Aprilia, un pari che non cancella il primato

E’ durata un tempo e mezzo, o poco meno, l’illusione dell’Aprilia di rimanere ancora a punteggio pieno nel girone B di Seconda Divisione. Sessantacinque minuti, tanto è intercorso dal gol di Ferrari, sempre più trascinatore delle rondinelle, ed il gol di Kroris, a riequilibrare le sorti del match del «Granillo» e portare il secondo punto 

Leggi tutto

E’ durata un tempo e mezzo, o poco meno, l’illusione dell’Aprilia di rimanere ancora a punteggio pieno nel girone B di Seconda Divisione. Sessantacinque minuti, tanto è intercorso dal gol di Ferrari, sempre più trascinatore delle rondinelle, ed il gol di Kroris, a riequilibrare le sorti del match del «Granillo» e portare il secondo punto in cascina per la matricola Hinterregio. Tanto basta, comunque, ai biancoazzurri per restare imbattuti e continuare a guardare tutti dall’alto verso il basso anche se di nuovo in coabitazione con il Chieti. Per la difficile trasferta di Reggio Calabria mister Vivarini va sul sicuro affidandosi al solito 4-4-1-1 e riproponendo praticamente lo stesso undici vincente domenica scorsa in casa contro L’Aquila. Unica eccezione l’inserimento di Corsi sull’esterno alto al posto di Marfisi visto il ritorno dopo l’infortunio del giovane Tundo in posizione di terzino.
Il tecnico di casa Di Maria sceglie invece il 4-3-3 con Khoris, Borhetto e Zampaglione a pungere in avanti.

LA GARA – Nove minuti, tanto dura l’equilibrio in terra calabrese. L’accelerazione vincente sulla destra è del solito e intraprendente Cane, bravo a guadagnare il fondo e poi pennellare al centro dell’area un perfetto cross che Ferrari trasforma in oro anticipando tutti e mettendo il pallone alle spalle dell’incolpevole Mengoni. La rete è una doccia fredda per i padroni di casa che faticano nel trovare spazio tra le maglie apriliane. Croce e compagni controllano infatti senza apparente fatica, non disdegnando allo stesso tempo di punzecchiare la difesa di casa con rapide ripartenze. L’Hinterreggio ci prova al 14’, il cross è di Crutupi dalla destra che trova il ben piazzato Pensalfini il quale però, spreca tutto mandando a lato. La formazione di Di Maria è propositiva ma è inconcludente nei sedici metri. Dall’altra parte l’Aprilia gioca con disinvoltura e padronanza del campo, il pallino del gioco è sovente nella mani del centrocampo biancoazzurro e al 28’ è di nuovo pericolo per la porta reggina. Combinazione Criaco -Ferrari, con quest’ultimo che colpisce bene di testa con Mengoni che blocca. L’Hinterreggio soffre, l’Aprilia gioca bene continuando a guadagnare metri, al 29’ è sempre Ferrari a spaventare i calabresi con un tiro di poco fuori. Sei minuti dopo, l’Aprilia potrebbe mettere una seria ipoteca sulla gara con Criaco che fallisce una ghiottissima occasione da ottima posizione. La reazione dell’Hinterreggio c’è ma non è efficace. Kroris ci prova dalla distanza ma senza impegnare un Di Vincenzo che, al 43’, è protagonista con una gran parata che nega il pareggio su una velenosa e precisa rovesciata dell’attaccante, ex Latina, Zampaglione.

LA RIPRESA – Nella ripresa i due allenatori tornano in campo con gli stessi schieramenti. Il copione è il medesimo: l’Hinterreggio prova a spingere cercando soprattutto di sfruttare le fasce, in particolare quella di destra; Aprilia invece non disdegna di pungere, anche se le ripartenze non risultano efficaci. L’Hinterreggio ringrazia e cresce di tono, non tanto nel gioco quanto nel carattere. La volontà dei padroni di casa viene premiata al 74’, quando il solito Krois raccoglie un cross dalla destra di Cutrupimettendo alle spalle di Di Vincenzo. Vivarini non ci sta e attinge dalla panchina per cercare il gol partita. Dentro due attaccanti freschi come Sassano, il rientrante Gomes e, nel finale, Ferri Marini. Di quest’ultimo l’ultima occasione dell’incontro con un tiro dai venticinque metri che spaventa il «Granillo».

Gianpiero Terenzi

HINTERREGGIO – APRILIA 1-1
Hinterreggio
: Mengoni, Cutrupi D (33’st Broso). Anzillotti, Vicari (15’st Cutrupi S.), Ungaro, Franceschini, Zampaglione, Pensalfini, Borghetto, Khoris, Aliperta (4’st Trentinella). A disp.: Cutrupi A., Marguglio, Figliomeni, Febbraio. All.: Di Maria
Aprilia: Di Vincenzo, Cane, Tundo, Croce, Sembroni, Diakite, Criaco (13’st Ferri Marini), Amadio, Ferrari (21’st Gomes), Calderini, Corsi (33’st Sassano). A disp.: Caruso, Carta, Fabiani, Marfisi. All.: Vivarini.
Arbitro: Todaro di Palermo. Assistenti: Robilotta di Sala Consilina e Opromolla di Salerno
Marcatori: 9’pt Ferrari (A), 29’st Kroris (H)
Note – Ammoniti: Cutrupi D., Franceschini, Anzillotti, Cutrupi S. Diakite, Croce, Calderini.

Lascia un commento