Latina, si torna in campo

Riprendono gli allenamenti in casa Us Latina Calcio. Questo pomeriggio (martedì 20 marzo) la squadra si è ritrovata sul campo della Fulgorcavi per la prima seduta in vista della sfida di domenica contro la Virtus Lanciano. Gara che, lo ricordiamo, verrà giocata alle ore 15 allo stadio Domenico Francioni. Dopo l’entusiasmo per la seconda vittoria 

Leggi tutto

Riprendono gli allenamenti in casa Us Latina Calcio. Questo pomeriggio (martedì 20 marzo) la squadra si è ritrovata sul campo della Fulgorcavi per la prima seduta in vista della sfida di domenica contro la Virtus Lanciano. Gara che, lo ricordiamo, verrà giocata alle ore 15 allo stadio Domenico Francioni. Dopo l’entusiasmo per la seconda vittoria consecutiva ottenuta domenica scorsa in casa dell’Andria, mister Stefano Sanderra ha cominciato la seduta di allenamento con il consueto briefing con i propri calciatori. Poi tutti in campo per l’allenamento. Con il gruppo si sono rivisti Citro e Fossati, che si erano allenati a parte nella scorsa settimana, e Tiziano Maggiolini, che proverà nel corso di questi cinque giorni di tornare a disposizione del tecnico per una convocazione. Si sono allenati a parte, invece, il portiere Claudiu Ioan Baican, il centrocampista Luca Ricciardi e l’attaccante Alessandro Tulli che comunque tornerà in gruppo già da domani (mercoledì 21 marzo). La squadra si allenerà domani (mercoledì 21 marzo) in doppia seduta alla Fulgorcavi (mattina ore 10, pomeriggio ore 15), mentre giovedì (22 marzo) la consueta partitella con la Berretti al Francioni. alle 15. Venerdì (23 marzo) e sabato (24 marzo) sedute mattutine (ore 10) entrambe al Francioni.

DESIGNAZIONI ARBITRALI – Nessuna squalifica è arrivata dal Giudice Sportivo. L’unico indisponibile, dunque, per Lanciano sarà Kola Agodirin che dovrà scontare il secondo dei due turni di squalifica rimediati nel match contro il Frosinone. Ad arbitrare la gara di domenica (25 marzo) sarà il signor Andrea Adduci di Paola (prima conduzione arbitrale con i nerazzurri). Assistenti Lorenzo Gori di Arezzo e Luigi Signoriello di Napoli.

Lascia un commento