Garat non basta alla Vigor. Il Formia non esce dal tunnel

PARI amaro per la Vigor Cisterna, che impatta per 1-1 in casa del Lariano e vede la vetta di nuovo allontarsi. Ora diventa di vitale importanza, la prossima giornata dove la squadra di Greco riceverà il Morolo, in concomitanza dello scontro diretto di Formia tra i locali ed il San Cesareo. Il tutto condito dall’interrogativo 

Leggi tutto

PARI amaro per la Vigor Cisterna, che impatta per 1-1 in casa del Lariano e vede la vetta di nuovo allontarsi. Ora diventa di vitale importanza, la prossima giornata dove la squadra di Greco riceverà il Morolo, in concomitanza dello scontro diretto di Formia tra i locali ed il San Cesareo. Il tutto condito dall’interrogativo di dove giocherà la prossima gara interna la squadra di mister Greco. I tifosi intanto, anche a Lariano hanno intonato cori affinchè la squadra non lasci lo storico impianto cisternese.

LA GARA – Parte forte la Vigor che rompe gli indugi al 6’ con Juan Carlos Garat direttamente sul calcio di punizione che si infila dove Marini non può arrivare. Il gol a freddo sveglia la squadra di casa, che con il passare dei minuti guadagna terreno e comincia rendersi pericolosa dalle parti di Assogna. Nel mezzo ancora Garat ha la possibilità di archiviare la gara, ma la sciupa malamente. Al 18’ Soldano serve in area Rossi che spedisce il pallone fuori da ottima posizione. In due minuti poi Assogna sale in cattedra salvando la sua porta in almeno due circostanze: al 21′ su Alexei che prova con un colpo di testa ravvicinato, ma trova la respinta di puro istinto del numero uno cisternese, poi al 23’ quando l’estremo difensore ospite si ripete volando sotto il sette a deviare la conclusione di Amoroso. Intorno alla mezz’ora il Lariano acciuffa il pari con l’ex Iannotti che da due passi non sbaglia il tap-in sulla respinta di Assogna. L’inizio della ripresa fa presagire un forcing della Vigor Cisterna che parte sull’accelleratore ma pian piano si spegne col passare del tempo: al 4′ una punizione di Garat dai quaranta metri pesca in area Chiaraviglio che lasciato incredibilmente da solo dalla difesa locale gira di testa da due passi, debolmente tra le braccia di Marini. Vigor ancora pericolosa un minuto dopo, sul versante sinistro dove una buona trama orchestrata da Frattarelli e Garat mette nelle condizioni Salvini di calciare un rigore in movimento con Marongiu che si immola alla disperata e devia in corner la sfera; dal successivo tiro dalla bandierina, arrivano le veementi proteste della Vigor per un calcio di rigore non concesso per fallo da dietro, in area piccola, subito da Garat nel momento di calciare a rete. La gara continua a farla la formazione biancoceleste con il Lariano che gioca di ripartenza, cercando di sfruttare la velocità del subentrato Scacchetti. Nel finale di gara ancora Vigor vicina alla rete con gli ingressi di Spinetti e Branicki che producono un diagonale della punta polacca sul primo palo che Marini disinnesca alla grande in calcio d’angolo.

QUARTO riusultato utile per il Podgora che fa suo lo scontro salvezza interno contro il Colleferro per 3-1. La squadra di Paloni ha fatto la partita sin dalle prime battute del primo tempo, costruendo numerose azioni da gol, trovando però sulla sua strada, un Bucciarelli versione super. Onorato, Porcelli, Giuffrida e Antonelli esaltano i riflessi dell’estremo difensore rossonero. La seconda frazione, si apre sulla falsa riga della prima frazione con il Colleferro accorto a non subire reti. Al 22’ i padroni di casa passano in vantaggio con Martellacci che raccoglie la palla al limite dell’area e con un colpo a girare beffa Bucciarelli sotto il sette. Il Colleferro fino a quel punto mai pericoloso, raggiunge subito il pareggio con Caffatini che sfrutta un’indecisione di Rubino e beffa Paoletti in uscita. A testa bassa i borghigiani si rituffano un avanti e trovano il nuovo vantaggio con una prodezza balista di Antonelli al 36’. Allo scadere Giuffrida, buona la sua partita, chiude i conti su rigore fissando il risultato sul tre a uno.

