Vince solo il Cisterna. A Gaeta la favola di Zingrillo

Prosegue la serie positiva della Pro Cisterna. La formazione di Patalano si sbarazza con punteggio all’inglese dell’Anitrella, fanalino di coda del girone «B». Gara messa in ghiaccio nella prima frazione, con le reti di Arcobelli e Mariti. L’espulsione del capitano ciociaro Di Girolamo poi, sul finire di primo tempo, ha fatto scorrere i titoli di 

Leggi tutto

Prosegue la serie positiva della Pro Cisterna. La formazione di Patalano si sbarazza con punteggio all’inglese dell’Anitrella, fanalino di coda del girone «B». Gara messa in ghiaccio nella prima frazione, con le reti di Arcobelli e Mariti. L’espulsione del capitano ciociaro Di Girolamo poi, sul finire di primo tempo, ha fatto scorrere i titoli di coda sulla sfida con quarantacinque minuti di anticipo.
LA CRONACA – Gara giocata sotto una fitta pioggia per gran parte dei novanta minuti. La partenza fulminante della formazione pontina produce una traversa colpita da Troisi in mischia (8’) e poi la rete del vantaggio al quarto d’ora. Arcobelli, ben imbeccato al centro dal solito Troisi approfitta della dormita difensiva della difesa ospite e da due passi fulmina Germanelli. Timidamente l’Anitrella si affaccia dalle parti di Sambucini ma la mira di Mastrojanni prima e di Tovalieri poi è fuori bersaglio. Sul capovolgimento di fronte Troisi dopo un buon dribbling impegna dalla distanza Germanelli che para a terra. Alla mezz’ora applausi del Bartolani per la mezza rovesciata di Troisi; l’acrobazia però termina centrale tra le braccia di Germanelli. Pochi minuti dopo arriva il raddoppio: angolo di Serone, Ciaciò in area ruba il tempo e gira di testa con Mariti che da due passi corregge la traiettoria della sfera verso la rete. Un minuto dopo, brutta entrata a martello del capitano ospite Di Girolamo su Mariti. Il fischietto Centi non ha dubbi e sventola il rosso diretto al giocatore ciociaro. Prima dell’intervallo l’orgoglio dell’Anitrella porta Mastrojanni al tiro con Sambucini attento a deviare. Al 41’ ciociari sfortunati: punizione di Tovalieri, vola Sambucini a deviare la sfera che tocca entrambi i pali ed esce clamorosamente fuori. Nella ripresa con il doppio vantaggio in tasca e la superiorità numerica in campo i pontini fanno accademia sfiorando a più riprese la terza rete con i subentrati Roberti e Liccardi, con un’Anitrella inerme che minuto dopo minuto scompare dal campo.

RALLENTA ancora il Terracina. I tigrotti impattano al «Dante Popolla» di Ceccano contro la formazione locale per 1-1. Un risultato scaturito dagli undici metri.
LA CRONACA – Partita gradevole sin dalle prime battute. Entrambe le compagini cercano di imporre il proprio gioco sull’altra. I primi a passare in vantaggio (37’) sono i ciociari a grazie alla trasformazione dagli undici metri di Colafranceschi, massima punizione concessa per fallo su Virgili. Dopo essere passato a condurre, il Ceccano ha badato più a difendersi che a chiudere la pratica, lasciando così al Terracina il tempo per riorganizzare le idee e imbastire azioni pericolose. Il primo tempo comunque va in archivio con il vantaggio ciociaro. Nella ripresa il copione non cambia: il Terracina, seppur in modo confusionario attacca a testa bassa con il Ceccano attento a non prenderle e pronto a ripartire in contropiede. I tigrotti in questa stagione hanno già dimostrato grinta e carattere acciuffando il risultato nelle battute finali della gara. E anche ieri il copione non è stato diverso. Minuto 94’, i tifosi ciociari aspettano il triplice fischio ma, Neri, entrato al posto di uno spento La Cava, parte in slalom nell’area ciociara andando in contatto con Attardo. Il signor Guarnieri della sezione di Empoli non ha dubbi e concede il secondo rigore di giornata. Dal dischetto si presenta lo specialista Marzullo che con freddezza sigla il gol dell’1-1.

