La Circe sgambetta il Formia. Bene Podgora, il Terracina non vince più

LA Nuova Circe rovina il ritorno al Perrone di Davide Palladino. I sanfeliciani superano i cugini pontini del Formia1905 per 2-0, trovando così un successo che mancava dal primo turno. Buio pesto per i colori formiani, lo scossone degli ultimi giorni, al momento, non ha prodotto l’effetto sperato. LA CRONACA – Al 22’ De Simone 

Leggi tutto

LA Nuova Circe rovina il ritorno al Perrone di Davide Palladino. I sanfeliciani superano i cugini pontini del Formia1905 per 2-0, trovando così un successo che mancava dal primo turno. Buio pesto per i colori formiani, lo scossone degli ultimi giorni, al momento, non ha prodotto l’effetto sperato.
LA CRONACA – Al 22’ De Simone prova a servire Di Matteo, che non ci arriva per un soffio. I ritmi non sono altissimi, la formazione di casa sente troppo il peso di dover fare risultato per forza per risollevare una classifica che inizia a fare paura. Il risultato rimane così inchiodato sullo 0-0 fino al riposo. In avvio di ripresa, la formazione ospite scende in campo più convinta e dopo cinque minuti trovano la rete del vantaggio. Di Matteo fa tutto da solo: si accentra, si libera per il tiro e sfodera un bolide dalla distanza su cui Falco non può fare davvero nulla. Il gol taglia le gambe ai ragazzi di Palladino. E’ notte fonda per il Formia, che sembra non sapere più come vincere. Il tecnico di casa inserisce anche Iezzi al posto di Volante, ma la musica non cambia. Alla mezz’ora Bianchi fa scorrere i titoli di coda sulla gara quando tocca di mano la palla in piena area. Un’ingenuità che regala il calcio di rigore alla Nuova Circe. Sul dischetto si presenta Fiore, che prima si fa ipnotizzare da Falco e poi è più lesto di tutti sulla ribattuta, insaccando la rete del 2-0. A questo punto il Formia sembra non averne davvero più. Finisce dunque 2-0 per la Nuova Circe, che sale a quota 8 punti. La classifica biancoceleste fa decisamente più paura: cinque punti e terzultima posizione.

E’ stata la partita del botta e risposta e del gol dell’ex Morelli in pieno recupero. Così può essere sintetizzata la gara tra Vis Artena e Gaeta, terminata con un risultato di parità giusto, ma che lascia tanta amarezza ai pontini, che in vantaggio di una rete e con un uomo in più si sono fatti raggiungere a pochi secondi dalla fine da un’incornata di Morelli. Un colpaccio in trasferta sfumato in extremis e che ormai sembrava a portata di mano. Nel primo tempo il Gaeta riusciva a tenere bene il campo, manifestando una maaggiore supremazia nel controlo della manovra; al 9′ Mantoan sfiorava di poco la porta dei castellani, i quali si facevano vedere dalle parti di Capodici poco dopo la mezzora con Cristofari. Nunziata dava vivacità alla manovra dei tirrenici, tanto che prima sfiorava il bersaglio su calcio da fermo e poi impegnava Zaottin. La felice vena di Nunziata si confermava ad inizio ripresa, quando l’attaccante realizzava il gol del vantaggio gaetano, che durava pochi secondi, in quanto un minuto dopo Cini realizzava il gol che riequilibrava il match. Sulle ali dell’entusiasmo i locali si facevano pericolosi con Morelli, ma rimanevano in dieci per l’espulsione di Ronchetti, incappato nella seconda ammonizione. La superiorità numerica non si notava in campo ed anzi era Cini che mandava di poco la palla a lato. Ma Nunziata era ancora pronto a mettersi in luce e a cinque dal termine confezionava un pallone per Mantoan che con una botta precisa, sorprendeva l’estremo di casa. Sembrava fatta ma, all’ultimo giro di orologio, Morelli indovinava il colpo di testa giusto che superava Capodici ed evitava ai suoi la sconfitta. Il Gaeta ha comunque dimostrato di avere delle potenzialità e di poter recitare un importante ruolo in un campionato difficile come quello di eccellenza.

