Pari e patta nella super sfida

FINISCE 1-1 la supersfida valida per il tredicesimo turno di Prima Categoria tra Latina Scalo e Monte San Biagio. Al «Tiziano Righetti», nel pomeriggio della vigilia di Natale, le squadre di Marco Iannarilli e Alderisio Bartolomeo si sono affrontate a viso aperto dando vita ad un match acceso, entusiasmante, rimasto in bilico fino all’ultimo e 

Leggi tutto

FINISCE 1-1 la supersfida valida per il tredicesimo turno di Prima Categoria tra Latina Scalo e Monte San Biagio. Al «Tiziano Righetti», nel pomeriggio della vigilia di Natale, le squadre di Marco Iannarilli e Alderisio Bartolomeo si sono affrontate a viso aperto dando vita ad un match acceso, entusiasmante, rimasto in bilico fino all’ultimo e che alla fine si è concluso giustamente in parità. Adesso, complici le vittorie di Hermada e Cedial Lido dei Pini, i monticellani si ritrovano al terzo posto della classifica con ventotto punti, mentre gli scalensi toccano quota ventisei ma subiscono il sorpasso del Montello.

Nella prima frazione di gioco il canovaccio della gara è piuttosto chiaro: il Monte San Biagio prova ad arrivare dalle parti di Perna attraverso un prolungato possesso palla orchestrato a dovere da due veterani come Alessandro Parisi e Fabio Stravato, mentre il Latina Scalo, appena può, cerca di allargare il gioco sugli esterni –soprattutto sulla destra per sfruttare lo stato di grazia di Daniele Persichino –per arrivare sul fondo e mettere palloni al centro per Bovolenta. La prima palla gol dell’incontro nasce proprio da un’iniziativa del numero undici dei locali: al 20’ Persichino scappa via sulla fascia, arriva sul fondo e mette un pallone col contagiri sul secondo palo per Tammaro che, tutto solo, schiaccia male di testa e manda la sfera alta sulla traversa. La risposta degli ospiti, però, non si fa attendere. Centoventi secondi più tardi Stravato pennella un calcio di punizione sotto l’incrocio dei pali ma Perna è attentissimo e si rifugia in calcio d’angolo. Passano altri otto minuti e lo stesso Stravato ci riprova dai venti metri con una conclusione bassa che stavolta Perna accompagna sul fondo. L’i nerzia del match è favorevole al Monte San Biagio che infatti passa in vantaggio al 32’: Perna interviene su un pallone dalla sinistra, non trattiene e Minetti insacca da pochi passi. Al 34’ gli ospiti rimangono in inferiorità numerica a causa del cartellino rosso rimediato da Vincenzo Guglielmelli, mandato anzitempo negli spogliatoi dal direttore di gara, De Luca di Ostia Lido, per una bestemmia. A quel punto Bartolomeo risistema i suoi col 4-4-1 arretrando Stravato in mediana e lasciando Virgilio Di Vito a fare l’unica punta. Iannarilli risponde allargando sulla sinistra la posizione di Andrea Tammaro e ridisegnando la squadra con una sorta di 4-3-3. Gli ultimi cinque minuti del primo tempo sono tutti di marca Latina Scalo. Al 41′ il solito Persichino pesca Bovolenta sul dischetto del calcio di rigore, ma l’attaccante viene ostacolato al momento del tiro e non trova lo specchio. Due minuti più tardi Maggi lascia partire dalla destra un traversone per Tammaro, che quasi dalla linea di fondo conclude come può di testa senza però riuscire ad impensierire Cannella. Al 44′ lo stesso Cannella esce sull’e nnesimo cross di Persichino e toglie il pallone dalla testa di Tammaro, pronto a battere a rete.

Nella ripresa, giocata sotto un autentico diluvio che ha messo a dura prova la tenuta del terreno di gioco, il Latina Scalo alza il baricentro della propria manovra di un decina di metri, mentre il Monte San Biagio arretra nella propria metà campo a protezione del risultato aspettando il momento giusto per agire di rimessa. Al 63’ sono proprio gli ospiti a sfiorare il raddoppio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Sorrentino entra in area dal lato sinistro ed effettua un tiro-cross che Perna devia soltanto, la palla attraversa pericolosamente tutta l’area senza che nessuno la metta in fondo al sacco e viene poi allontana dalla retroguardia locale. Due minuti più tardi i padroni di casa pareggiano con Tammaro che manda alle spalle di Cannella un pallone vacante in area. La compagine di Iannarilli preme ma il Monte San Biagio tiene botta. All’84’ Civitani lancia Tammaro che supera in velocità Giovanni Stravato ma viene anticipato da Cannella al limite dell’area di rigore. In pieno recupero, il Latina Scalo sciupa il match point: Simone Forzan scende sulla sinistra e pennella un cross sul palo opposto per Tammaro, che a due metri dalla linea di porta conclude clamorosamente fuori di testa. Dopo un altro giro di lancette il triplice fischio del direttore di gara

Lascia un commento