UN ingenuo Podgora esce a mani vuote dal «Caslini» di Colleferro. La formazione di Giancarlo Paloni, dopo essere andata in vantaggio ad inizio gara ha subito il ritorno della formazione di casa. I borghigani peccano di inesperienza e cedono l’intera posta alla formazione di Baiocco in pieno recupero.
LA CRONACA – La partenza dei borghigiani è più che buona. Dopo dieci minuti infatti i pontini sbloccano la gara grazie alla zampata di Cifra. La risposta dei locali non si fa attendere e cominciano a costruire azioni pericolose dalle parti del rientrante Ristic. Appena superata la mezz’ora, infatti, i rossoneri pareggiano il conto grazie a Pedrocchi. La prima frazione va così in archivio con il risultato di nuovo in equilibrio. Nella ripresa i locali provano la via del gol, con i borghigiani a reggere l’urto e pronti a ripartire giocando di sponda su Martellacci, provando così ad innescare Cassandra. Il tempo scorre via con il risultato che sembra congelarsi fino al 93’ quando il solito Tornatore fa sorridere il Colleferro con la rete del 2-1 che lascia l’amaro in bocca alla compagine di Paloni.

DUE settimane fa si era accasciato sul campo del «Riciniello» colpito da malore. Ieri, al suo esordio stagionale ha siglato la rete che ha consentito al Gaeta di agguantare il pareggio proprio a pochi secondi dal fischio finale. E’ sicuramente Gaetano Zingrillo il personaggio della partita di ieri, non solo per aver segnato il gol che ha evitato la sconfitta, ma anche per quanto gli accadde il 14 settembre scorso, quando accusò un malore che poi fortunatamente non si è rivelato nulla di grave. Zingrillo è stato mandato in campo da mister Melchionna nell’ultima mezzora e dopo essersi reo pericoloso in due circostanze, ha siglato il gol del pari con una zampata che ha colto in controtempo il portiere ospite, dopo aver ricevuto un pallone proveniente dal’out sinistro. E l’inizio della gara era stato promettente, con Bruno che dopo 2 minuti ha sfiorato il gol. Il Gaeta manteneva costantemente il pallino del gioco e l’occasione più ghiotta è giunta al 44′ con Reali che di testa colpiva il montante. Nella ripresa, però, giungeva la doccia fredda. Cianni lavorava un pallone sulla tre-quarti e dopo aver scambiato il pallone con un avversario, riusciva a deviare il pallone alle spalle di Capodici. Era la rete che gelava il Riciniello, sul quale poco dopo si abbatteva un nubifragio. Quando ormai sembrava tutto perduto, arrivava il pareggio di Zingrillo, sulle cui qualità mister Melchionna ha visto lungo. E il suo ingresso si è rivelato determinante, perchè ha dato vivacità e concretezza in fase conclusiva. «I ragazzi sono stati bravi – ha detto il tecnico Melchionna – perché sono stati capaci di recuperare il risultato, nonostante il gol avversario giunto dopo che eravamo stati superiori nel primo tempo, come dimostrato dal palo interno colpito. Sono soddisfatto e considero positivo il pareggio, sia per quanto fatto vedere dai ragazzi, che non hanno mai mollato».
In sala stampa è arrivato anche l’autore della rete del pareggio, Gaetano Zingrillo, il quale ha precisato che «il pareggio ci sta stretto. Noi – ha aggiunto – abbiamo avuto occasioni per fare gol, ma sono passati in vantaggio i nostri avversari. Poi siamo stati bravi a recuperare ed è un punto che fa morale».
Gianni Ciufo

