Come all’andata l’Aprilia porta a casa solo i complimenti

SECONDA sconfitta esterna nelle ultime tre trasferte dell’Aprilia che deve arrendersi senza demeritare in casa di un Perugia cinico e sempre più primo in classifica. I biancoazzurri, come all’andata, non hanno sfigurato al cospetto dei grifoni, partendo forte e creando tanto, non riuscendo però a sfruttare la mole di occasioni avute sottoporta nei primi minuti, 

Leggi tutto

SECONDA sconfitta esterna nelle ultime tre trasferte dell’Aprilia che deve arrendersi senza demeritare in casa di un Perugia cinico e sempre più primo in classifica. I biancoazzurri, come all’andata, non hanno sfigurato al cospetto dei grifoni, partendo forte e creando tanto, non riuscendo però a sfruttare la mole di occasioni avute sottoporta nei primi minuti, salvo poi alzare bandiera bianca a causa un calcio di rigore che farà discutere. La sconfitta di ieri pesa ancora di più in virtù dei risultati delle dirette rivali alla corsa playoff L’Aprilia, infatti, viene scavalcata dall’Arzanese, e non sfrutta lo stop di Paganese (1-1 con L’Aquila) e Gavorrano, sconfitto in casa dal Chieti.

LA CRONACA – Senza Croce squalificato, Vivarini si affida a centrocampo a Salese. In attacco fiducia alla coppia Lacheheb – Calderini. Partenza sprint proprio dell’Aprilia con Cruciani che al 9’ serve Gomes che da posizione defilata conclude di un soffio a lato. Al 14’ si replica: perfetta triangolazione nello stretto tra Lacheheb e Calderini, con quest’ultimo che a tu per tu con Giordano prova in diagonale facendo solo la barba al palo. E’ un’Aprilia straripante che legittima la superiorità territoriale con l’ennesima occasione. Al 21’ Lacheheb è bravissimo a liberarsi al tiro e poi sparare a rete. Giordano è battuto, ma a salvarlo è il palo alla sua sinistra che lascia invariato il risultato. Il Perugia si vede solo dopo la metà del primo tempo con Margarita che con un bel destro dalla distanza sfiora il vantaggio. La replica dell’attaccante biancorosso giunge dieci minuti dopo. E’ esattamente il 34’ quando la capolista trova il guizzo giusto che cambierà il volto alla gara. Margarita viene atterrato in mezzo all’area di rigore durante un classico parapiglia da calcio d’angolo. Il contatto è veniale, ma per il signor Coccia di San Benedetto del Tronto non ci sono dubbi: calcio di rigore. Dagli undici metri Clemente non sbaglia, spiazzando Bifulco per il gol che vale l’1-0. Finisce qui un primo tempo dominato dall’Aprilia ma chiuso in vantaggio dai padroni di casa.

LA RIPRESA – Nella ripresa il Perugia scende in campo con l’intento di controllare l’Aprilia e ripartire in contropiede. Succede al 20’, quando Moscati viene messo in porta da un bel lancio del solito Margarita salvo poi mancare il bersaglio con un tiro impreciso. L’Aprilia ci prova. Vivarini (espulso nel finale per proteste) vuole cambiare in avanti e spedisce in campo Bonaiuto e Pignalosa rispettivamente al posto di Lacheheb e Gomes. Proprio Pignalosa è pericoloso al 28’, quando, appena entrato in area di rigore, impegna severamente il numero uno di casa che salva deviando in calcio d’angolo. E’ il preludio alla rete che spezza le gambe alle rondinelle. Rete che arriva al 33’ con Clemente che sigla l la personale doppietta sfruttando ancora una magia di Margarita battendo Bifulco con un delizioso piattonedi destro. A sintesi di una domenica sfortunata, al 42’, super Giordano nega la gioia del gol ai pontini, deviando in corner un calcio di rigore tirato da Cruciani.

Gianpiero Terenzi

IL TABELLINO

PERUGIA – FC APRILIA 2-0
Perugia: Giordano, Anania, Cacioli, Borghetti, Zanchi; Moscati, Carloto, Borgese (11’st Mocarelli), Margarita, Balistreri (27’st Tozzi Borsoi), Clemente (35’st Ferri Marini). A disp.: Despucches, Pupeschi, Russo, Moneti. All: Battistini
Aprilia: Bifulco, Grieco, Gritti, Aquino, Carta (40’st Germani), Criaco, Cruciani, Salese, Gomes (25’st Pignalosa), Lacheheb (19’st Buonaiuto), Calderini. A disp.: Pellegrino, Di Libero, Diakite, Crialese. All. Vivarini
Arbitro: Coccia di San Benedetto del Tronto. Assistenti: Serpilli di Ancona e Raimondi di Fermo
Note – Espulso il tecnico Vivarini. Ammoniti: Margarita, Cruciani, Zanchi.
Marcatori: 36’pt Clemente (rig), 33’st Clemente

Lascia un commento