Riprende la ‘caccia’ all’Hermada

DOPO quindici giorni di sosta, la Prima Categoria domenica torna in campo per il quattordicesimo turno. Il piatto forte della penultima giornata del girone di andata è senza dubbio la supersfida che andrà in scena alle 14,30 al «Paganini» tra i padroni di casa dell’Hermada e il Montello. Potenzialmente è uno scontro tra le due 

Leggi tutto

DOPO quindici giorni di sosta, la Prima Categoria domenica torna in campo per il quattordicesimo turno. Il piatto forte della penultima giornata del girone di andata è senza dubbio la supersfida che andrà in scena alle 14,30 al «Paganini» tra i padroni di casa dell’Hermada e il Montello. Potenzialmente è uno scontro tra le due capolista del raggruppamento, dal momento che i rossoblu guidano davvero la carovana con trenta punti, mentre i biancocelesti – quarti in classifica – inseguono a tre lunghezze di distanza ma con una gara da recuperare, quella in casa della Virtus Nettuno, rinviata lo scorso 18 dicembre per impraticabilità di campo e in programma mercoledì 11 gennaio. Con sedici match ancora da disputare e quindi quarantotto punti a disposizione, la sfida di dopodomani non potrà essere decisiva ma di certo peserà molto nell’economia del campionato perché, qualora dovesse esserci una squadra vincitrice, il messaggio alla concorrenza sarebbe di quelli forti e chiari, ma soprattutto la convinzione nei propri mezzi diventerebbe di quelle necessarie per completare l’opera a maggio.

IN BALLO IL TITOLO D’INVERNO – Inoltre, semmai dovesse essere l’Hermada a spuntarla, il titolo, platonico ma sempre molto significativo, di campione d’inverno comincerebbe a tingersi di rossoblu. Rossoblu che però avranno il grande vantaggio di scendere in campo con due risultati su tre a disposizione perché, anche portando a casa soltanto un punto, nella peggiore delle ipotesi – cioè vittorie di Monte San Biagio e Cedial Lido dei Pini –, l’undici guidato da Pino Tosti si ritroverebbe comunque al secondo posto. Diverso, invece, il discorso riguardante il Montello. La compagine allenata da John Anthony Colucci, infatti, in caso di pareggio a Borgo Hermada potrebbe essere scavalcata dal Latina Scalo e si ritroverebbe quindi a dover obbligatoriamente conquistare l’intera posta sul non facile campo della Virtus Nettuno nel recupero di mercoledì prossimo per evitare di perdere contatto con la vetta. «E’ proprio così – ammette il direttore sportivo dei borghigiani, Omar Alibardi –. Sappiamo che ci ritroveremo davanti una grande squadra, che sta lassù dall’inizio della stagione e non certo per caso, quindi credo che sarà davvero un bella partita nella quale noi, ovviamente, faremo di tutto per portare a casa tre punti ancora non decisivi, ma certamente preziosissimi».

Simone D’Arpino

Lascia un commento