SECONDA sconfitta consecutiva per il Formia, che non riceve nuova linfa dall’esonero di Pino Selvaggio avvenuto in settimana. La formazione biancoazzurra, guidata dall’allenatore in seconda Renzo Evangelista, perde male anche sul campo del Lariano, mostrando ancora una fragilità disarmante in difesa.
LA CRONACA – La gara comincia bene per i tirrenici, che dopo soli 16 secondi trovano il vantaggio con la prima rete stagionale di Doukar con un gran tiro dal limite dell’area. Il Formia sembra in grado di controllare agevolmente l’incontro e al 18’ sfiora anche il raddoppio ancora con Doukar, il cui tiro stavolta viene respinto. Al 26’ i tirrenici trovano anche il 2-0 con Mariniello su punizione di Parasmo, ma l’arbitro annulla per posizione di fuorigioco del numero 9 biancoceleste. Al 31’ si vedono i padroni di casa con Fiore, che beffa Diana e di testa cerca la porta trovando la respinta di uno straordinario Falco. Il gol del Lariano è nell’aria e arriva al 37’: brutto pallone perso in area dal Formia, ne approfitta Gallaccio che firma l’1-1. Nella ripresa, sotto la pioggia battente, Scacchetti trova subito il 2-1 con gran tiro al volo che si infila all’incrocio dei pali. Ma il Formia è ancora vivo e continua a cercare il pareggio, trovandolo al 25’ con una gran botta dalla distanza di Siciliano. Ma non finisce qui. Al 30’ il Lariano ripassa in vantaggio con Tagliabue, autore di un gran tiro da fuori area su cui probabilmente ha inciso anche una deviazione di un difensore formiano. A questo punto il Formia smette di crederci e a due minuti dalla fine incassa anche il quarto gol: su azione di contropiede, il pallone finisce tra i piedi di Ramacci che si invola verso la porta e batte Falco. In settimana è attesa la decisione del nuovo allenatore, cui toccherà il compito di risollevare le sorti della peggior difesa del campionato (ben 14 gol subiti). Domenica prossima al “Perrone” arriva la Nuova Circe e sarà già ultima spiaggia.

AMARA sconfitta per la Nuova Circe che cade in casa per 3-1. Gara condizionata dagli episodi, con il fischietto di Carbonia, il signor Cardonia assoluto protagonista in campo.
LA CRONACA – Partita subito in salita per i sanfeliciani. Al 3’ gli ospiti sbloccano la gara su penalty. Pedini si scontra in area con Zarineh, l’arbitro concede la massima punizione. Ippoliti dal dischetto fa 1-0. La Circe non ci sta e si riversa subito nella metà campo avversaria. Al 7’ i pontini reclamano un calcio rigore per un entrata dura in area su De Simone ma il direttore di gara fa cenno alla punta di casa di rialzarsi.Ancora proteste poco dopo quando Cinelli viene in contatto con il portiere ospite la palla arriva sui piedi di De Simone, il suo tiro a botta sicura è respinto da Gentili sulla linea. Gol mangiato, gol subito. Al 15’ il raddoppio della Lupa con un tiro dai trenta metri di Abis che si insacca sotto il sette. Al 20’ Bernardo ha sui piedi il pallone che può riaprire la gara ma il suo rigore in movimento viene miracolosamente respinto da Olacidi, sul tap-in De Simone insacca con l’arbitro che annulla per fuorigioco. Nella ripresa la rabbia della Nuova Circe porta Di Matteo a siglare il gol dell’1-2. I sanfeliciani si gettano tutti in avanti, alla ricerca del meritato gol del pari ma prima Totaro e poi due volte Sannino non hanno fortuna. Al 30’ il direttore di gara concede il secondo rigore alla Lupa: contropiede dei romani con Ippoliti che viene steso da Fiore. Dal dischetto per la seconda volta Ippoliti non sbaglia.

PRO CISTERNA – ANITRELLA 2-0
Pro Cisterna: Sambucini, Iacobacci, Pinna, Suppa, Ciaciò, Incitti, De Gennaro, Serone(40’st DiGirolamo), Arcobelli(10’st Roberti), Troisi, Mariti(15’st Liccardi). A disp.: Alfieri, Callori, Maisto, Rizzuti. All.: Patalano
Anitrella: Germanelli, Moscara (1’st Abbondanza), Saragosa, Velardo (16’st Sperduti), Di Girolamo S., Di Stefano, Marzocchella, Di Pastena (5’st Cianfarani), Mastrojanni, Marziale, Tovalieri. A disp.: Campagna, Pelle, Filippi, Montemitoli. All.: Calderoni
Arbitro: Centi di Viterbo, assistenti Fontemurato e Zuin di Roma2
Marcatori: 14’pt Arcobelli, 36’pt Mariti
Note – Espulsi: al 37’pt Di Girolamo per gioco pericoloso. Ammoniti: Di Stefano, Marzocchella, Ciaciò

CECCANO – TERRACINA 1-1
Ceccano: Fiorini, Pavia, Faustini (38’st De Persiis), Sanna, Lisi, Attardo, Virgili, Braccani, Pirri (29’st Spila), Colafranceschi (25’st Tiberia), Colò. A disp.: Paniccia, Petrilli, Flamini, Incitti. All.: Adinolfi.
Terracina: Salemme, Bernisi, Serapiglia, Vitale, Campobasso, Botta (3’st Magnafico), Della Fornace, Mucciarelli, Di Florio, La Cava (30’st Neri), Marzullo. A disp.: D’Alessio, Altobelli, Minieri, Savarese, Borelli. All.: Cucciari.
Arbitro: Guarnieri di Empoli.
Marcatori: 37’pt rig. Colafranceschi 49’st rig. Marzullo.

