L’ex Mariniello decide il derby del Golfo. Il Terracina è grande

È il Formia di Pino Selvaggio ad aggiudicarsi il derby del Golfo in casa del Gaeta, una delle gare più sentite del basso Lazio che torna a disputarsi dopo quattro anni di assenza. Alla formazione biancoceleste basta un gol dell’ex gaetano Mariniello per aver ragione di un Gaeta propositivo in avanti ma fortemente impreciso al 

Leggi tutto

È il Formia di Pino Selvaggio ad aggiudicarsi il derby del Golfo in casa del Gaeta, una delle gare più sentite del basso Lazio che torna a disputarsi dopo quattro anni di assenza. Alla formazione biancoceleste basta un gol dell’ex gaetano Mariniello per aver ragione di un Gaeta propositivo in avanti ma fortemente impreciso al momento dell’ultimo passaggio. Trovato il gol del vantaggio, il Formia ha disputato un’ottima gara in fase di copertura, attaccando prevalentemente sulle ripartenze.

LA CRONACA – Per stemperare la tensione, prima del fischio d’inizio i due presidenti Belalba e Zangrillo si sono stretti la mano davanti ai tifosi e, in effetti, il clima sugli spalti è rimasto sostanzialmente tranquillo per tutti i 90 minuti. Tra le fila biancocelesti ancora in panchina De Santos, mentre nel Gaeta assenti Calabrese, Emma e Reali per squalifica. Il Gaeta parte meglio, sembra più aggressivo e al 7′ va vicino al vantaggio: fa tutto bene capitan Visciglia, che calcia centralmente e trova la deviazione in angolo da parte di Leone. Il Formia risponde All’11’ con una bella ripartenza di Iezzi che serve in mezzo Mariniello, anticipato in corner da un difensore. Sull’angolo successivo ancora Mariniello colpisce la traversa, ma il guardalinee ferma tutto per una posizione di fuorigioco dello stesso attaccante. Ancora Gaeta in avanti al 15′ con Mantoan, salva tutto De Santo. Al 19′ punizione di Visciglia, pallone che termina alto sopra la traversa. Il Formia, però, non molla e al 26′ possa clamorosamente in vantaggio: gran cross di Iezzi per la testa di Mariniello, che firma il più classico dei gol dell’ex. Gli ospiti insistono e al 29′ sfiorano il 2-0 con Parasmo, che però trova solo l’esterno della rete. La reazione gaetana non arriva e il Formia può amministrare con ordine il vantaggio. Al 29′ Parasmo mette in mezzo un tiro-cross insidiosissimo che attraversa tutto lo specchio della porta senza che nessuno riesca a intervenire. Si va negli spogliatoi su punteggio di 1-0 in favore del Formia. La ripresa si apre con un’occasione per il Gaeta: Nunziata serve Visciglia in area, ma il capitano biancorosso spreca calciando centralmente. Poco dopo il Geta reclama un calcio di rigore per un fallo di mano in area, ma la distanza era molto ravvicinata. È assalto biancorosso nella ripresa, al 6′ una punizione di Visciglia viene deviata in corner dalla barriera. Due minuti più tardi è Zingrillo a dare l’illusione del gol, ma il pallone finisce sull’esterno della rete. Selvaggio vede i suoi in difficoltà e decide di coprirsi: fuori Parasmo, dentro De Santis. Il Formia prova a scuotersi con il solito Mariniello al 16′, pallone a lato. Il Formia adesso è tutto chiuso a difesa del risultato, con il Gaeta che attacca ma senza pungere. In pieno recupero Leone anticipa Visciglia a un metro dalla porta, ma l’assedio Gaetano no sortisce risultati. Al «Riciniello» finisce, dunque, 1-0 in favore del Formia. Piuttosto movimentato anche il dopogara, con il tecnico del Gaeta beccato ferocemente dal proprio pubblico, che lo ha invitato più volte ad andarsene. Ovviamente felici, invece, i tifosi accorsi da Formia, che con questa vittoria possono finalmente guardare la classifica con ritrovato ottimismo.

