Alfieri, Callori, Rizzuti, D’Amico. All.: Patalano
Borgo Podgora: Ristic, Grasso, Pacchiarotti, Cannariato(34’st Armeni), Di Giulio, Trapani, Cifra (20’st Martena), Scarabello (38’pt Fantin), Matteo, Martellacci, Cassandra. A disp.: Angrisani, Porcelli, Tiligna, Lauteri. All.: Paloni
Arbitro: D’Aquino di Roma1, Rufo (Rm2) e Pediani (Civitavecchia)
Marcatori: 13’pt, 30’st Liccardi, 24’pt Roberti
Note – Ammoniti: Matteo, Suppa, Cannariato, Incitti, Pinna

GAETA – TOR SAPIENZA 4-0
Gaeta: Capodici, Mantoan, Colozzi, Bosco (36’st Romeo), Calabrese, Di Emma, Emma, Leccese, Capuozzo (23’st Formidabile), Visciglia (32’st Sandu), Zingrillo. A disp.: Maffeo, Elitro, De Meo, Bruno. All.: Melchionna
Tor Sapienza: Salatino, Alongi, Sembroni, Borghi (20’st Brisciana) Latini, Bolzan (34’st Manzo), Palombi, Urbani, Giacani, Quadrini, Muratore (10′ st Sganga). A disp.: Colangeli, Barretta, Bussaglia, Matarrelli. All.: Apuzzo
Arbitro: Mattera di Roma 1
Marcatori: 25’pt Capuozzo (G), 31’pt Visciglia (G) (rig), 31’st Bosco (G), 46’st Sandu (G)
Note: Espulso al 40’st Sganga (TS) per gioco violento. Ammoniti Sembroni, Urbani, Quadrini, Bosco, Di Emma, Emma, Leccese, Zingrillo. Gara disputata al Comunale di Itri per indisponibilità del Riciniello; al 31’pt allontanato il tecnico del Tor Sapienza, Apuzzo. Spettatori: 300 circa

Lascia un commento