Rosina analizza la situazione in casa Aprilia

MANCA davvero poco al primo dei due appuntamenti con la storia per l’Fc Aprilia. Le rondinelle, domani, scenderanno in campo a partire dalle ore 16 contro il Chieti per l’andata delle semifinali playoff di Lega Pro di Seconda Divisione. Alle rondinelle servirà un successo non disdegnando magari più di un gol di scarto per far 

Leggi tutto

MANCA davvero poco al primo dei due appuntamenti con la storia per l’Fc Aprilia. Le rondinelle, domani, scenderanno in campo a partire dalle ore 16 contro il Chieti per l’andata delle semifinali playoff di Lega Pro di Seconda Divisione. Alle rondinelle servirà un successo non disdegnando magari più di un gol di scarto per far propendere dalla propria l’ago della bilancia in vista della gara di ritorno da giocare in Abruzzo. I chietini partono dal vantaggio della miglior posizione in classifica che gli consentirebbe, nel caso di parità nei risultati e successivamente nei gol fatti. Dalle parti di via Bardi si insegue un sogno che ad inizio stagione nessuno si sarebbe potuto prefigurare, nemmeno nelle più rosee delle aspettative. «Siamo partiti ad inizio campionato, con l’obiettivo della salvezza – ha spiegato il diggì biancoazzurro Ermanno Rosina -. Invece con tanto sacrificio siamo riusciti a raggiungerla in modo tranquillo e quindi tutto quello che è venuto poi, per noi è tanto di guadagnato. Siamo a dir poco orgogliosi e soddisfatti di esser arrivati al quinto posto della classifica e quindi in piena zona playoff, ma va sottolineato che il nostro obiettivo principale è stato ampiamente raggiunto. Certo è che adesso che siamo in ballo vorremo ballare fino in fondo, continuando a coltivare il grande sogno promozione. Sono sicuro che in queste due gare – continua il Direttore Generale Ermanno Rosina – andremo ad affrontare una squadra molto competitiva, forte sia sul piano tecnico che su quello fisico. Una compagine difficile da affrontare: aggrediscono bene sui portatori di palla, giocano un ottimo calcio, ma soprattutto posseggono doti individuali di assoluto valore per la categoria. Oltre a quesot va detto che, anche per loro, si tratta della prima volta in un playoff tra i professioni e, come noi, non hanno intenzione di lasciare nulla di intentato. Ciò che può giocare a nostro vantaggio, però, è il fatto di non avere addosso alcuna pressione di dover fare risultato. Allo stesso tempo siamo consapevoli delle nostre potenzialità, come dimostrano i tanti attestati di stima che abbiamo ricevuto nel corso di questa stagione praticamente da tutti i nostri avversari, anche quelli più quotati che abbiamo saputo mettere sempre in estrema difficoltà». Per quanto riguarda la squadra, hanno ripreso a lavorare con il gruppo sia Lacheb che Pignalosa, pronti quindi ad un posto nello schieramento offensivo delle rondinelle, dove mancherà invece bomber Fabio Ceccarelli. Sulla sponda Chieti tutti a disposizione, con il tecnico neroverde Silvio Paolucci che ha avvisa i suoi della difficoltà del doppio scontro: «Dobbiamo pensare – spiega il mister – di essere all’inizio di un nuovo campionato. Bisognerà affrontare entrambe le gare con l’Aprilia con la massima attenzione, dobbiamo curare tutti i particolari perchè quella del tecnico Vivarini è stata una delle squadre che ci ha messo maggiormente in difficoltà nel corso della stagione regolare, basti pensare alla sfida di ritorno proprio ad Aprilia. Vogliamo fare bene per noi e per i nostri tifosi ed è per questo motivo che daremo il massimo fino alla fine».

Lascia un commento