La Sa.Ma.Gor. è viva e non vuole mollare

Sotto di due gol a due minuti dal termine contro una signora squadra come il Dilettanti Falasche non era facile per nessuno rimontare il doppio svantaggio, invece la Sa.Ma.Gor. di questo ultimo periodo ha dimostrato di poter fare qualsiasi impresa. Un pareggio cercato e voluto conquistato meritatamente quello contro il Falasche, raggiunto con cuore e 

Leggi tutto

Sotto di due gol a due minuti dal termine contro una signora squadra come il Dilettanti Falasche non era facile per nessuno rimontare il doppio svantaggio, invece la Sa.Ma.Gor. di questo ultimo periodo ha dimostrato di poter fare qualsiasi impresa. Un pareggio cercato e voluto conquistato meritatamente quello contro il Falasche, raggiunto con cuore e carattere. Sorride il diggì Arcangelo Ventriglia come non capitava da tempo, dopo un pareggio che equivale a una vittoria. «Complimenti ai ragazzi questa è la risposta che volevamo noi della società– afferma il diggì della Sa.Ma.Gor. – In questo inizio di 2012 è un’altra Sa.Ma.Gor., abbiamo incontrato tre grandi squadre e siamo sempre usciti dal campo a testa alta. Sotto di due gol siamo stati forti a livello mentale e nessuno si è tirato indietro. La grinta, il cuore e il carattere hanno colmato il gap qualitativo con l’avversario. Siamo ancora in gioco, questa è la risposta a chi ci dava spacciati: entrare nella griglia dei playout è ancora possibile, le distanze sono minime. Questo risultato lo prendiamo come come punto di partenza, adesso dovremo dare continuità, mettere in campo quella personalità che ho visto in questo ultimo periodo. Devo fare i complimenti a Gennaro Ciaramella, prima di essere allenatore è un uomo vero, uno che fa calcio per pura passione».

CUORE SAMAGOR – C’è stato tutto il cuore della Sa.Ma.Gor. in questo pari contro il Falasche. E’ sempre pronto a prendere in mano la squadra con il suo temperamento e la voglia di lottare fino al triplice fischio: Filippo Di Marco è un vero lottatore. «Abbiamo fatto una prestazione dal grande cuore – dice il centrocampista – con questo spirito nulla è precluso. Siamo ancora in gioco per entrare nei playout, guai a mollare, visto che ci sono ancora tutti gli scontri diretti da giocare. Siamo compatti e alla ripresa degli allenamenti cominceremo a pensare alla gara di domenica in casa dell’Ostia Antica. E’ importante dare continuità ai risultati. Non è ancora finita come ho sentito da qualche addetto ai lavori. Fra pontine ci facciamo la guerra, mentre nell’altro girone stiamo già vedendo dei risultati strani tra le ciociare».

Lascia un commento