Girone D – La Circe si fa fermare dall’Alatri. Vince il Sezze, ancora una X per il Pontinia

LA Nuova Circe non riesce a sfondare il muro eretto dall’Alatri e resta a bocca asciutta per la seconda volta consecutiva. Era già successo, infatti, lo scorso 29 gennaio, quando a fermare la corazzata di Gianni Marzella era stato il fanalino di coda Real Casamari. Stavolta, invece, è stata la penultima forza del girone «D» 

Leggi tutto

LA Nuova Circe non riesce a sfondare il muro eretto dall’Alatri e resta a bocca asciutta per la seconda volta consecutiva. Era già successo, infatti, lo scorso 29 gennaio, quando a fermare la corazzata di Gianni Marzella era stato il fanalino di coda Real Casamari. Stavolta, invece, è stata la penultima forza del girone «D» ad imporre il pari ai rossoblu, che però, nonostante tutto, sono riusciti ad incrementare ugualmente il vantaggio sul secondo posto grazie al successo riportato dal Sermoneta sulla Nuova Itri. Ma il +7 sulle formazioni di Mario Caneschi e Roberto Giovannelli non deve comunque far passare inosservato un problema che in casa Nuova Circe bisogna al più presto risolvere per non rischiare di compromettere quanto di buono fatto finora: la difficoltà a piegare la resistenza di squadre che, proprio come l’Alatri, scendono in campo con la chiara intenzione di portare a casa lo 0-0, passando gran parte del match nella propria metà campo. I due punti raccolti contro le ultime due della classe fotografano perfettamente l’enorme occasione sciupata per scrivere la parola fine alla lotta per il titolo.

LA Vis Sezze Setina è riuscita ad avere la meglio su un Città di Minturno che, dopo tre vittorie consecutive, è caduta davanti alla formazione lepina. E’ stata una partita molto tirata e che gli ospiti hanno saputo riequilibrare, dopo il doppio vantaggio accumulato dai rossoblu di casa nei primi 22 minuti. L’avvio di Capuccilli e compagni, infatti, è stato scintillante, visto che Pellerani e Bonanni hanno battuto due volte l’estremo difensore ospite Cenerelli. Ma la squadra di Pernice, nonostante la giovane età, si è riorganizzata ed ha reagito, tanto che Torino, a pochi minuti dalla fine del primo tempo dimezzava il distacco. Nella ripresa i locali perdevano Pellerani, che veniva espulso e la superiorità numerica caricava i giocatori ospiti, i quali, a 12 minuti dalla fine pareggiavano con il bravo Martino. Un pareggio che accontentava il Minturno, che però, dopo 4 minuti, perdeva Caiazzo espulso per doppia ammonizione. In parità numerica il Sezze tentava il tutto per tutto ed era il neo entrato Leva che regalava ai suoi la rete della preziosa vittoria. Dopo il gol, il difensore ospite Uva si faceva ammonire per la seconda volta e doveva abbandonare il campo, lasciando i suoi in nove uomini. Mister Pernice inseriva Zinicola nel tentativo di recuperare il risultato, ma non succedeva più nulla. Un successo che rilancia le ambizioni della Vis Sezze Setina che ha così approfittato al meglio dei rallentamenti di Nuova Circe e Nuova Itri. Per il città di Minturno Marina una sconfitta indolore, in attesa del match di domenica prossima contro il Sermoneta.

Il Pontinia non va oltre lo 0-0 nell’importantissimo match salvezza contro il Tecchiena, giocato sul campo di Alatri, e rimane così impelagato nelle sabbie mobili della classifica. Il risultato può essere considerato giusto visto che alla fine le due squadre si sono equivalse. Nei primi dieci minuti Salvatori e Girolami creano più di una volta i presupposti per il vantaggio ma il pallone non entra. Dopo l’inizio promettente, i locali non si confermano sugli stessi standard e sul finire di tempo è sui piedi di Bassani che capita una buona opportunità. Nella ripresa si ripete lo stesso leit-motiv della prima frazione con il Tecchiena all’attacco sin da subito. Tra il 55′ ed il 60’sono sempre i soliti Salvatori e Girolami a farsi vedere, senza troppi successi però, dalle parti di Angrisani. Il Pontinia rimane come previsto sulle sue e col passare dei minuti le possibilità di sbloccare la situazione cominciano a ridursi sensibilmente. Serve a poco la consueta girandola dei campi e le occasioni arrivano solamente da calcio piazzato.

I TABELLINI

NUOVA CIRCE – ALATRI 0-0
Nuova Circe: Corsi, Toti, Reccolani (38’st Onorato), Omizzolo, Fiore, Masini (20’st Falso), Bernardo, Croatto (17’st Repele), Di Roberto, Berti, Sannino. A disp.: Bernola, Fedeli, Rinaldi, Salerno. All.: Marzella.
Alatri: Rovitelli, Benndlev, Vitali, Naretti (24’st Rocha), Galuppi, Puerti, Dell’Uomo, Dandini, Cifoni (34’st Fanella), Restante, Maglia (34’st Sarra). A disp.: Minnucci, Pico, Della Morte, Latini. All.: Galuppi.
Arbitro: Di Vilio di Roma 1; assistenti: De Iorio di Roma 1 e Lomartire di Roma 2.
Note – Espulsi: Dell’Uomo al 25’st per proteste e Galuppi al 43’st per doppia ammonizione; ammoniti: Puerti, Fanella (A).

VIS SEZZE SETINA – CITTA’ DI MINTURNO MARINA 3-2
Vis Sezze Setina: Stefanini A., Martelletta, Brukner, Papa, Del Signore, Di Trapano, Pellerani, Bonanni (8’st Leva), Del Grande, Capuccilli, Violanti. A disp.: Battisti, Zeppieri, Meneghello, Truini, Arcese, Mattia. All.: Stefanini U.
Città di Minturno-Marina: Cenerelli D., Conte, Merola (42’st Zinicola), Cicala, Caiazzo, Uva, Petrillo, Pirolozzi, Taglialatela, Martino (40’st Porcaro), Torino (22’st Vezza). A disp.: Grasso, Falso, Sica. All. Pernice.
Arbitro: D’Ambrogio di Frosinone.
Marcatori: 3’pt Pellerani, 22’pt Bonanni, 37’pt Torino, 33’st Martino, 40’st Leva.
Note – Espulsi: Pellerani al 15’st per proteste, Caiazzo al 37’st e Uva al 41’st per doppia ammonizione; ammoniti: Papa, Bonanni (VS), Taglialatela.

TECCHIENA-PONTINIA 0-0
TECCHIENA: Ciocca, Maliziola, Fattizzo, Colasanti (75’Cardinali), Pippnburg, Minotti, Lembo, Mosciatti (89’Copputelli), Girolami, Salvatori, Rizzuto. A disp.: Petriglia, Frezza, Catracchia, Rossetti. All.: Vescovi
PONTINIA: Angrisani, Ben Hadda, Stefanelli, Perfetti, Fiorini, Montano, Incollingo, Cerolini, Bassani, Cerrocchi, Battistuzzi (80’Restante. A disp.: Villani, Lanotte, Aquino, Forzan, Forlano. All.: Cencia
Arbitro: Marino di Roma
Ammoniti: Pippnburg, Montano, Incollingo, Cerolini e Bassani

Lascia un commento