Il San Donato vuole rialzarsi. Il Grappa risponde al Vodice, intanto escono le date dei recuperi

PER il San Donato Pontino la gara persa contro l’Fc Agora è stata solo un incidente di percorso, dopo una serie di partite utili. Considerato il risultato delle altre formazioni il discorso salvezza resta aperto, seppure con una doverosa attenzione da porre sempre alle squadre in lotta per non retrocedere. Il vantaggio sulla zona rossa rimane sempre di 4 

Leggi tutto

PER il San Donato Pontino la gara persa contro l’Fc Agora è stata solo un incidente di percorso, dopo una serie di partite utili. Considerato il risultato delle altre formazioni il discorso salvezza resta aperto, seppure con una doverosa attenzione da porre sempre alle squadre in lotta per non retrocedere. Il vantaggio sulla zona rossa rimane sempre di 4 punti. Ma la sconfitta rimediata contro l’Agora non ha portato ad alcun contraccolpo negativo. E domenica ci sarà la sfida col Borgo Grappa. «Ci stiamo preparando con la consueta serenità – continua Andrea Duò – il Borgo Grappa è un’altra grande del girone, ma noi non per il Borgo Grappa, ma in campo come sempre daremo il massimo. Siamo a + 4 sulla zona rossa della classifica, un margine che non può farci stare tranquilli. Dopo Borgo Grappa il calendario ci proporrà una serie di scontri diretti importanti: il campionato adesso entrerà nel vivo per quanto ci riguarda»

QUI GRAPPA – Dalla parte del Grappa tiene ancora banco la questione relativa ai fatti di Borgo Vodice, scontro diretto per l’alta classifica che la squadra di De Paris ha perso di misura non senza un condimento di piccanti polemiche. Cinque giornate a Lauretti del Vodice sono il verdetto del Giudice Sportivo, dopo che lo stesso giocatore ha strattonato il guardalinee di parte ospite. Ma da Sellan, il patron del Grappa, arriva la risposta alle parole di Antonio Nania del Vodice: “Non accettiamo lezioni di etica e sportività da nessuno, tantomeno da chi si è comportato così con un nostro dirigente. Ci hanno accusato di aver alzato i toni, beh, io non penso davvero sia così”. Risposta anche dal diretto coinvolto, Riccardo D’Arienzo, il portiere borghigiano che aveva accusato di antisportività la squadra di Polselli: “Mi preme sottolineare che non ce l’avevo con la società, ma semplicemente con gli atteggiamenti dell’allenatore Polselli, antisportivo per tutto il corso della gara”.

I RECUPERI – Intanto dal Giudice Sportivo sono arrivate anche le date dei recuperi: il 14 marzo si giocherà, o meglio ri-giocherà, dopo l’errore tecnico arbitrale la sfida del girone M Nuovo Latina – Amatoriale Bassiano. Nel girone N sarà lo stesso giorno il derby tra Pro Formia e Spigno.

Lascia un commento