Campo Boario, tutto pronto per cominciare

SI SCRIVE Bassiano, si legge Campo Boario. Uno dei quartieri più antichi del capoluogo, trova così per la prima volta nella storia il campionato di Promozione. Uno sforzo, quello effettuato dalla dirigenza nerazzurra, per portare il calcio vero nel proprio quartiere. Un quartiere che ha subito risposto con grande entusiasmo, pronto per essere il dodicesimo 

Leggi tutto

SI SCRIVE Bassiano, si legge Campo Boario. Uno dei quartieri più antichi del capoluogo, trova così per la prima volta nella storia il campionato di Promozione. Uno sforzo, quello effettuato dalla dirigenza nerazzurra, per portare il calcio vero nel proprio quartiere. Un quartiere che ha subito risposto con grande entusiasmo, pronto per essere il dodicesimo uomo in campo. In panchina siederà Ubaldo Stefanini che lo scorso anno in condizioni veramente difficili portò la Vis Sezze in quinta posizione. Al momento il Campo Boario è un vero cantiere aperto, tantissime le trattative in corso dove il primo colpo è quello dell’attaccante Ermes Pellerani dalla Vis Sezze. Il direttore generale Stefano Proia sta lavorando insieme al tacnico Stefanini per allestire una rosa di tutto rispetto, dando sempre un’occhiata al budget messo a disposizione dalla società. «Siamo partiti in netto ritardo – afferma il diggì Stefano Proia – perché la trattativa è andata alle lunghe. Comunque stiamo lavorando con grande entusiasmo, lottando contro tutto e tutti, soprattutto contro i pregiudizi che ci sono sul nostro quartiere, formato da gente sana e seria. Quando abbiamo saputo che c’era questa opportunità di acquistare questo titolo non ce la siamo fatta scappare, questo grazie al presidente Gino Grenga e al suo staff che stanno facendo grandi sacrifici. La sfida che ci attende è di quelle affascinanti, ma remando tutti insieme per la stessa direzione, ogni problema verrà risolto. Il campionato di Promozione non è uno scherzo, ma saremo pronti per affrontarlo con grande umiltà e soprattutto con grande serietà».
Sta contando i giorni il nuovo tecnico Ubaldo Stefanini per iniziare questa nuova sfida. «Lo scorso anno di questi tempi la situazione che ho trovato a Sezze era sicuramente peggiore di questa – dice il tecnico di Roccagorga – quindi non mi spaventa ripartire ancora una volta da zero. Ringrazio il presidente Gino Grenga per questa chiamata, alla fine il lavoro serio viene apprezzato. In questi giorni sto vedendo un grande entusiasmo, questo è un bel segnale. Stiamo chiudendo numerose trattative, a firme avvenute verrà annunciata la rosa al completo. Sono fiducioso, i presupposti sono buoni, non vogliamo essere una meteora, mi pare ovvio che il primo obiettivo dovrà essere quello di una salvezza senza soffrire più di tanto. Tutti insieme daremo il massimo per ripagare la fiducia della società».
Oggi primo giorno di preparazione con tanti ragazzi in prova, con quelli vicini alla firma già presenti per iniziare il lavoro. Il preparatore atletico sarà il professor Antonio Proietti, una garanzia. Per i giocatori senza squadra interessati ad iniziare la preparazione i cancelli sono aperti, così per gli stage che ci saranno per i giovani nati dal 1993 al 1995, ogni pomeriggio alle 18 per l’intera settimana.

Paolo Annunziata

Lascia un commento