IL Terracina non sa più vincere. Nel sesto turno arriva il terzo pareggio consecutivo per i tigrotti. Poche occasioni e tanta noia contro l’Atletico Boville Ernica dell’ex Fraioli. Tirrenici privi di idee, apparsi svogliati. Una prestazione che ha scatenato la contestazione di una parte della tifoseria.
LA GARA – Inizio molle del Terracina che nonostante il predominio territoriale non impensierisce mai il portiere De Robertis. La prima occasione è dei ciociari che colpiscono il palo con Iozzi al 14’: il centrocampista tra i migliori in campo ha tentato spesso la conclusione dalla distanza. Al 20’ La Cava reclama il rigore per un pestone in area, ma l’arbitro aveva già fermato il gioco per un’infrazione di Marzullo. I tigrotti non si affacciano in avanti, allora Marzullo tenta direttamente il tiro su punizione. Il suo destro al 27’ è alto. Il primo tempo non offre altri spunti. La ripresa? La reazione del Terracina è timida. Al 7’ punizione a lato di Iozzi. Al 14’ Salemme si fa trovare pronto su una conclusione dalla distanza di Cerroni. Al 22’ si vede finalmente Neri. Il centrocampista si libera al tiro, ma il suo tentativo completamente sballato per poco non diventa un assist per Marzullo. Al 25’ spunto di La Cava, che va via sulla sinistra ma si perde sul più bello. L’occasione più ghiotta arriva al 44’, quando Neri dopo un pasticcio della difesa del Boville Ernica colpisce il palo in rovesciata a porta sguarnita. Un minuto più tardi La Cava serve un assist a Neri, che di testa manda a lato. Nel finale espulso La Cava per fallo di reazione. A fine gara l’amare parole del copresidente Attilio Saturno: «Non c’è carattere – ha sentenziato il numero uno dei tirrenici – I ragazzi devono dimostrare il loro valore, vale dire quello che non hanno fatto contro il Boville Ernica».

PRIMA sconfitta stagionale per la Pro Cisterna. La banda di Patalano cede di misura nella tana del Valmontone. I biancocelesti sono apparsi sotto tono, lasciando l’iniziativa ai padroni di casa. LA CRONACA – Non passa neanche un minuto e Sambucini è già decisivo. Il portiere dei pontini è bravo a chiudere lo spazio a Cianni. Ancora l’attaccante di casa in evidenza, questa volta il tentativo dal limite termina a lato. Al quarto d’ora la prima sortita offensiva della Pro. E’ Ciaciò a provarci di testa ma la palla sorvola la traversa. Al 20’ tocca a Mariti rendersi pericoloso girando di testa la palla verso lo specchio della porta da pochi passi con Calderoli miracoloso e quanto mai tempestivo sulla linea di porta, togliendo le castagne dal fuoco. Al 43’ locali pericolosi con Prati, su calcio piazzato ma Sambucini è attento. Nella ripresa i locali passano subito: Valentino lascia partire dall’out sinistro una staffilata che si insacca sotto la traversa. Sotto di un gol il Pro Cisterna si riversa nella metà campo dei locali. Arcobelli e Troisi provano a rispondere a Valentino ma senza troppa fortuna. Al 26’ Ciaciò di testa cerca la via della rete con la sfera che termina fuori. Superata la mezz’ora, locali in dieci per l’espulsione dell’autore del gol Valentino. Cinque minuti dopo Valmontone addirittura in nove per il rosso diretto a Prati. Partita che si innervosisce. In pieno recupero la Pro è sfortunata quando Troisi stampa la palla dell’1-1 sul palo.

UN super Podgora si aggiudica una gara avvincente e combattuta contro l’ostico LarianoVelletri. I ragazzi di Giancarlo Paloni ottengono così al sesto tentativo il primo successo stagionale, tre punti che servono per abbandonare l’ultimo posto in classifica. LA CRONACA – La partenza è tutta di marca borghigana che dopo aver preso le misure ai castellani passano in vantaggio al 10’ con Porcelli, che sfrutta al meglio un’indecisione della retroguardia veliterna. Il gol sembra spianare la strada ai pontini e invece sveglia la formazione ospite che pian piano si affaccia dalle parti di Ristic con insistente frequenza e pericolosità. Il Podgora fa l’errore si arretrare il proprio baricentro e viene punita da Gallaccio al 17’ che trafigge Ristic di testa. Il pareggio toglie sicurezza al Podgora che poco dopo si trova addirittura sotto grazie ad un ottimo schema su palla inattiva della banda di Solimina concluso da Scacchetti (25’). Nella ripresa il tecnico di casa butta nella mischia gli ultimi arrivati Matteo e Scarabello mossa questa che si rivelerà devisiva. Al 15’Martellacci con una lunga gittata pesca proprio Scarabello, con il nuovo entrato che sigla il gol del pari. Il 2-2 da nuova linfa ai borghgiani che con un ritmo tambureggiante mette alle corde il Lariano Velletri. Al 35’ arriva il sorpasso: il diagonale preciso di Cannariato, non lascia scampo a Marini. In pieno recupero il cost to cost di Matteo sigilla il successo pontino con il 4-2 finale.