IL TERRACINA ha preso il via. I tigrotti di Cucciari fanno la voce grossa anche nel big match del «Nando Marocco» di Morolo, valido come nona giornata del girone B di Eccellenza, superando 2-1 la capolista grazie a una doppietta di Neri. Un Terracina ben messo in campo e cinico sotto porta ha dato così il primo dispiacere stagionale al Morolo e adesso lo tallona a due lunghezze (20 contro 18). La cronaca. Padroni di casa subito pericolosi al 4’ del primo tempo con un colpo di testa di Perrotti che si perde alto sulla traversa. Al 24’ è ancora il Morolo ad essere pericoloso sugli sviluppi di un calcio d’angolo: Carnevali pesca in area Marongiu che però spara alto. Il primo tempo si chiude di fatto qui, con poche azioni degne di nota e tanto nervosismo in campo. La prima azione della ripresa è di marca morolana, con Carlini che scambia con Perrotti, calcia dal limite ma la sfera sorvola la traversa. Al 20’ è ancora la formazione di Perrotti a farsi vedere con un’azione di rimessa che Morici calcia in porta: la conclusione è deviata. Dagli sviluppi del corner Carnevali scambia con Carlini e quest’ultimo lascia partire un tiro che, grazie a una deviazione, beffa Salemme per il vantaggio del Morolo. La risposta del Terracina non si fa attendere e già al 27’ la gara è di nuovo in parità: Festa calcia dal limite dell’area, la sfera termina sulla traversa e Neri è il più lesto di tutti ad infilare la porta di Salvitti per l’1-1. Il Morolo accusa il colpo ed il Terracina ne approfitta al minuto 33’, quando La Cava trova in area Neri che devia verso la porta con Salvitti che si fa sorprendere e con il Terracina che si porta in vantaggio. Ancora i tigrotti si rendono pericolosi con Neri al 41’, con la palla che termina alta di poco. L’ultima azione del match la confeziona Ndaw che serve Morici, ma il tiro del centrocampista biancorosso è debole.

UN punto per ripartire. La Pro Cisterna impatta 0-0 in casa contro la coriacea Lupa Monterotondo. Gara che ha visto prelevare la formazione romana sul palleggio con i pontini che hanno offerto una prestazione fatta di attenzione e sacrificio.
LA CRONACA – Partenza sprint per l’undici di Piras. Al 7’ospiti vicini al vantaggio, ma la conclusione di Muzzocchi si stampa sul palo. Tre minuti dopo Attili impegna in tuffo Sambucini. Al 16’ ancora ospiti in evidenza con Sola, ben servito da Muzzocchi, sciupa davanti a Sambucini. Per vedere la Pro Cisterna rendersi pericolosa bisogna aspettare il 37’. Mariti ben servito da un cross di De Gennaro, arriva in ritardo all’appuntamento con la sfera.
La ripresa si apre sulla falsa riga della prima frazione con gli ospiti a fare la gara e la Pro Cisterna attenta a non prenderle. Il ritmo scende e le occasioni degne di nota si contano con il gontagocce. La più importante della seconda frazione arriva al 38’ ed è di marca romana: Ascenzi colpisce il secondo legno di giornata per la disperazione di mister Paris. Il tecnico dei biancocelesti Patalano, cambia schema e interpreti, sfruttando le tre sostituzioni, imbavagliando così la Lupa. Nel finale di gara si accendono gli animi con il direttore di gara Fine che manda anzitempo Abis sotto la doccia, distribuendo cartellini gialli in entrambi gli schieramenti. Non succede più nulla fino al triplice fischio. Un punto che è puro ossigeno dopo la settimana travagliata per i pontini, in attesa di conoscere eventuali sviluppi sulle dimissioni dell’ex diggì Lucio Bruno.

SECONDO pareggio stagionale per il Borgo Podgora che a Boville blocca l’Atletico sullo 0-0. I pontini così, dopo la vittoria nell’ultima giornata contro il Ceccano, muovono ancora la classifica e pensano già al prossimo impegno, il derby del Buongiorno contro il Gaeta.
LA CRONACA – Più pericolosi nella prima frazione i ciociari che hanno sfiorato il vantaggio in più occasioni trovando sulla loro strada un insuperabile Ristic, davvero in giornata di grazia. Nella ripresa, l’espulsione del giocatore locale di Diagnè ha reso il match più combattuto e meno spettacolare con il Podgora che col passare dei minuti ha preso in mano le redini del gioco, creando più di qualch pericolo dalle parti di De Robertiis. Al triplice fischio lo 0-0 che ne scaturisce fa più felice il Podgora che esce indenne da un campo di una diretta concorrente e lascia l’amaro in bocca in casa ciociara per l’occasione persa. Un’amarezza che nel post gara ha vissuto attimi di tensione quando c’è stato un duro faccia a faccia ta il tecnico del Boville Fraioli e i suoi giocatori.

