Sonnino – Hermada, un big match dal doppio volto

Dopodomani Sonnino ed Hermada si giocheranno una buona fetta di stagione. E poco importa se in classifica ci sono ben dieci punti a separarle perché quella che andrà in scena tra quarantott’ore al «San Bernardino» potrebbe davvero essere una sfida in grado di cambiare il volto della classifica del girone «G». Fino a sabato scorso, 

Leggi tutto

Dopodomani Sonnino ed Hermada si giocheranno una buona fetta di stagione. E poco importa se in classifica ci sono ben dieci punti a separarle perché quella che andrà in scena tra quarantott’ore al «San Bernardino» potrebbe davvero essere una sfida in grado di cambiare il volto della classifica del girone «G». Fino a sabato scorso, infatti, due erano le certezze del campionato di Prima Categoria: titolo in tasca per il Cedial Lido dei Pini e podio assicurato per l’Hermada. Con i risultati dell’ultimo turno, però, la seconda è diventata piuttosto fragile e potrebbe sparire del tutto se domenica dovesse spuntarla proprio il Sonnino. E’ già perché in caso di affermazione gialloblu si accenderebbe una vera e propria bagarre alle spalle della corazzata romana per accaparrarsi i due posti del podio – che come ogni anno potrebbero garantire il salto di categoria attraverso i ripescaggi – che coinvolgerebbe certamente cinque squadre, Hermada, Monte San Biagio, Montello – già certe di giocarsela fino alla fine indipendentemente da quello che riusciranno a fare domenica –, Latina Scalo – che dopodomani rientrerà definitivamente in corsa vincendo col Real Vallemarina – e Sonnino, ma che potrebbero diventare addirittura sette qualora anche Calcio Sezze e Airone Ardea – attese dai non facili impegni contro Monte San Biagio ed R11 Latina – riuscissero a fare risultato pieno. Ecco perché, dunque, Sonnino-Hermada rappresenta una sorta di spartiacque della stagione non solo di gialloblu e rossoblu.

QUI HERMADA – L’undici di Pino Tosti potrebbe blindare il secondo posto espugnando il «San Bernardino» e dimostrando che il ko rimediato cinque giorni fa col Calcio Sezze (partita che resta su iudice visto che l’Hermada ha fatto ricorso per un presunto errore arbitrale) è stato semplicemente un incidente di percorso. Certo, Palmacci e soci scenderanno in campo con la consapevolezza di avere due risultati su tre a disposizione, ma considerando che tra due domeniche al «Paganini» arriverà nientemeno che il Cedial Lido dei Pini, contro cui fare risultato, almeno per il momento, sembra proibitivo per chiunque, è chiaro che farebbero bene a non fare calcoli e a cercare la vittoria ad ogni costo.

QUI SONNINO – Di fronte, però, si ritroveranno un avversario che sta attraversando uno splendido momento di forma. Nelle ultime nove giornate la squadra di D’Andrea ha infatti inanellato sette vittorie e due pareggi conquistando ventitre dei ventisette punti a disposizione, ma il dato che più di ogni altro fa piacere al tecnico è senza dubbio quello relativo alla differenza reti: venticinque gol all’attivo e solo quattro subiti è lo score degli ultimi due mesi e mezzo del campionato del Sonnino, la cui difesa, in questo periodo, non a caso è diventata la migliore del torneo. Insomma, i motivi per definire decisiva la supersfida tra Sonnino ed Hermada di certo non mancano: ora non resta che stare a vedere quel che succederà in campo e quale sarà la fisionomia della classifica poco prima delle 17 di dopodomani.

Simone D’Arpino

Lascia un commento