VIS ARTENA – GAETA 2-2
Vis Artena: Zattin, Quattrocchi, Ronchetti, Cristofari, Padovani, De Angelis (29’st Casagrande), Romagnoli, Innocenzi, Morelli, Cini, Nardi.
A disp.: Trinchera, Pizzuti, Michelangeli, Pomponi, Simone, Maselli. All. Di Cori
Gaeta: Capodici, Mantoan, Elitro, Armenio (21’st De Meo), Calabrese, Di Emma, Emma (36’st Romeo), Leccese, Reali, Zingrillo (32’st Visciglia), Nunziata.
A disp.: Maffeo, Fortunato, Sandu, Bruno. All.: Melchionna
Arbitro: Impenna di Rieti
Marcatori: 4’st Nunziata (G), 5’st Cini (A), 40’st Mantoan (G), 48’st Morelli (A)
Note – Ammoniti: Reali, Capodici, Elitro,Cini . Espulso Ronchetti al 14’st doppia ammonizione.

TERRACINA ATLETICO BOVILLE 0-0
Terracina: Salemme, Bernisi (30’ st Di Florio), Serapiglia, Vitale, Campobasso, Botta (30’ st Di Franco), Neri, Mucciarellli, Della fornace, Marzullo, La Cava.A disp.: D’Alessio, Altobelli, Minieri, Notarfonso, Savarese. All.: Cucciari
Boville Ernica: De Robertis, Santopadre P., Vitali, Santopadre A., Diagne, Nardoianni, Grossi (35’ st Biasini), Iozzi,Cerroni, Migliorelli (30’ st Testa), Paolillo. A disp.: Trulli, Capogna, Fiore, Del Gaudio, Villani. All.: Fraioli
Arbitro: Pasqualetto di Aprilia, assistenti De Carolis e Cazzorla
Note – Espulso La Cava, allontanato dalla panchina il tecnico del Boville Cucciari. Ammoniti Nardoianni e Grossi

FORMIA-NUOVA CIRCE 0-2
Formia: Falco, Diana, Scipione, Volpe (22’st De Santis), De Santo, Bianchi, Di Paola (42’pt Doukar), Siciliano, Mariniello, Petronzio, Volante (8’st Iezzi). A disp.: Leone, Stellato, Amitrano, Pellino. All.: Palladino
Nuova Circe: Pedini, Toti, Berti (43’st De Santis), Omizzolo, Fiore, Seppani, Bernardo, Onorato, Totaro R. (28’st Totaro A.), De Simone, Di Matteo (8’st Sannino). A disp.: Bernola, Cinelli, Falso, Fagioli. All.: Marzella
Arbitro: Greco di Roma 1
Marcatori: 5′ st Di Matteo, 32′ st rig. Fiore
Note – Spettatori 300 circa. Ammoniti: De Santo, Volpe, Mariniello, Omizzolo.

VALMONTONE – PRO CISTERNA 1-0
Valmontone: Caldaroli, Melucci (22’st Bailonni), Ciorciolini, Risi, Romaccioli, Leccese, Niro (46’st Caramanica), Prati, Cianni (50’stNeri), Valentino, Martino. A disp.: Fortunati, Finocchi, Giulitti, D’Imperia. All.: Ciardi
Pro Cisterna: Sambucini, Iacobacci, Pinna, Suppa, Ciaciò, Incitti, De Gennaro (31’st Rizzuti), Serone (14’st Liccardi), Arcobelli (9’st Roberti), Troisi, Mariti. A disp.: Alfieri, CAllori, Maisto, Di Girolamo. All.: Patalano
Arbitro: Paolini di Alghero assistenti Campagna (Cassino) e Madeo (Roma2)
Marcatori: 2’st Valentino
Note – Espulsi: al 35’st, al 40’st Prati Valentino Ammoniti: De Gennaro, Ciorciolini, Suppa

BORGO PODGORA – LARIANOVELLETRI 4-2
Podgora: Ristic, Lauteri, Martorana, Cannariato, Sossai, Iannuccillo (35’pt Matteo), Cifra (42’st Grasso), Fantin (41’pt Scarabello), Porcelli, Martellacci, Cassandra. A disp.: Angrisani, Tiligna, Schiavon, Di Giulio. All.: Paloni.
Lariano Velletri: Marini, Rossi (14’st Tagliabue), Moroni (22’ st De Vecchis), Fioravanti, Tiburzi, Martelli, Fiore, Pestrin (31’ st Federici), Gallaccio, Scacchetti, Ramacci. A disp.: Mattogno, Zarlenga, Tavani, Battista. All.: Solimina
Arbitro: Moriconi di Roma2
Marcatori: 10’pt Porcelli, 17’pt Gallaccio, 25’pt Scacchetti, 15’st Scarabello, 30’ st Cannariato, 47’ st Matteo.
Note – Ammoniti: Lauteri, Sossai, Porcelli, Rossi, De Vecchis.

Lascia un commento