Prosegue il momento no del Formia Calcio, incapace di ritrovare la vittoria. Anche in casa dell’Almas Roma terzultimo in classifica, i biancocelesti non riescono ad andare oltre il pareggio a scivolano addirittura al sesto posto in classifica, a -8 dal secondo posto e a -12 dal primo. Un momento decisamente negativo per i tirrenici, che pure hanno dovuto fare i conti con tante assenze pesanti. I padroni di casa trovano subito la rete del vantaggio, all’8’: gran cross di Trobiano dalla destra e palla a Tremiterra, che in diagonale batte Salemme e mette subito la gara in discesa per la formazione romana. Tirrenici non pervenuti nella prima frazione di gioco. Anzi, la formazione di Davide Palladino rischia il tracollo al 28’ quando Marras, tutto solo, prova a cercare la porta e viene fermato da un intervento provvidenziale dell’estremo difensore formiano. Nella ripresa il Formia prova a scuotersi, provando a evitare almeno la sconfitta. Al 19’ arriva la rete del pareggio: fa tutto bene Lavalle, che va via sulla fascia e serve un gran pallone a Volpe, tiro dal limite dell’area piccola e gol dell’1-1. A questo punto i biancocelesti provano a cercare addirittura il colpaccio, senza però troppa fortuna. L’occasione più clamorosa arriva al 26’ e capita tra i piedi di Mariniello, che calcia a botta sicura e si vede respingere il tiro sulla linea. Ancora Formia in avanti alla mezz’ora con Marzullo, che sfodera un bel cross per la testa di Iannitti che manda il pallone di un soffio alto sopra la traversa. Non mollano i tirrenici fino all’ultimo minuto, quando una punizione di Marzullo sfiora il palo e termina sul fondo. Il match termina, dunque, 1-1. Nel prossimo turno i biancocelesti ospiteranno al “Perrone” il San Cesareo per un match che sembra ormai aver poco da dire per la classifica.

PODGORA 1950 – COLLEFERRO 3-1

Podgora 1950: Paoletti, Pacchiarotti, Rubino, Martellacci, Sossai, Verdini, Onorato(32’st Ferri), Pestrin, Antonelli (38’st Ciarla), Porcelli, Giuffrida. A disp.: Ristic, Seppani, Cimadon, Grasso, Ottaviani. All.: Paloni
Colleferro: Bucciarelli, Moriconi, Fiacco, Figlioli (28’st Molle), Petrella, Nilson, Amici (42’st Mastrantonio), Abbondanza, Salvagni, Matozzo, Caffatini. A disp.: Tiseo, Incitti, FeliciPazienza. All.: Baiocco
Arbitro: Sartori di Este, assistenti Manni di Ciampino e Raganelli di Roma1
Marcatori: 22’st Martellacci, 29’st Caffatini, 36’st Antonelli, 44’st rig. Giuffrida
Note – Ammoniti Antonelli, Pestrin, Pacchiarotti, Amici, Giuffrida. Angoli: 11-3
Recupero 1-3

ALMAS ROMA-FORMIA 1- 1

Almas Roma: Federici, Luziatelli, Tesfai, D’Elia, Tremiterra, Attili (40’ st Francesconi), Troiani, Ioppolo, Camilli, Binaco Marras (45’ st Masci). A disp.: Pensa, Refice, Ciancotta, Miceli, Giusto. All.: Santececca
Formia: Salemme, Scipione (28’ st Iannitti), Borrino, Vitale, Di Franco, Lavalle, Cacace (12’ st Capogrosso), Volpe, Mariniello, Marzullo, Fiorillo. A disp.: D’Alessio, Stellato, Cipolletta, Centola, De Meo. All.: Palladino
Arbitro: Pashuku di Albano Laziale. Aassistenti: Assante di Frosinone Santostefano di Viterbo
Marcatori: 8’ pt Tremiterra, 19’ st Volpe
Note- Ammoniti D’Elia, Borrino,Vitale. Recuperi 1’ e 3’.

LARIANO – V IGOR CISTERNA 1-1
Lariano: Marini, Rossi ( 38’st Zucchelli), Maroni, De Vecchis, Marongiu, Amoroso ( 25’st De Porzi), Soldano, Sbraglia (20’st Scacchetti), Alexei,Ianotti, Cornacchione. A disp.: Mattogni, Scifoni, Tiburzi. All.: Solimina
Vigor Cisterna: Assogna, Paglia, Toto, Travaglione, Anselmi, Latini, Chiaraviglio (25’st Spinetti),De Gennaro ( 1’st Salvini),Garat ( 30’st Branicki), Frattarelli, Troisi. A disp.: Campagna, Magni, Di Mauro, Di Girolamo. All.: Greco.
Arbitro: Consalvo di Lanciano, assistenti Ciccaglione e Capitani di Rieti
Marcatori: 6’pt Garat, 27’ pt Iannotti.
Note – Ammoniti Amoroso, Toto, Frattarelli. Espulsi: al 41’st Troisi per doppia ammonizione

Lascia un commento