Sabaudia, derby e primato consolidato

UN lampo e poco più. Tanto basta al Calcio Sabaudia per aggiudicarsi l’atteso derby contro il Bella Farnia e allungare sui cugini in classifica, prolungare la striscia positiva e mantenere la vetta del raggruppamento G. Il primo storico derby tra le due sabaudiane in Prima categoria non regala emozioni, anzi, delude chi si sarebbe aspettato 

Leggi tutto

UN lampo e poco più. Tanto basta al Calcio Sabaudia per aggiudicarsi l’atteso derby contro il Bella Farnia e allungare sui cugini in classifica, prolungare la striscia positiva e mantenere la vetta del raggruppamento G. Il primo storico derby tra le due sabaudiane in Prima categoria non regala emozioni, anzi, delude chi si sarebbe aspettato una gara ricca di occasioni tra due squadre che, finora, hanno dimostrato un ottimo assetto tattico e un altrettanto buono impianto di gioco. Al Nalli, complice forse la paura di perdere ed un campo reso pesante dalla pioggia, si è giocato con il più classico «palla lunga e pedalare», preferito ad un gioco fluido e palla a terra che le due formazioni hanno cercato di esprimere soltanto nelle prime battute.

LA CRONACA – Eppure lo speculare 4-3-3 con cui Salvatori e D’Andrea decidono di affrontarsi aveva fatto pensare ad una gara diversa. Dalla parte del Bella Farnia il forfait dell’ultimo istante di Rosella costringe il tecnico ex Faiti a ridisegnare la difesa e dare un occhio alle esigenze dettate dai giovani di Lega. Ci rimette Zanutto, costretto alla panchina e sostituito tra i pali da Vergara, che comunque si è fatto trovare pronto. Al centro della difesa, invece, Guadagno sostituisce proprio Rosella, con al fianco Pozzobon, confermato dopo l’ottima prova con il Norma. Sulla sponda sabaudiana il grande ex Tabanelli è assente per squalifica. D’Andrea chiama quindi a rapporto Parisella e Vuolo, rispettivamente a destra e sinistra, per sostenere Cerqua punta centrale. A centrocampo il tris Racciatti, l’ex Saoud e Corni.  Nei primi minuti le due formazioni si studiano. Ad un leggero predominio territoriale del Bella Farnia nei primi 15 minuti risponde il Sabaudia, pronto a rintuzzare gli attacchi dei locali con Montano e Aquilani,bravi a far valere il gap in termini di centimetri sui brevilinei Castello e Critelli. Da Pinti arriva comunque qualche punzecchiata dalla destra, ma Rocci non è quasi mai chiamato in causa. D’Andrea non è soddisfatto e cambia subito. Dentro Lauretti per uno spento Parisella già al 17’. Scelta coraggiosa, premiata soli 7’ più tardi. Il primo vero lampo del Sabaudia corrisponde infatti con il gol. Da una punizione batutta dalla propria difesa, Buonanno si trova una prateria davanti e scivola come un fulmine sulla sinistra, fino a giungere al limite dell’area e sparare a rete. Vergara respinge con i pugni ‘risputando’ la palla nell’arietta piccola. Lauretti, bravo a seguire l’azione, anticipa tutti e mette in fondo al sacco la rete che si rivelerà decisiva. Segue un bel tentativo di Vuolo in pallonetto che non sorprende Vergara. Alla mezzora la risposta del Bella Farnia con l’occasionissima per il pareggio. Bello il fraseggio a metà campo che porta Gabrieli al tiro poi respinto da Rocci. L’azione

non muore lì ed è lo stesso Gabrieli ad alimentarla con un bolide da trenta metri che si abbassa all’improvviso incocciando sulla traversa. Sul tap-in c’è Coletta che in spaccata anticipa Montano. Sembra gol, ma il tentativo del mediano di casa trova solo l’esterno della rete.

LA RIRPESA – Nella ripresa il Bella Farnia parte bene e al 10’ squilla con Pinti che serve al centro Castello. Il suo destro, però, trova il corpo di Aquilani. Al quarto d’ora tocca al Sabaudia. Lauretti serve Cerqua che in corsa spara di destro alto da buona posizione. Salvatori vuole il pari e rinforza l’attacco inserendo a  cadenza di cinque minuti tre punte come il rientrante Palmarini, Rossi e, in ultimo, Mattarelli. Ma l’organizzazione del Sabaudia prevale e, insieme al campo sempre più pesante, inibisce le possibilità di offendre di un Bella Farnia che non riuscirà più a renderesi pericoloso. I biancoverdi scivolano a -4, ma allo stesso tempo non escono ridimensionati da una sfida che, ai punti, avrebbero meritato di pareggiare.

BELLA FARNIA – CALCIO SABAUDIA 0-1
Bella Farnia:
Vergara, Morelli (39’st Mattarelli), Pozzobon, Attivani, Guadagno, Gabrieli (30’st Rossi), Pinti, Mancini, Critelli (23’st Palmarini), Castello, Coletta. A disp.: Zanutto, Santini, Dima, Rosella. All.: Salvatori

Calcio Sabaudia: Rocci, Andrita, Bonanno, Saoud (34’st Raffaello), Aquilani, Montano, Parisella (17’pt Lauretti), Corni, Racciatti, Vuolo, Cerqua (28’st Bono). A disp.: Di Cola, Abd El Hamid, Sinigallia, Termini. All.: D’Andrea

Arbitro: Paloni di Ostia
Marcatori: 25’pt Lauretti
Note – Ammoniti Guadagno, Palmarini, Aquilani, Vuolo

Lascia un commento