Sonnino, Borrelli al palo. Panchina a Reggio

SEMBRAVA tutto deciso e invece c’è stato un inaspettato colpo di scena nella corsa alla panchina del Sonnino. Fino a qualche giorno fa, Giuliano Borelli era il candidato numero uno alla panchina gialloblu e tutto lasciava pensare che l’intesa verbale che aveva raggiunto con parte della nuova dirigenza sarebbe stata tranquillamente messa nero su bianco. 

Leggi tutto

SEMBRAVA tutto deciso e invece c’è stato un inaspettato colpo di scena nella corsa alla panchina del Sonnino. Fino a qualche giorno fa, Giuliano Borelli era il candidato numero uno alla panchina gialloblu e tutto lasciava pensare che l’intesa verbale che aveva raggiunto con parte della nuova dirigenza sarebbe stata tranquillamente messa nero su bianco. Non a caso, infatti, l’ex tecnico (tra le altre) di Borgo Flora, Vis Terracina e Vis Sezze Setina aveva già cominciato a contattare i primi calciatori da portare a Sonnino per cominciare ad allestire una squadra in grado di ben figurare in un campionato difficile ed impegnativo come quello di Promozione. Poi, però, è arrivato il cambio di rotta della società, che ha optato per una soluzione interna. La guida tecnica della squadra è stata infatti affidata a Simone Reggio, che nelle ultime due stagioni ha vestito proprio la maglia gialloblu agli ordini di Cesare Baroni prime e di Pino D’Andrea poi. In attesa che le due parti diano l’annuncio ufficiale, i bene informati dicono che Reggio ricoprirà il ruolo di allenatore-giocatore e sarà coadiuvato nella gestione della squadra da un altro compagno di squadra, vale a dire Manuele Di Girolamo. Risolto (si spera una volta per tutte) il nodo allenatore, da oggi in poi, l’entourage gialloblu dovrà preoccuparsi di mettere in piedi nel giro di poco più di dieci giorni una formazione capace di giocarsela alla pari con le avversarie. La priorità, come già più volte ribadito, saranno i giovani di Lega, che dovranno essere presi in blocco e di buona qualità vista l’importanza che, a termini di regolamento, rivestono sul campo.
Insomma, appare chiaro che le prossime due saranno settimane a dir poco concitate per il Sonnino, chiamato a realizzare un autentico miracolo sportivo.

Lascia un commento