Tutto sulla Coppa Italia delle pontine

MISSIONE compiuta. Tra le mura amiche del «Le Prata» – che ha finalmente riaperto i battenti dopo i lavori di ristrutturazione -, il Sermoneta si impone con il minimo scarto sull’Ostiantica e strappa il pass per i sedicesimi di finale. Quello dei gialloblu è stato un vero e proprio monologo, che però, come già accaduto 

Leggi tutto

MISSIONE compiuta. Tra le mura amiche del «Le Prata» – che ha finalmente riaperto i battenti dopo i lavori di ristrutturazione -, il Sermoneta si impone con il minimo scarto sull’Ostiantica e strappa il pass per i sedicesimi di finale. Quello dei gialloblu è stato un vero e proprio monologo, che però, come già accaduto nella gara di andata, non è stato legittimato dal risultato finale. Il Sermoneta comincia a rendersi pericoloso già al 3’, quando Arduini verticalizza sulla sinistra per Napoli, il quale di presenta davanti a Perazzolo, ma gli calcia letteralmente addosso. Passano otto minuti e Magni centra la traversa con una zuccata su corner dello stesso Arduini. Al 20’ Tomassi non trova lo specchio nonostante la posizione favorevole. Cinque minuti più tardi uno-due Masini-Ottaviani, con quest’ultimo che entra in area saltando un avversario, ma la sua conclusione è centrale. Alla mezzora arriva il gol partita: il solito Arduini scende sulla sinistra e pennella al centro uno cross per De Rosa, che di testa batte Perazzolo. In chiusura di tempo il numero uno romano tiene in partita i suoi con due ottimi riflessi sui tentativi sotto misura di Magni e De Rosa. La ripresa si apre come si era chiusa la prima frazione. Rogato si invola sulla destra e mette al centro per De Rosa, che però stavolta spara alto. Al 70’ Napoli calcia a colpo sicuro, ma trova la respinta di un difensore avversario proprio sulla linea di porta. Sessanta secondi più tardi l’Ostiantica resta in dieci uomini per l’espulsione Meddi. All’80’ l’espulsione di Silvestri ristabilisce la parità numerica. Ma centottanta secondi dopo anche Boncompagni finisce anticipatamente sotto la doccia lasciando i romani in nove. Prima del triplice fischio c’è stato giusto il tempo per Tomassi di andare di nuovo vicino al gol.

IL Pescatori Ostia replica lo stesso risultato dell’ andata ed estromette l’Atletico Sabotino dalla Coppa Italia. Proprio come il match di due settimane fa dell’«Andriollo», infatti, la squadra di mister Rossi piega per 2-0 la resistenza della formazione di Alberto Ziroli e passa il turno. Dopo aver chiuso sullo 0-0 il primo tempo, i padroni di casa sbloccano il risultato nella ripresa: Furfaro apre le danze al 63’, mentre Tumino chiude giochi al novantesimo.

NIENTE da fare per il SS.Pietro e Paolo. Nonostante il 3-1 del match di andata, i biancorossi si sono arresi per 2-0 al Cava dei Selci ed hanno salutato la Coppa Italia. De Simone ha mandato in campo una squadra piena zeppa di giovani di Lega per permettere ai suoi titolari di tirare il fiato in vista della trasferta di Arce di dopodomani. La resistenza del SS.Pietro e Paolo, però, è durata poco più di mezzora, visto che al 33’ Barbato ha rotto l’equilibrio firmando l’1-0. Tredici minuti più tardi il Cava dei Selci ha raddoppiato con Alonzi. Nel secondo tempo, al 36’, Di Stasio ha atterrato Masullo in area di rigore: l’arbitro, senza alcuna esitazione, ha concesso la massima punizione ed estratto il secondo giallo all’indirizzo del numero sei biancorosso. Sul punto di battuta si è presentato lo stesso Masullo che però si è fatto ipnotizzare da Bilali. Nelle battute finali gli ospiti hanno provato il tutto per tutto, ma non sono riusciti a trovare il gol-qualificazione.

IL Nettuno vince 2-1 contro la Vis Sezze Setina e si qualifica, solo all’85’, per i sedicesimi di finale della Coppa Italia di categoria. Le tre reti dell’incontro portano le firme di Rinaldi, Antonio Di Meo e Frasca. Il numero otto locale apre le marcature a centoventi secondi dall’intervallo direttamente da calcio piazzato. Al 70’ Di Meo pareggia i conti, ma un quarto d’ora più tardi Frasca fissa il punteggio sul 2-1 trasformando il penalty decretato dal direttore di gara per un intervento falloso ai danni di Bassani.

