La Vigor torna terza. A Terracina si dimette Germano

SUCCESSO esterno per la Vigor Cisterna, che si impone nella tana della pericolante Almas Roma per 3-1, tornando così al terzo posto in classifica ai danni della Vis Artena. Una vittoria meritata per l’undici di mister Alfonso Greco, nonostante un primo tempo dove i biancocelesti sono andati sotto con il risultato nella seconda parte della 

Leggi tutto

SUCCESSO esterno per la Vigor Cisterna, che si impone nella tana della pericolante Almas Roma per 3-1, tornando così al terzo posto in classifica ai danni della Vis Artena. Una vittoria meritata per l’undici di mister Alfonso Greco, nonostante un primo tempo dove i biancocelesti sono andati sotto con il risultato nella seconda parte della prima frazione. L’inizio della gara è di marca ospite, ma la prima occasione degna di nota della gara capita ai bianoverdi con Bertarelli che trova però sulla sua strada l’opposizione di Assogna. I locali prendono così coraggio con i vari Giancotta e Ioppolo, e al 39′ sbloccano la gara grazie al loro numero dieci Binaco che parte dalla zona centrale della trequarti della Vigor, riesce a liberarsi della marcatura dei difensori e a presentarsi da solo davanti ad Assogna: gol facile facile e vantaggio pontino. Il gol scuote definitivamente la Vigor che esce dagli spogliatoi nella ripresa convinta e con la rabbia di chi deve fare la gara.

LA REMUNTADA – La partenza degli uomini di Greco nella seconda parte è veemente e rifila un uno due micidiale per la squadra di Santacecca: al 4′ l’argentino Garat è più lesto di tutti a ribadire in rete una respinta corta di Federici e poi, tre minuti dopo, i biancocelesti mettono la freccia grazie a Di Mauro, abile ad arrivare per primo sulla ribattuta dell’estremo difensore dell’Almas sugli sviluppi di un corner.
I padroni di casa tentano di reagire con Giusto al 16′ e con ancora Binaco, ma la gara prende definitivamente la via cisternese al 28′ con la prima rete in biancoceleste di Mariti, che sfrutta un malinteso difensivo dei biancoverdi: Troisi è abile a rubare palla a Federici e a servire in mezzo il subentrato Mariti che da due passi non sbaglia e fa scorrere i titoli di coda alla gara.

FORMIA, SOLO PARI – Solo 1-1 per il Formia in casa del Monte San Giovanni Campano. I biancocelesti di Davide Palladino non riescono a dare continuità alla bella vittoria ottenuta contro il San Cesareo nell’ultima gara giocata e abbandonano quasi definitivamente ogni speranza di agguantare la seconda posizione in classifica. Il tecnico formiano recupera De Santis, fuori da prima di Pasqua per un infortunio alla spalla, e Liccardi, reduce da due giornate di squalifica. Il capocannoniere del Formia va almeno all’inizio in panchina, al suo posto confermato il giovane Cacace. In porta c’è D’Alessio, classe ’94, schierato per l’indisponibilità dell’ultimo minuto di Gasparri. Gara vivace fin da subito, anche se bisogna aspettare il 20’ per vedere una vera occasione da gol. Se la procura Mariniello con un gran colpo di testa respinto in corner da Micheli con un gran colpo di reni. Tre minuti più tardi provano a replicare i padroni di casa con una grande azione sulla corsia destra da parte di Rosato, cross in mezzo che attraversa tutta l’area di rigore senza che nessuno riesca a intervenire. Continua a tenere bene il campo il Formia. Al 35’ ci prova Lavalle ancora di testa, pronta respinta da parte del portiere ciociaro sui piedi di Mariniello, che da buona posizione spara altissimo. Il Formia chiude il primo tempo in avanti senza però riuscire a trovare la rete del vantaggio. La ripresa si apre con un rigore in favore del Formia, assegnato dall’arbitro per un tocco di mano di Silvestri su tiro cross di Mariniello. Sul dischetto va Mariniello, che si fa però ipnotizzare da Micheli e sbaglia il penalty. Al 27’ arriva la rete del vantaggio ciociaro: bello scambio tra Cucchi e Cirelli, con quest’ultimo che mette all’angolino dal limite dell’area. Reazione immediata da parte del Formia, che pareggia al 31’: gran palla di Vitale per Scipione, tocco morbido e palla in rete. Galvanizzati dal pareggio, i biancocelesti provano ad agguantare anche i tre punti ma senza successo. Finisce, dunque, 1-1.

PODGORA ORA LA SALVEZZA – Borgo Podgora scatenato: al «Bongiorno» rifila tre gol al Ceccano al termine di una partita senza storia. Padroni di casa subito in avanti a testa bassa sospinti da un Martellacci in giornata di grazia. Grazie alla sua doppietta, infatti, il Podgora si trova la strada spianata e chiude il conto con Porcelli. Ma i ragazzi di Paloni hanno avuto anche altre occasioni da rete, soprattutto con Giuffrida che ha centrato una traversa di testa. Per quanto riguarda gli ospiti, l’unica cosa da segnalare è il buon gioco espresso, perché di azioni pericolose neanche a parlarne. Ristic e compagni, infatti, non sono stati mai impensieriti grazie a una difesa di casa sempre attenta a non lasciare spazi agli avanti ciociari. Attaccanti che non hanno potuto fare altro se non tirare da fuori area, ma il tutto senza esito.

