Latina sconfitto a Pisa. Il film della partita (Foto Biniero)

Amarezza nella prima di campionato per un Latina scialbo, privo di carattere e poco incisivo, anche dopo il regalo ricevuto dalle mani, o meglio dai piedi, di Mingazzini che poco prima la mezzora entra duro su Gerbo guadagnando anzitempo gli spogliatoi. Non è bastato più di un tempo al Latina per sbarazzarsi del Pisa. Anzi, 

Leggi tutto

Amarezza nella prima di campionato per un Latina scialbo, privo di carattere e poco incisivo, anche dopo il regalo ricevuto dalle mani, o meglio dai piedi, di Mingazzini che poco prima la mezzora entra duro su Gerbo guadagnando anzitempo gli spogliatoi. Non è bastato più di un tempo al Latina per sbarazzarsi del Pisa. Anzi, punti sul vivo i nerazzurri dell’Arena Garibaldi hanno reagito subito, colpendo feralmente tra fine primo tempo e inzio secondo senza lasciare spazio a repliche ad un Latina atteso ora subito a dimostrare il proprio valore.

LA GARA – Nella splendida cornice dell’Arena Garibaldi mister Pecchia non cambia affidandosi al suo ormai collaudato 4-2-3-1. In porta Bindi è difeso dalla linea a quatto composta da destra verso sinistra da capitan Milani, il neo acquisto Cottafava, De Giosa e Giacomini. A centrocampo scelta obbligata con Burrai squalificato e Sacilotto ancora in attesa del transfert dal Brasile, le chiavi della mediana vengono affidate a Cejas e Gerbo. Sulla trequarti a sinistra Tortolano, al centro Montalto e a destra Angelilli, a supporto dell’unica punta Jefferson. Dopo un’inizio di studio, in cui il Latina appare più propositivo, i padroni di casa (costretti a cambiare già al 4′ per l’infortunio di Suagher sostituito da Rozzio) iniziano a premere con insistenza già al 14′, quando sugli sviluppi di un angolo respinto dalla difesa ospite la palla finisce sui piedi di Giacomo Tulli che di destro, al volo, mette i brividi a Bindi con la palla che si alza di un soffio. Al 21’si ripetono i toscani: bella azione sulla sinistra di Perez che serve ancora Giacomo Tulli. Destro angolato che Bindi riesce a deviare in calcio d’angolo. Il Latina fatica, ma al 27′ arriva l’episodio che può cambiare volto al match. Sul cerchio di centrocampo entrata dura di Mingazzini su Gerbo. Per l’arbitro nessun dubbio: rosso diretto e Pisa in dieci uomini. Ma il rosso non sveglia il Latina, anzi. Al 40′ arriva l’eurogol che sblocca il match. A metterlo a segno lo scatenato Giacomo Tulli che sfruttando una respinta di De Giosa (che forse subisce fallo da Favasuli) spara al volo di destro dal limite dell’area con la palla che si insacca sotto l’incrocio dei pali, imprendibile per Bindi. La doccia fredda sembra svegliare dal torpore il Latina che va al tiro con Cottafava. Ma la conclusione del centrale di difesa pontino è troppo alta per impensierire Sepe. Subito dopo una punizione bassa da posizione defilanata di Montalto sibila in mezzo all’area di rigore, ma la difesa del Pisa libera mandando tutti al riposo sull’1-0.

LA RIPRESA – Nella ripresa Pecchia cambia subito inserendo Barraco sulla destra al posto di Montalto. E l’esterno ex Trapani è subito protagonista con una discesa sulla destra e delizioso cross in area dove Jefferso in spaccata anticipa Sabato trovando il riflesso di Sepe che si supera, subito dopo, uscendo in presa bassa sui piedi di Angelilli che era pronto al tap-in. Ma il Pisa è sempre in agguato e raddoppia. Un calcio di punizione delizioso di Favasuli chiama Bindi alla grande parata. Sugli sviluppi del calcio d’angolo palla dentro l’area di Sabato, Cottafava trattiene Perez proprio davanti agli occhi di Abisso. Il fischietto di Palermo non ha dubbi e decreta il calcio di rigore. All’11Dal dischetto capitan Favasuli non sbaglia spiazzando Bindi per il raddoppio del Pisa. Mister Pecchia è deciso a provarle tutte. Dentro Agodiri, fuori Angelilli. Ma è il Pisa ad insistere e rendersi pericoloso al 21′ quando Perez va via ancora come un fulmine sulla destra, scarica a rimorchio per Tulli che spara a rete. Bindi è ancora decisivo allungandosi e bloccando la palla in due tempi. Al 25′ è finalmente il turno del Latina, per la seconda volta vicino al gol. Angolo di Barraco, Kola prolunga di testa sul secondo palo dove Cejas non trova la mira giusta sparando alto. Ultimo cambio di Pecchia ancora in avanti. Dentro Alessandro Tulli, fuori Jefferson. E’ Barraco il più pericoloso del Latina. Da destra, al 30′, arriva il pericolo per la porta di Sepe che blocca sul colpo di testa di Cottafava. Al 39′ ancora Latina con una bella azione tutta di prima. Gerbo mette al centro da destra, Cejas di testa prolunga in area pe Tulli che in area prova l’acrobazia alzando di un soffio sopra la traversa. Ma il Pisa è micidiale in ripartenza. Al 40′ discesa sulla sinistra di Benedetti, cross radente e perfetto per la testa di Barberis che di testa anticipa tutti e la metta alle spalle di Bindi per il 3-0. Nel finale reazione d’orgoglio nerazzurra con Dario Barraco che mette a segno un eurogol con un destro di mezzo collo volante da 35 metri che si insacca sotto l’incrocio dei pali della porta di Sepe. Un gran gol che, però, serve solo a rendere meno amara la sconfitta del Latina.

PISA – LATINA 3-1

Pisa (5-3-2): Sepe, Suagher (4’pt Rozzio), Benedetti, Mingazzini, Colombini, Sabato, Buscè, Rizzo (28’st Barberis), Perez, Favasulli, Tulli G. (38’st Fondi). A disp.: Pugliesi, Carroccio, Fondi, Gatto, Scappini. All.: Pane

Latina (4-2-3-1): Bindi, Milani, Giacomini, Cejas, Cottafava, De Giosa, Angelilli (14’st Agodirin), Gerbo, Jefferson (28’st Tulli A.), Montalto (1’st Barraco), Tortolano. A disp.: Forzati, Bruscagin, Agius, Ricciardi A.. All.: Pecchia

Arbitro: Abisso di Palermo. Assistenti: Calò e Grillo di Molfetta

Marcatori: 40’pt Tulli G., 11’st (rig.) Favasuli, 40’st Barberis, 44’st Barraco

Note – Espulsi: 27’pt Mingazzini per gioco pericoloso. Ammoniti: Cejas, Rizzo, Favasuli, Benedetti, De Giosa, Cottafava, Perez, Colombini. Recuperi: 3’pt – 3’st

Lascia un commento