IL Città di Minturno-Marina ribalta la sconfitta di misura dell’andata e batte un Borgo Flora che ha rischiato anche di subire un passivo maggiore. I locali di mister Pernice, privi di Masino e Pirolozzi, hanno conquistato il passaggio al secondo turno grazie ad una partita caratterizzata da diverse occasioni da rete, gran parte delle quali sprecate malamente. La partita si è messa subito bene per i rossoblu del presidente Chianese, i quali dopo pochi secondi impegnavano con Petrillo il portiere borghigiano. La lancetta dell’orologio non aveva ancora compiuto il primo giro che Taglialatela si inseriva in area e di piatto sinistro batteva Gazzino. Gli ospiti abbozzavano una timida reazione impegnando Daniele Cenerelli con un tiro dalla distanza, ma erano sempre i minturnesi a menare la danza, tanto che Taveri deviava in rete un cross di Martino. Il 2-0 piegava le gambe al Flora e il Minturno iniziava la sagra del gol fallito. Al 18′ un cross di Martino attraversava tutta l’area, ma nessuno era pronto alla deviazione. Un minuto dopo Vezza, solo davanti al portiere, mandava a lato; al 26’ Petrillo impegnava Gazzino e sei minuti dopo, solo davanti al portiere ospite, falliva la ghiotta occasione. Al 36′ era Taglialatela che impegnava l’estremo del Flora. Nella ripresa il neo entrato Di luna falliva due occasioni clamorose; in entrambi in casi il guizzante attaccante di casa ha mandato fuori, imitato al 21′ da Petrillo. Al 29′ era il solito Martino che con un tiro da fuori area sorprendeva Gazzino. Da segnalare un gol annullato agli ospiti al 20′ (siglato da Casaldi) per un presunto fallo subito dal portiere Cenerelli. Un successo importante che allunga la striscia positiva del Minturno, giunto alla sua terza vittoria consecutiva. La squadra gioca in maniera serena e la manovra sembra essere tornata quella dello scorso anno, quando la squadra inanellò una serie di risultati positivi che la portarono vicina alla zona play-off. Il Borgo Flora è apparsa una squadra rassegnata, che si è fatta viva dalle parti di Cenerelli in un paio di occasioni.

LA Nuova Itri saluta la Coppa Italia. Dopo il 3-2 subito all’andata, ai ragazzi di Alessandro Parisella sarebbe bastato vincere 1-0 per eliminare il Cedial Lido dei Pini, ma invece, al «Comunale», è finita 1-1. La prima frazione di gioco è terminata in perfetta parità. Nei secondi quarantacinque minuti, invece, la partita si è vivacizzata. Al 50’ Papa ha portato in vantaggio i suoi, spostando momentaneamente la qualificazione a favore dei biancoazzurri. All’80’, però, è arrivata la doccia fredda firmata Gallotti, che ha spento le speranze dei padroni di casa.

IL San Michele «due» supera l’esame nella gara di ritorno di Coppa Italia e vola al secondo turno battendo 4-2 il Palocco. Il tecnico Moreno Mancini ha dato spazio a tutti gli under che non hanno fatto rimpiangere i vari Funari, Meneghello, Spogliatoio e Ballamio, tutti in panchina. Grande prestazione di Mario Marchetti autore del gol del pari. Non era iniziata bene la gara per i gialloverdi, che al 7’ erano sotto causa un clamoroso errore dell’arbitro che non ravvisava un evidente fallo su Parente. Tutti fermi in attesa del fischio che non è arrivato con Ligios non ha avuto problemi a battere Roma con un preciso diagonale. Un gol che poteva tagliare le gambe, invece i giovani del San Michele presi per mano da Andrea Forzan andavano al 29’ in gol con Marchetti che calciava al volo su cross di Gravina con il pallone che andava sotto l’incrocio dei pali. Sulle ali dell’entusiasmo tre minuti più tardi il vantaggio con Andrea Forzan che di testa mandava il pallone in rete su traversone di Costanzi. Nella ripresa reazione del Palocco, ma il San Michele non ha mai corso dei seri rischi. Così il tecnico Moreno Mancini per non avere probeli mandava in campo in contemporanea Meneghello e Spogliatoio. Cambi azzeccati e con il Palocco in avanti per arrivare al gol della qualificazione in contropiede arrivavano i gol di Costanzi e Meneghello. Con la qualificazione in tasca, il San Michele abbassava i ritmi e il Palocco nel finale realizzava il 4-2, utile solo per le statistiche.

