Aprilia, pari che non cambia nulla. Ora i playoff

Un pareggio indolore per l’Aprilia che nell’ultima giornata della regular season si congeda dal pubblico amico del «Quinto Ricci» impattando 1-1 con il Melfi. Tutto invariato, comunque, per quanto riguarda la classifica. Il Chieti, infatti, vince in casa del Celano e resta al quarto posto, mentre la Paganese, nonostante il successo con il Fano che 

Leggi tutto

Un pareggio indolore per l’Aprilia che nell’ultima giornata della regular season si congeda dal pubblico amico del «Quinto Ricci» impattando 1-1 con il Melfi. Tutto invariato, comunque, per quanto riguarda la classifica. Il Chieti, infatti, vince in casa del Celano e resta al quarto posto, mentre la Paganese, nonostante il successo con il Fano che gli consente di raggiungere a quota 45 proprio l’Aprilia, resta sesta in virtù di una peggiore differenza reti negli scontri diretti. Le rondinelle chiudono comunque con uno storico quinto posto che gli consente di accedere ai playoff che, se vinti, regalerebbero l’accesso in Prima Divisione. A giocarsi la promozione e seguire così in C1 Perugia e Catanzaro saranno Vigor Lamezia, Chieti, Aprilia e Paganese. I biancoazzurri inizieranno la propria avventura il 20 maggio al «Quinto Ricci» per poi giocarsi la qualificazione alla finale playoff a Chieti, città natale nonchè ex squadra proprio di mister Vincenzo Vivarini. In caso di parità nel computo dei gol tra andata e ritorno avrebbe la meglio comunque la squadra abruzzese in virtù del miglior piazzamento in campionato.

LA GARA – In un «Quinto Ricci» listato a lutto per la terribile tragedia che si è consumata a Padova, l’Aprilia si presenta in campo largamente rimaneggiato nell’undici titolare. Vivarini lascia a riposo gli otto in odore di squalifica. Al 3’, comunque, il primo lampo è proprio dei padroni di casa con Criaco che serve in area Germani con Dermaku che con un’entrata scomposta lo atterra. Per il direttore di gara non ci sono dubbi è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta capitan Cruciani che indirizza la sfera nell’angolino non lasciando alcuno scampo a Scuffia. La partita si addormenta salvo riaccendersi nel finale di primo tempo. Al 25’ bellissima azione Germani-Gomes con la conclusione di quest’ultimo respinto da Scuffia. Sulla sfera arriva ancora Germani che tira addosso al numero uno ospite. Il forcing apriliano continua: al 34’ Di Mario in area riceve palla e calcia in porta, ma la sfera termina di soffio a lato. La prima folata del Melfi arriva al 37’, quando Improta supera Diakite e calcia di sinistro, ma la conclusione però termina ampiamente alta. I lucani si ripetono pochi istanti dopo con un tentativo di Viola direttamente da calcio d’angolo che comunque Bifulco blocca agevolmente. Sul capovolgimento di fronte botta di Crialese che termina sopra la trasversale di Scuffia

LA RIPRESA – La ripresa è meno bella della prima frazione. Meglio, comunque, il Melfi che comincia bene risultando pericoloso all’8’: Improta riceve palla e dal limite dell’area tenta un pallonetto che termina di poco alto sopra la traversa. Dopo una lunga fase di stanca arriva il gol del pareggio del Melfi. Russo supera Crialese al limite dell’area e con un destro potente non lascia scampo a Bifulco. Nel finale ultimi attacchi di marca apriliana. Al 39’ bella azione di Salese che riesce a conquistare palla, scambiare con Gomes, e presentarsi solo davanti a Scuffia salvo poi fallire il colpo del ko con un colpo sotto che si spegne di poco a lato.

Gianpiero Terenzi

FC APRILIA – MELFI 1-1
FC Aprilia
: Pellegrino, Di Libero, Crialese, Salese, Gritti, Diakite, Criaco, Cruciani, Di Mario (15’st Vona), Gomes 39’st Calderini), Germani (34’st Buonaiuto) A disp: Bifulco, Aquino, Croce, Iovene. All: Vivarini
Melfi: Scuffia, Spirito (34’st Fiorucci), Gennari (1’st Pericolo), Scarsella, Gerolino, Dermaku, Russo, Viola, Improta, Tirelli, Ambrogetti. A disp: Della Luna, Giunta, Caprioli, Greco, Pericolo, Simeri. All: Bitetto
Arbitro: Minelli di Varese. Assistenti: Trasarti di Teramo e Agostini di Frosinone

Marcatori: 4’pt (rig.) Cruciani, 20’st Russo
Note – Ammoniti: Dermaku, Gennari, Di Libero. Calcio d’angolo: 6-3. Recupero: 2’pt e 3’st

Lascia un commento