La Setina è pronta a ri-cominciare

NIENTE proclami e tanta concretezza. Questa è La Setina del nuovo corso firmata Giovanni Rossi. Il ‘portierone’ è infatti il referente numero uno del sodalizio di Sezze Scalo nelle vesti di direttore generale e di giocatore, perché la passione non ha età, e lui a 52 anni vive il calcio come un ventenne. E senza 

Leggi tutto

NIENTE proclami e tanta concretezza. Questa è La Setina del nuovo corso firmata Giovanni Rossi. Il ‘portierone’ è infatti il referente numero uno del sodalizio di Sezze Scalo nelle vesti di direttore generale e di giocatore, perché la passione non ha età, e lui a 52 anni vive il calcio come un ventenne. E senza il suo intervento La Setina non sarebbe ai nastri di partenza del campionato di Seconda categoria. L’arrivederci di Francesco Consoli, che è andato ad allenare il San Donato Pontino, ha lasciato un vuoto incolmabile che solo la passione per i colori della sua Sezze Scalo da parte di Nino Rossi poteva far rimanere la squadra ancora nel panorama regionale. Il nuovo allenatore è Andrea Carconi, ex Juniores regionale Vis Sezze, Roccagorga e ancora Vis Sezze, mentre il suo secondo è Cristian Pizzi. Nove i giocatori rimasti dallo scorso campionato, a partire proprio dall’estremo difensore Nino Rossi, seguito da Angelo Parente, Emanuele Consoli, Ovidio Condei, Gilberto Caschera, Andrea Altobelli, Maicol Consoli, Gianluca Rossi e Di Crescenzo. Sono invece arrivati dalla Vis Sezze il centrocampista Angelo Ranieri, i difensori Antonio Cantarello e Moreno Torosani, dal Priverno Lepini è arrivato il centrocampista Mario Aronne; gradito ritorno, poi, per Eugenio Alonzi. Ma con quale obiettivo La Setina si presenta ai nastri di partenza del prossimo campionato di Seconda categoria? «La prima vittoria è stata è quella di aver tenuto in vita la Setina – dice subito Rossi – Senza il mio intervento questo glorioso sodalizio non avrebbe partecipato al campionato. E dico grazie agli amici che mi sono stati vicini così come al nostro sponsor ‘Centro Logistico Integrato’. Abbiamo un bel gruppo di ragazzi a cominciare da mio figlio Gianluca, che ricopre il ruolo di direttore sportivo e che sta lavorando per coinvolgere tanti suoi amici. Lo spogliatoio dovrà infatti essere la nostra arma vincente. Al momento è inutile fare proclami perché sono altre le squadre favorite per la vittoria finale. Mi sento di dire solamente che da parte nostra ci sarà il massimo impegno. Andrea Carconi? E’ un tecnico giovane e la Setina potrà essere il suo trampolino di lancio. Sono venti giorni che abbiamo cominciato a lavorare e le amichevoli sin qui disputate sono andate bene, ma è ancora presto per tirare un primo bilancio, perché il campionato è tutta un’altra musica. Comunque invito tutti gli sportivi di Sezze Scalo a sostenerci». Procedere a fari spenti, questo è il motto de La Setina.

Paolo Annunziata

Lascia un commento