Latina, ora testa alla Coppa Italia

NON c’è sosta per il Latina. I nerazzurri saranno di nuovo in campo questo pomeriggio (inizio alle ore 15), per il primo turno della fase finale della Coppa Italia di Lega Pro da giocare in gara secca. Avversario la Paganese di mister Grassadonia, in un succoso antipasto della gara che vedrà opposte le due formazioni 

Leggi tutto

NON c’è sosta per il Latina. I nerazzurri saranno di nuovo in campo questo pomeriggio (inizio alle ore 15), per il primo turno della fase finale della Coppa Italia di Lega Pro da giocare in gara secca. Avversario la Paganese di mister Grassadonia, in un succoso antipasto della gara che vedrà opposte le due formazioni anche in campionato e più precisamente il 16 dicembre prossimo a Pagani nella penultima gara del girone di andata. Un impegno che per il Latina arriva incastonato tra due trasferte. Quella di Viareggio, conclusa con il pareggio-beffa nel finale, e Barletta, crocevia importante prima di tuffarsi nel clima derby, in programma il 14 ottobre. Un piccolo tour de force che si concluderà proprio dopo la partitissima con il Frosinone, quando il calendario prevede la prima pausa stagionale. Lecito, quindi, aspettarsi un più che ampio turn-over a cui mister Pecchia sottoporrà la propria squadra. Un ritocco a quella che ormai può essere considerata la squadra titolare verrà apportato non solo per quanto riguarda gli uomini, ma forse anche nel modulo. Difficile, comunque, poter abbozzare un undici titolare, anche perchè soltanto questa mattina, nell’immediato pre-partita, Pecchia scioglierà gli ultimi dubbi riguardo i diciotto che andranno in campo. Ci sarà spazio, comunque, per tanti elementi che hanno avuto meno spazio nel corso di questa prima trance di campionato. Viene da pensare, dunque, ad un utilizzo dei vari Ioime, ottima alternativa a Bindi tra i pali, ma anche a Giacomini, l’esterno di sinistra (sia alto che basso) che nelle ultime due gare ha avuto poco minutaggio per lasciare spazio a Bruscagin. In difesa, vista l’indisponibilità di De Giosa (che ieri si è allenato a parte) sicuramente si vedrà Agius, mentre meno probabile sarà l’utilizzo di Cottafava al suo fianco. Dubbi a centrocampo. Senza Burrai, alle prese con il recupero dell’infortunio rimediato a Viareggio, Pecchia potrà contare comunque su Ricciardi, il giovanissimo Addessi, Gerbo e Sacilotto. Proprio per il brasiliano potrebbe essere l’occasione buona per mettere minuti di gara ufficiale nelle gambe e accelerare così il suo ritorno con una certa frequenza sul terreno di gioco. In avanti ampia gamma di scelte. Tortolano, nemmeno convocato per Viareggio, dovrebbe essere dell’incontro, così come Tulli, Montalto o Pagliaroli.

PAGANESE – Sulla sponda Paganese più o meno lo stesso discorso. Il 4-4-2 di mister Grassadonia non dovrebbe infatti vedere tra i partenti titolari come capitan Fusco in difesa, il portiere Marrruocco, i centrocampisti Romondini e Ciarcià, mentre in attacco non ci sarà Dino Fava. Nell’undici titolare, quindi, troveranno spazio Robertiello tra i pali, difeso da una linea a quattro composta da (partendo da destra) Pastore, Fernandez, Pepe e Agresta. A centrocampo Neglia e Scarpa sugli esterni, con Soligo e Romano al centro. In avanti due poltrone per tre. Il ballottaggio è infatti tra Girardi, Caturano e l’ex di turno Loris Tortori, il brevilineo attaccante romano match winner per la Paganese domenica scorsa contro il Gubbio con un eurogol in rovesciata.
Per quanto riguarda la vendita dei tagliandi, i botteghini del Francioni rimarranno aperti da questa mattina alle ore 9 fino all’inizio della partita al prezzo unico di 5 euro per qualsiasi settore. A dirigere l’incontro sarà Francesco Guccini di Albano Laziale. Il fischietto romano sarà coadiuvato dagli assistenti Mirko Bisbano di Lanciano e Pierluigi De Rubeis di L’Aquila. La Lega Pro ha anche diramato squalifiche e disegnazioni inerenti al campionato. La gara di domenica prossima in programma a Barletta a partire dalle ore 15 sarà diretta dal signor Cristian Brasi di Seregno e dagli assistenti Michele Lotierzo e Gennaro Zuccaro di Napoli. Una turno di squalifica, invece, per Roberto De Giosa, mentre Salvatore Burrai è entrato in diffida.

Lascia un commento