NON ha nessuna intenzione di fermarsi il Campo Boario che anche in Coppa Italia così come in campionato fa sua l’intera posta. Forte del 3-1 dell’andata contro un avversario alla portata il tecnico Stefanini ha tenuto a riposo precauzionale Pellerani e Di Tullio mettendo in campo dal primo minuto il giovane Di Russo, che ha superato brillantemente l’esame. La partita non si è giocata a garndi ritmi come era prevedibile alla vigilia, anche se il Fiumicino ci ha provato nella prima parte del primo tempo. Nella ripresa i nerazzurri hanno invece alzato il ritmo e al 14’ andavano in gol su calcio di rigore concesso per un atterramento in area di Del Grande. Al dischetto andava Stefano Cocuzzi che mandava il pallone da una parte e il portiere dall’altra. Sul vantaggio del Campo Boario la partita scendeva di tono, arrivando così fino alla fine senza grosse emozioni. Passa così al secondo turno il Campo Boario e adesso il pensiero può andare alla gara casalinga di campionato contro il Broccostella. Un impegno da non sottovalutare, senza pensare alla classifica dei ciociari. «Queste sono le partite più difficili – afferma il tecnico Stefanini – loro verranno sicuramente per portare a casa lo zero a zero, quindi non dovremo avere fretta di andare subito in gol. Non dovremo cadere nelle loro provocazioni. Il gruppo sta bene, questo grazie al lavoro del nostro preparatore atletico Antonio Proietti ». Anche per la gara di domenica la società ha confermato l’ingresso gratuito.

PESCATORI OSTIA -ATLETICO SABOTINO 2-0
Pescatori Ostia: Mariani, Covi, Frezza, Benvenuti, Badea, Stampone, Vecchio, Furfaro, Calicchia (19’st Tumino), Ciasca (27’st Vacchelli), Leopardi (17’st Favara). A disp.: D’Ortenzio, Morrone, Genovese, Folco. All.: Rossi.
Atletico Sabotino: Ghisu, Rossetto, Caciotti, Notarpietro, Fasulo (8’st Vanzari), De Masi (11’st Carta), Proietti, Sagramola, Guerra, Petitti (26’st Pietrogiacomi), Ponso. A disp.: Dalesini, Coia, Badini. All.: Ziroli.
Arbitro: Verolino di Ciampino; assistenti: Ardanese e Aucello di Roma 1.
Marcatori: 18’st Furfaro, 45’st Tumino.

CAVA DEI SELCI – SS.PIETRO E PAOLO 2-0
Cava dei Selci: Barnaba, Migliari, Celani, Fabiani, Porcacchia (39’st Mormile), Alonzi, Massara (1’st Palmieri), Spurio, Barbato (27’st Carcone), Tufano, Massullo. A disp.: Caucci, Scala, Martucci, Cerroni. All.: Serantoni.
SS.Pietro e Paolo: Bilali, Yang Ce (12’st Carletti), Martellacci (19’st Masiello ), Mineo, Amadio, Di Stasio, Petruccelli, Orlandini, Onorato, Naddeo (27’st Viorel). A disp.: Minniti, Russo, Riccio, Baratella. All.: De Simone.
Arbitro: Ciarniello di Roma 2; assistenti: De Angelis e Zuin di Roma 2.
Marcatori: 33’pt Barbato, 46’pt Alonzi.
Note – Espulsi: Di Stasio al 36’st Di Stasio per doppia ammonizione; ammoniti: Amadio, Petruccelli, Tufano. Bilali respinge un calcio di rigore a Masullo al 37’st.

