Bainsizza ruggisce con l’Agora e torna in corsa

CINQUE gol, spettacolo ed emozioni. C’è stato di tutto nel big match della seconda di ritorno del girone M giocato al Parisotto tra Bainsizza ed Fc Agora. Finisce 3-2 per i padroni di casa che si regalano così la quarta vittoria di fila della gestione Parisi. Tre punti che consentono al Bainsizza di tornare prepotentemente 

Leggi tutto

CINQUE gol, spettacolo ed emozioni. C’è stato di tutto nel big match della seconda di ritorno del girone M giocato al Parisotto tra Bainsizza ed Fc Agora. Finisce 3-2 per i padroni di casa che si regalano così la quarta vittoria di fila della gestione Parisi. Tre punti che consentono al Bainsizza di tornare prepotentemente in corsa per la vittoria del campionato, visto anche il rallentamento di Aurora Vodice e della capolista Sabaudia (0-0 nel derby) ora distante dai borghigiani di sette lunghezze. Dall’altra parte l’Agora rallenta sensibilmente la propria corsa raccogliendo un solo punto nelle ultime due partite e pagando a caro prezzo le assenze di Mangili, Canella, Amoriello e Cesari. Una gara dai due volti. Il Bainsizza domina in lungo e in largo sciorinando grande calcio nella prima mezzora. I tre gol di Dian sembrano chiudere anzitempo il discorso, se non fosse per il signor Giordano di Formia che con una conduzione di gara a dir poco disastrosa nella gestione dei cartellini, consente all’Agora (che da regolamento avrebbe dovuto finire il primo tempo in 9 uomini) di rimanere a galla e tentare una rimonta solo sfiorata nella ripresa, quando, con il piglio della grande squadra, l’undici di Bruscagin ha saputo tornare in partita raddrizzando una domenica no.

BAINSIZZA CON IL TURBO Ma andiamo con ordine. Come detto, sin dall’inizio sono i padroni di casa a dimostrare di tenere meglio il campo. Calcabrini e soprattutto Del Brusco (mastodontico il centrocampista al rientro dal primo minuto) tengono saldamente in mano il pallino del gioco. Il Bainsizza preme ed è pericoloso due volte nel primo quarto d’ora. Entrambi i tentativi arrivano proprio dai piedi di Del Brusco che su calcio di punizione impegna Rivieccio bravo con due parate fotocopia a deviare in angolo. Il gol, però, è nell’aria e arriva al 22’. Su un lancio lungo Rivieccio e Nicoletti pasticciano, al limite dell’area arriva Dian che anticipa il portiere ospite con la punta. La palla rotola lentissima verso la porta, Dian la insegue ma viene steso dal numero uno rossoblu. La sfera nel frattempo finisce la sua corsa in rete, ma Giordano fischia in anticipo il rigore non concedendo il vantaggio (primo errore) e successivamente punendo Rivieccio (ultimo uomo) solo con il giallo (secondo errore). Dal dischetto, comunque, Dian non sbaglia e sblocca la partita. Passanotre minuti e arriva il raddoppio. E’ splendida l’azione del Bainsizza. Del Brusco inventa aprendo il gioco sulla sinistra per Critelli che punta Nicosia, lo brucia, e poi mette al centro un cross al bacio su cui Dian si avventa con una bellissima sforbiciata che batte Rivieccio tra gli applausi a scena aperta del Parisotto.

I DISASTRI ARBITRALI – L’Agora è un pugile stordito messo all’angolo. Al 27’ squilla ancora Melato, che di destro non c’entra la porta, mentre due minuti dopo arriva puntuale il 3-0. Azione tutta in verticale con Cacciapuoti che lancia nello spazio Dian, Nicosia è in anticipo ma buca l’intervento lasciando strada spianata all’attaccante nerazzurro che una volta dentro l’area batte Rivieccio in diagonale. Partita finita? Sembra di sì, quando al 35’ Critelli, lanciato a rete, va via a Nicoletti che lo stende da ultimo uomo. Ancora una volta, però, Giordano ci mette del suo graziando il difensore rossoblu non assegnando un rosso sacrosanto. Proprio Nicoletti lascia il posto a Lombardi e la partita dell’Agora cambia. Il giovane laterale, infatti, dà linfa ai suoi che reagiscono. Al 37’ il gol che riapre la partita: cross di Martucci dalla sinistra, Vecchio anticipa tutti e di testa mette dentro. Azione fotocopia prima del riposo, ma stavolta il cross di Mattei, incornato da Vecchio sottomisura, trova lo splendido riflesso di Cioè.

LA REAZIONE ROSSOBLU – Nella ripresa – nettamente più brutta del primo tempo – l’Agora tenta il tutto per tutto. La manovra dei ragazzi di Bruscagin non è bella, nè fluida, ma comunque con la forza dei nervi i rossoblu provano a sfondare. Al 3’ Martucci va via e poi spara a rete con la palla che esce di poco. Solo il preludio al gol dello stesso Martucci. All’8’ l’attaccante raccoglie con un perfetto taglio in area un assist al bacio di Lombardi per poi battere di punta Cioè in uscita. Il Bainsizza è spaventato e non riesce più ad esprimersi. Al 21’ si vede solo Cacciapuoti che da fuori area fa la barba al palo. Al 28’è il turno dell’Agora. Lombardi va via in bello stile sulla destra, entra in area di rigore e una volta davanti ad Attivani (subentrato da poco all’infortunato Cioè) prova il colpo sotto. Sembra gol, ma il miracoloso colpo di reni del portiere di casa evita il peggio ai suoi. La paura fa rinvigorire un Bainsizza che resiste agli assalti finali degli ospiti sprecando anche qualche occasione in contropiede. Nel finale solo gioco spezzettato e tanto nervosismo che, dopo il triplice fischio, sfocia anche in qualche colpo proibito.

Gianpiero Terenzi

IL TABELLINO

BAINSIZZA – AGORA 3-2
Bainsizza
: Cioè (21’st Attivani), Tosti, Altamirano, Maione, Ambrosio, Calcabrini (18’st Guadagno), Cacciapuoti, Del Brusco, Dian, Critelli, Melato (33’st Ramiccia). A disp.: Pavani, Ghirotto, Ageta, Tomassini. All.: Parisi
Fc Agora: Rivieccio, Nicosia, Mancini, Policriti, Nicoletti (35’pt Lombardi), Risoldi, Ulgiati, Milani, Martuccim Vecchio, Mattei (1’st La Penna). A disp.: Di Prospero, Baccini, Rubeca, Mambrin, Luison.
Arbitro: Giordano di Formia
Note – Ammoniti: Tosti, Maione, Dian, Melato, Rivieccio, Mancini, Policriti, Ulgiati, Milani, Vecchio, Lombardi

Lascia un commento