COLLEFERRO – PODGORA 2-1
Colleferro: Bucciarelli, Abu-Salem (11’st Rizzo), Fiacco, Figlioli, Cioffi, Moriconi, Amici, Antonini (23’st Cerbara), Rubino (23’st Venerelli), Tornatore, Pedrocchi. A disp.: Pistoia, Zaccaro, De Porzi, Caffatini. All.: Baiocco.
Podgora: Ristic, Trapani (47’st Schiavon) , Martorana (26’st Di Giulio), Cannariato, Sossai, Iannucillo, Cifra (32’st Porcelli), Pacchiarotti, Scarabello, Martellacci, Cassandra. A disp.: Angrisani, Lauteri, Tiligna, Grasso. All.: Paloni
Arbitro: Di Matteo di Roma2
Marcatori: 11’pt Cifra, 32’ pt Pedrocchi, 48’st Tornatore.
Note – Ammoniti, Martellacci, Antonini, Cannariato, Scarabello, Fiacco, Amici, Abu-Salem, Porcelli, Pacchiarotti, Figlioli.

GAETA – VALMONTONE 1-1
Gaeta: Capodici, Di Emma, Colozzi, Bosco, Calabrese, Elitro (13’st Zingrillo), Bruno (1’st Emma), Leccese, Reali, Visciglia, Sandu (23’st Mantoan). A disp.: Maffeo, Fortunato, Armenio, Romeo. All.: Melchionna
Valmontone: Caldaroni, Melucci, Ciorciolini, Risi, Romaggioli, Leccese, Niro, Prati, Cianni, Valentino, Martino (45’st Caramanica). A disp.: Fortunati, Filippi, Bailonni, Neri, Finocchi, D’Imperia. All.: Ciardi
Arbitro: Guglielmi di Roma
Marcatori: 2’st Cianni (V), 49’st Zingrillo (G)
Note: ammoniti Calabrese, Emma, Zingrillo, Melucci, Risi, Cianni, Valentino.

LARIANO-FORMIA 4-2
Lariano: Mattogno, Rossi, Moroni, Fioravanti, Tiburzi, De Vecchis (19’pt Tagliabue), Martelli, Pestrin, Gallaccio, Scacchetti (20’st Ramacci), Fiore (29’st Battista). A disp.: Marini, Zarlenga, Soldano, Federici. All.:Solimina
Formia: Falco, Diana, Pirolozzi, Carcarino (15’st Di Paola), Siciliano, Bianchi, Doukar, De Santis (15’st Stellato), Mariniello, Parasmo, Iezzi. A disp.: Leone, Amitrano, Cacace, Volpe, Pellino. All.: Evangelista
Arbitro: Poma di Trapani
Marcatori: 1’ pt Doukar, 37’ pt Gallaccio, 14’ st Scacchetti, 25’ st Siciliano, 30’ st Tagliabue, 43’ st Ramacci
Note – Ammoniti De Vecchis, Gallaccio, Fioravanti, Bianchi Recupero: 2’ e 4’.

NUOVA CIRCE – L.MONTEROTONDO 1-3
Nuova Circe: Pedini, Toti, Seppani, De Santis (8’st Berti), Fiore, Onorato (18’st Sannino), Di Matteo (36’st Monti), Bernardo, De Simone, Totaro A., Cinelli. A disp.: Corsi, Falso, Totaro R., Fagioli. All.:Marzella
Lupa Monterotondo: Olacidi, Forti, Gentili, Daiw, Piccheri, De Vizzis, Abis, Ciasca (21’st Beccarini), Zarineh (27’st Sola), Ippoliti (36’st Muzzacchi), Attili. A disp.: Ludovici, Amici, Conciatori, Carletti. All.: Paris
Arbitro: Cardonia di Carbonia, assistenti Scopa (Frosinone) e Affronti (Ostia Lido)
Marcatori: 4’pt rig., 31’st rig. Ippoliti, 14’pt Abis, 17’st Di Matteo
Note – Ammoniti, Pedini, Toti, Fiore, Totaro A., Gentili, De Vizzi, Ciasca, Ippoliti

Lascia un commento