Pomeriggio da incorniciare per la “Circe”

Splendido e storico. Non si può definire in maniera diversa il pomeriggio di ieri per la Nuova Circe. In vista dell’esordio assoluto in Eccellenza che avverrà domenica 2 settembre, per la sua prima uscita stagionale, la squadra di Gianni Marzella ha scelto una società professionistica della massima serie come la Lazio. La presenza della squadra della capitale all’ombra del Monte 

Leggi tutto

Splendido e storico. Non si può definire in maniera diversa il pomeriggio di ieri per la Nuova Circe. In vista dell’esordio assoluto in Eccellenza che avverrà domenica 2 settembre, per la sua prima uscita stagionale, la squadra di Gianni Marzella ha scelto una società professionistica della massima serie come la Lazio. La presenza della squadra della capitale all’ombra del Monte Circeo ha scatenato un autentico delirio dalle parti dell’«Aldo Ballarin» che per l’occasione è stato affollato dalla bellezza di 1300 persone. Tifosi biancocelesti, appassionati dello sport più famoso del mondo e semplici curiosi che magari a San Felice stanno trascorrendo le vacanze, per un giorno, hanno volentieri rinunciato al mare per non perdersi l’occasione di vedere da vicino i ragazzi di Vlado Petkovic,
salutati a gran voce al momento dell’ingresso in campo per il riscaldamento – avvenuto dopo essersi prestati con grande disponibilità a foto ed autografi nella zona spogliatoi –.

IL MATCH – Intorno alle 19 il direttore di gara Diomaiuta – con circa trenta minuti di ritardo – ha dato il via ad un match in cui, manco a dirlo, gli ospiti, sistemati con uno sperimentale 4-2-3-1 da Petkovic, hanno immediatamente preso il comando della operazioni. La Nuova Circe, però, nonostante le gambe appesantite dai carichi di lavoro svolti in questi primi sette giorni di preparazione – i rossoblu hanno iniziato a lavorare in sede mercoledì 25 luglio –, è scesa in campo con il consueto 3-5-2 ed ha impressionato positivamente soprattutto per l’atteggiamento tenuto per tutti i novanta minuti, durante i quali non c’è stata nemmeno l’ombra di qualche timore reverenziale. Al 9’ Corsi inizia la sua personalissima sfida con Antonio Candreva: il numero uno rossoblu, infatti, devia in angolo una conclusione ravvicinata del centrocampista biancoceleste e si guadagna gli applausi a scena aperta di tutto il pubblico. Dopo venti minuti di sostanziale equilibrio, la Lazio passa in vantaggio sull’asse Ledesma-Mauri-Rocchi, il quale batte Corsi con un tocco sotto misura che fa scatenare l’urlo di gioia del «Ballarin». Neanche centoventi secondi più tardi lo stesso Corsi si esalta su un’altra conclusione da fuori di Candreva, togliendosi così la soddisfazione di uscire – nel secondo tempo infatti non è più rientrato – vincitore dal duello a distanza col numero 87 biancoceleste. Nella ripresa, come da copione, Petkovic stravolge la formazione che ha finito il primo tempo, mentre Marzella si limita a cambiare qualche pedina. Ma la differenza di valori tecnici e di condizione fisica aumenta ad ogni giro di lancette e così, tra il 52’ e il 67’, la Lazio segna tre volte grazie ad un bolide di Onazzi e alle zuccate di Alfaro e Floccari. Al 71’ il pubblico di casa si infiamma per la prima ed unica palla gol dei locali: De Simone va all’uno contro Biava, lo salta spostandosi la palla sul destro ma anzichè servire Cinelli a centro area, che avrebbe dovuto semplicemente spingere il pallone in fondo al sacco, opta per una conclusione che sfiora soltanto il palo alla destra di Carrizo. Nei successivi dieci minuti Marzella fa partecipare alla festa tutti i ragazzi che gli erano rimasti a disposizione e dopo qualche istante, con circa cinque minuti d’anticipo sul tempo regolamentare, l’arbitro mette fine all’amichevole di lusso.

Simone D’Arpino

NUOVA CIRCE – LAZIO 0-4
Nuova Circe
: Corsi (1’st Bernola) (24’st Pedini), Seppani (12’st Toti), Onorato (2’st Fedeli), Omizzolo, Fiore, Bernardo, Di Matteo (9’st Monti), Falso (41’pt De Santis), De Simone (31’st Repele), Berti (34’st Totano R.), Cinelli (35’st Totano A.). All.: Marzella.
Lazio primo tempo: Marchetti, Konko, Biava, Dias, Garrido, Cana, Ledesma, Candreva, Mauri, Lulic, Rocci (32’pt Alfaro). All.: Petvkovic.
Lazio secondo tempo: Marchetti (16’st Carrizo), Cavanda, Biava, Scaloni, Zauri, Hernanes, Onazzi, Gonzalez, Zarate, Floccari, Alfaro (16’st Kozak).
Arbitro: Diomaiuta di Albano Laziale; assistenti: Guglielmi e Menicucci di Albano Laziale.
Marcatori: 31’pt Rocchi, 7’st Onazzi, 11’st Alfaro, 22’st Floccari.
Note – spettatori 1300 circa.

Lascia un commento