Il Borgo Flora vuole salire ancora

Due gol al Pescatori Ostia e quinto risultato utile, il Borgo Flora è tornato ad essere quella squadra che era nella mente del presidente Leonardo Lizzio. Una vittoria su uno dei campi più difficili del raggruppamento che fotografa in maniera inequivocabile lo stato di forma di questa squadra. La truppa di Paolo Pelucchini ha colpito 

Leggi tutto

Due gol al Pescatori Ostia e quinto risultato utile, il Borgo Flora è tornato ad essere quella squadra che era nella mente del presidente Leonardo Lizzio. Una vittoria su uno dei campi più difficili del raggruppamento che fotografa in maniera inequivocabile lo stato di forma di questa squadra. La truppa di Paolo Pelucchini ha colpito con cinica applicazione al momento opportuno prima con Basile e poi con l’ultimo colpo di mercato che risponde al nome di Giovanni Terrazzino. «Abbiamo vinto meritando sul campo di una grande squadra – dice con orgoglio il presidente Leonardo Lizzio – Mi è piaciuto tanto l’atteggiamento tattico della squadra che è scesa in campo decisa a fare la partita senza alcun tipo di tattica ostruzionistica, sono stati bravi ad approfittare degli spazi che si sono venuti a creare».

GIOVANI IN SPOLVERO – La grande impresa porta la firma di tutti i giocatori, in primis dei giovani di Lega come Picone, Fabrizi e Cirillo. «Sotto la cura tecnica di Paolo Pelucchini i giocatori giovani sono cresciuti molto e ogni domenica sono sempre i migliori in campo – continua il patron – Sono loro il nostro valore aggiunto. Ogni partita la chiudiamo sempre con almeno cinque Under, cosa che non vedo nelle altre formazioni e poi parlano di giovani. Terrazzino? E’ un vero bomber e con Alessandro Campagna forma una coppia d’attacco da categoria superiore. Fisicamente stanno tutti bene, l’entusiasmo è quello giusto per continuare a fare bene. Adesso bisogna insistere, non possiamo fermarci sul più bello. Venerdì chiudiamo la prima parte del campionato ospitando il Rodolfo Morandi, dobbiamo chiudere l’anno solare con un’altra vittoria. L’importante è chiudere con questa mentalità».

NON CI FERMIAMO – Così Lorenzo Caputi e compagni non hanno nessuna intenzione di fermarsi, il Borgo Flora può diventare la mina vagante di questo campionato dominato dalle romane. Il Rodolfo Morandi sta lottando per i playoff, è una squadra ostica, ma è un occasione importante per salire sempre di più e con 17 partite da giocare può succedere ancora di tutto. «Non corriamo con la fantasia – chiude il presidente Lizzio – Prima di fare certi discorsi dobbiamo allontanarci definitivamente dalla zona playout, adesso dobbiamo girare a 27 punti. Peccato per la sosta, per noi sarebbe stato meglio continuare sulle ali dell’entusiasmo, adesso però dobbiamo battere il Rodolfo Morandi, comunque la sosta ci darà la possibilità di crescere ancora». Non a caso il tecnico Paolo Pelucchini per tutto il periodo di stop ha già previsto un intenso programma di lavoro. Saranno solo tre i giorni di riposo (25, 26 dicembre e 1 gennaio). Sono previste anche due amichevoli che il diesse Candido De Felice sta organizzando. La professionalità non si compra al supermercato, e come sempre i risultati non arrivano mai per caso.

Lascia un commento