GAETA – FORMIA 0-1
Gaeta: Capodici, Di Emma, Colozzi (37′ st Sim. Leccese) Romeo (18 ‘ st Bosco), Fortunato, Elitro (18′ st Bruno), Mantoan, Sam. Leccese, Zingrillo, Visciglia, Nunziata. A disp.: Maffeo, G. De Meo, Sandu, Armenio. All.: Melchionna
Formia: Leone, Amitrano, Turripano, Pellino (39′ st N. De Meo), Alterio, De Santo, Di Paola, Volpe, Mariniello (27′ st Pomposo), Parasmo (10′ st De Santis), Iezzi. A disp.: Falco, Cacace, Petronzio, Pirolozzi. All.: Selvaggio
Arbitro: Ragone di Ciampino (assistenti: Caretti di Roma 1 e Campagna di Cassino)
Marcatori: 26′ pt Mariniello
Note: spettatori 600 circa. Ammoniti Leccese, Mariniello, De Santo, Di Emma, Turripano. Recuperi 0′ e 4’.

PRO CISTERNA – LUPA MONTEROTONDO 0-0
Pro Cisterna 1926: Sambucini, Iacobacci (16’st Callori), Pinna, Suppa, Amoroso, Incitti, De Gennaro, Di Girolamo, Roberti (35’st Rizzuti), Mariti, Liccardi (18’st Arcobelli). A disp.: Alfieri, Campoli, Maisto, Conciatori. All.: Patalano
Monterotondo L.: Placidi, Forti, Gentili, Diaw, Piccheri, Beccarini, Abis (28’st Carletti), Ciasca, Attili, Muzzachi (21’st Ascenzi), Sola (26’st Cadeddu). A disp.: Ludovici, Amici, Conciatori, Patacchiola. All.: Paris
Arbitro: Fine di Battipaglia, assistenti Carbotti (Albano) e Affronti (Ostia)
Note – Espulsi: al 47’st Abis per doppia ammonizione. Ammoniti: Liccardi, Gentili, Attili, Pinna

MOROLO – TERRACINA 1-2
Morolo: Salvitti, Kanku Orsinetti, Paris (35’st Ndaw), Marongiu, Frioni, Salvi (35’st Caponera), Morici, Perrotti(7’st Federici), Carnevali, Carlini Al. A disp.: Amati, Tartaglione, Capuano, Carlini Em. All.: Perrotti
Terracina: Salemme, Bernisi, Serapiglia, Vitale (48’st Minieri), Campobasso, Botta, Neri, Festa, Mucciarelli, Marzullo (28’st La Cava), Lavecchia (15’st, Notarfonso). A disp.: Cuomo, Altobelli, Langiotti, Bottiglia. All.: Cucciari.
Marcatori: 20’Carlini (M), 27’st Neri (T), 33’st Neri (T)
Arbitro: Dante di Roma (Assistenti: Devanna e Delle Fontana di Ciampino)

BOVILLE- ASD BORGO PODGORA 0-0
Boville: De Robertiis, Santopadre P, Del Gaudio, Pagnani (25’st Vitali), Narodianni, Diagnè, Paolillo, Iozzi, Cerroni (32’st Fiorelli), Migliorelli (28’st Testa), Santopadre. A disp.: Fiorini, Capogna, Ferrante, Villani. All.: Fraioli
Borgo Podgora: Ristic, Grasso, Pacchiarotti, Cannariato, Trapani, Di Giulio, Cifra, Fantin (36’st Scarabello), Matteo, Martellacci, Cassandra. A disp.: Angrisani, Martorana, Porcelli, Sossai, Martena, Tiligna. All.: Paloni
Arbitro: Caltabiano di Roma.
Note – Espulsi: al 18’st Diagnè per somma di ammonizioni. Ammoniti: Martellaci, Dignè, Paolillo.

Lascia un commento