NETTUNO – VIS SEZZE SETINA 2-1
Nettuno: Paccarié, Di Gregorio, Ovidi, Cassioli, Reccolani, Picciotto, Montella (45’st Macciocca), Rinaldi, Bassani, Flamini (26’st Frasca), Borelli, (12’st Chiocca). A disp.: Giudice, Tozzi, Di Liberto, Petrangeli. All.: D’Ambra.
Vis Sezze Setina: Tarricone, Zeppieri, Bassani (45’pt Costantini), Milo, Massari, Cacciotti, Baratta (11’st Fiori), Parente, Saoud, Di Meo A. (35’st Baroni), Vecchioni. A disp.: Mancini, Passeri, Leva, Di Meo M. All.: Baroni.
Arbitro: Angiolari di Ostia; assistenti: Affronti di Ostia Lido e Devanna di Ciampino.
Marcatori: 43’pt Rinaldi, 25’st Di Meo A., 40’st Frasca (rig.).
Note – Ammoniti: Ovidi, Picciotto, Frasca (N), Zeppieri, Massari, Parente, Saoud (VSS).

CITTA’ DI MINTURNO-MARINA BORGO FLORA 3-0
Città di Minturno-Marina: Cenerelli D., Cenerelli S., Merola, Neri, Caiazzo, Uva, Petrillo, Cicala (35′ st Graziano), Taglialatela (26′ st Conte A.), Martino, Vezza (8′ st Di Luna). A disp.: Grasso e Conte M.. All.: Pernice.
Borgo Flora: Gazzino, Lorello, Prudenzano, Mastrantonio (13′ st Giugliano), Caputi, Taveri, Zacchino (1′ st Di Fazio), Lizzio (27′ st Piccolo), Alesandroni, Picone, Casaldi. A disp.: Verreggia, Toti, De Vito, Cupellaro. All.: Cesarini.

Arbitro: Crescenzi di Aprilia.

Marcatori: 1’pt Taglialatela, 12’pt (aut.) Taveri, 29’st Martino.

Note – Ammoniti: Cicala, Martino (CMM), Caputi (BF).

NUOVA ITRI – CEDIAL LIDO DEI PINI 1-1
Nuova Itri: Centola, Mastroianni (1’st Di Dato), Spirito, Vendittozzi, Auricchio, Russo, Coppolella (38’st Ionta), Mallardi (24’st Esposito), Violanti, Mallozzi, Papa. A disp.: Porcaro, Trufas, Cardillo, Pannozzo. All.: Parisella.
Cedial Lido dei Pini: Casaldi, Bressan, Sacchetti (8’st Del Grosso), Morini, Floris (10’st Zamparini), Franco, Loreti (22’pt Tomassi), Flamini, Gallotti, Di Maggio, Razza. A disp.: Corjucaro, Alborino, Dabonic, Bernardi. All.: Panicci Ald.
Marcatori: 5’st Papa, 35’st Gallotti.

SAN MICHELE – PALOCCO 4-2
San Michele: Roma, Ruggiero, Parente, Gravina, Ambrosi, Gazzi, Varano ( 24’st Spogliatoio), Forzan ( 32’st Pignatiello), Marchetti, Costanzi, Collini ( 24’st Meneghello). A disp: Pepe, Bellamio, De Bonis, Funari. All.: Mancini
Palocco: Tomaselli, Contaldo, Aurica, Bernardi (31’pt Subrizio), Tavolieri, Tarroni (1’st Atturi), Ligios, Quaglieri, Rizzo, Morelli, Leonardi. A disp: Pierangelini, Iacona, Franci, Piergiovani. All.: Nardi
Arbitro: Mariani di Tivoli Assistenti; Conti e Milazzo di Frosinone
Marcatori: 7’pt Ligios, 29’pt Marchetti, 32’pt Forzan, 33’st Costanzi, 39’st Meneghello, 44’st Leonardi
Note – -espulso al 34’st Morelli per proteste, ammoniti Gravina, Ambrosi, Contaldo e Rizzo

FIUMICINO – CAMPO BOARIO 0-1
Fiumicino: Golinelli, Carloni, Lodi, Dionisi, Tocchi, Ascenzi (1’st Chiarulli), Di Matteo, Mafferi (24’st Cuffaro), Orlando, Lanni (30’st Brignone), Benevento. A disp.: Agroppi, Sbraglia Chiarulli A. All.: Cozzi.
Campo Boario: Ramiccia, Bedin (1’st Scotto), Noviello, D’Arcangeli, Ciarla, Sarrecchia, Del Grande, Nappini (1’st Renzi), Di Russo, Cocuzzi (29’st Porcelli), Germani. A disp.: Miele, Asciolla, Ferrari, Checca All: Stefanini.
Arbitro: Bertoldi di Roma.
Marcatori: 14’st Cocuzzi (rig.).

Lascia un commento