TERRACINA, SI DIMETTE GERMANO – GRAZIE al rigore di La Cava al 90’ il Terracina evita di perdere in casa al cospetto dell’Anitrella, passato in vantaggio dopo appena due minuti di gioco, con Tornatore che scappa via alla marcatura di Drogheo, serve Frattini che dal limite piazza un tiro sul secondo palo. Poi arrivano i tentativi di Antonini su punizione (alta sulla traversa), di Matteo su conclusione dalla distanza (alta anche questa) e ancora di Antonini: questa volta è il portiere ospite a respingere con i pugni e sul successivo tiro dalla bandierina Botta, da posizione ravvicinata, manda alto con un colpo di testa. Dopo due minuti, al 32’, Drogheo controlla male il pallone servendo involontariamente Tornatore che da posizione defilata colpisce il palo con la sfera che torna tra le mani di Sidqui. Allo scadere Reali non sfrutta l’unica chance concessagli da uno straordinario Draghe, ma tutto solo davanti al portiere pretende troppo dal suo piede e il pallonetto diventa un passaggio per l’estremo difensore. Nella ripresa, per una buona mezz’ora, non ci sono conclusioni di marca biancoceleste, ma all’ultimo minuto del match Matteo costringe Cianfarani ad un inutile fallo da rigore: destro di La Cava e pareggio del Terracina. E al termine arrivano le dimissioni del tecnico dei tigrotti Emanuele Germano.

Mancini e Stefanelli

I TABELLINI

ALMAS ROMA – VIGOR CISTERNA 1-3
Almas Roma: Federici, Tesfai, Di Gioacchino (21′ st Trobiani), D’Elia (11′ st Giusto), Fondi, Bertarelli, Francesconi, Ioppolo, Giancotta (44′ pt Petracca), Binaco, Marras. A disp.: Pensa, Tremiterra, Attili, Masci. All.: Santececca
Vigor Cisterna: Assogna, Di Girolamo, Cannistrà (1’st Frattarelli), Rossi, Di Mauro, Latini, Chiaraviglio, Salvini, Garat (11’st Mariti), Spinetti (34’st Anselmi), Troisi. A disp.: Campagna, Magni, De Gennaro, Paglia. All.: Greco
Arbitro: Sili di Vitebo, assistenti Capitani (Rieti) e Cocco (Frosinone)
Marcatori: 39′ pt Binaco, 4′ st Garat, 7′ st Di Mauro, 28’st Mariti
Note: Espulsi al 31′ st espulso Trobiani per condotta antisportiva; ammoniti Di Gioacchino, D’Elia, Binaco, Di Mauro

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – FORMIA 1-1
Monte San Giovanni Campano: Micheli, Rosato, De Ciantis, Tofani, Silvestri, Dei, D’Amico (25’st Colò), Cucchi, Cirelli, Lorini (9’st Marciano), Maliziola (37’st Maura). A disp.: Perna, Antonelli, Palladinelli, Cinelli. All.: Bottoni.
Formia: D’Alessio, Scipione, Borrino, Vitale, Stellato, Bernisi, Cacace (16’st Lavalle), De Santis (10’pt Iannitti – 26’st Liccardi), Mariniello, Marzullo, Fiorillo. A disp.: Salemme, Capogrosso, D’Aniello, Cipolletta. All.: Palladino
Arbitro: Garelli di Ciampino
Marcatori: 27’st Cirelli, 31’st Scipione
Note: Espulso Cinelli per proteste dalla panchina. Ammoniti: Borrino, Marzullo, Marciano, Cucchi

BORGO PODGORA – CECCANO 3-0
Podgora: Ristic, Grasso, Pacchiarotti, Martellacci (Cannariato 26’st), Ciarla, Verdini, Onorato, Pestrin, Antonelli, Ferri (Porcelli 1’st), Giuffrida (Ottaviani 31’st). A disp.: Ramiccia, Rubino, Cimadon, Urs. All.: Paloni
Ceccano: Olevano, Pavia, Orsinetti, De Persiis (Carcasole 1’st), Latini, Pessia, Tombolillo, Braccani, Perrotti, Lucchetti (Di Stefano 29’st), Colafranceschi. A disp.: Fiorini, Petrilli, Pirri, Faustini, Ceccarelli. All.: Adinolfi
Arbitro: Pasciugo di Albano (ass. Caretti di Rm1 e Mateo di Rm2)
Marcatori: Martellacci 29’pt, Martellacci 17’st, Porcelli 26’st
Note: ammonito Ferri

TERRACINA – ANITRELLA 1-1
Terracina: Sidqui, Altobelli (72’ Savarese), Drogheo (45’ Osagiede), Festa, Cavaliere, Botta, Minieri (45’ Pallisco), Antonini, Reali, La Cava, Matteo. A disp.: Borsa, Portanova, Kawalie, Costabile. All.: Germano
Anitrella: Caldaroni, Moscara (85’ Grossi), Frattini, Cianfarani, Drague, Patrizi, Virgili, Minelli, Giorelli, Tornatore, Sperduti (85’ Marino). A disp.: Grego, Risali, Di Stefano, Chiavarini, Prati. All.: Petricca
Arbitro: Di Matteo (Ass.: Costantini e Giorgini)
Marcatori: 2’ Frattini, 90’ La Cava (Rig.)
Note: ammoniti Minelli, Pallisco, Reali, Botta, Antonini, Patrizi

Lascia un commento