Latina, peccato chiudere così

Un brutto modo di chiudere il girone di andata e con esso il 2011. Il Latina esce sconfitto (1-2) dalla gara interna con lo Spezia e, complici i risultati non certo favorevoli delle altre pretendenti alla salvezza, arriva al giro di boa al terzultimo posto. C’è un intero girone di ritorno per ritornare a quella 

Leggi tutto

Un brutto modo di chiudere il girone di andata e con esso il 2011. Il Latina esce sconfitto (1-2) dalla gara interna con lo Spezia e, complici i risultati non certo favorevoli delle altre pretendenti alla salvezza, arriva al giro di boa al terzultimo posto. C’è un intero girone di ritorno per ritornare a quella tanto agognata sestultima posizione, lontana in realta’ solamente un punto, ma di certo fa effetto vedere i nerazzurri cosi’ in basso.

DIFESA NUOVA DI ZECCA – Il Latina scende in campo con il lutto al braccio per ricordare la scomparsa di Josè Antonio, papà dell’attaccante nerazzurro Jefferson. Quella del brasiliano è solo una delle tante assenze in casa pontina, defezioni che costringono Ghirotto ad inventare una difesa d’emergenza con Merito nell’inedito ruolo di terzino destro e Agius ed il giovane Toninelli al centro. Unico presente della retroguardia titolare è Maggiolini che presidia la fascia sinistra. A centrocampo il perno è Matute, con Berardi e Fossati ai suoi lati, mentre l’unica punta di ruolo, Bernardo, è supportato da due esterni alti, Babu’ e Tortori, con il “graziato” Tortolano che si accomoda in panca.

FINALMENTE BABU’ – I nerazzurri, come spesso accade, partono bene e hanno la prima occasione del match con Babu’ che, servito sulla corsa dopo una bella combinazione tra Fossati e Berardi, rientra sul sinistro e impegna Russo con un bel rasoterra. Lo Spezia si intravede con un debole tentativo di Murolo, ma al 16’, al primo tentativo arriva la rete ospite: Casoli guadagna il fondo e appoggia a rimorchio per Papini che in corsa dal limite lascia partire un fendente che sorprende Martinuzzi. Il Latina però è vivo e reagisce subito con la conclusione a lato di Tortori, poi è la punizione da posizione defilata di Babu’ che mette i brividi alla difesa spezzina: sulla traiettoria velenosa del brasiliano nessuno tocca e la palla si perde sul fondo di un soffio. E’ il preludio al pari che arriva al minuto 25, proprio con Babu che, su un rilancio della difesa, brucia sullo scatto Mora (ammonito in precedenza per un fallo sul numero sette nerazzurro) e infila Russo in uscita per il suo primo goal con il Latina. Il finale di tempo vede una grande occasione per parte: prima è Babu’,  lanciato da Fossati, a saltare Mora e a spedire sul fondo da buona posizione. In pieno recupero, invece, è lo Spezia a divorarsi l’occasione per il vantaggio: Casoli scodella in area e sul sinistro a botta sicura di Testini, Martinuzzi compie un autentico miracolo e si va al riposo sull’1-1.

KO DI RIGORE – La ripresa inizia con gli stessi schieramenti del primo tempo ed è sempre il Latina a fare la gara.  I nerazzurri pressano alti e i liguri non riescono ad uscire dalla loro tana. L’unica pecca è la mancanza di concretezza sotto porta. Chiaro esempio di cio’ è quello che succede al 9’ con Tortori che punta deciso l’area di rigore ma, invece di servire un liberissimo Babu’ a destra, si incaponisce in un’azione personale che non porta a nulla. Due minuti dopo, l’episodio che decide il match: Toninelli cicca il rinvio su un cross dalla destra, la palla finisce sui piedi di Evacuo che anticipa Agius e trova l’ingenua cintura del difensore maltese: rigore trasformato dallo stesso attaccante ex Lazio, fin li’ davvero inesistente. Al 14’ Ghirotto toglie un inguardabile Bernardo ed inserisce Tortolano, con Tortori che va a fare la prima punta. Il Latina pero’ accusa il colpo del raddoppio ospite e al 25′ va vicino alla capitolazione: è ancora un grande Martinuzzi in uscita a dire di no al neo-entrato Lollo. Nell’ultimo quarto d’ora il Latina, piu’ con il cuore che col gioco, si getta alla disperata ricerca del pari. Al 31’ il destro di Tortolano viene contenuto a fatica da Russo che si rimpossessa della sfera un attimo prima dell’arrivo a botta sicura di Babu’. Al 36’ Ghirotto cambia Tortori con Ricciardi che al 40’, in mischia, va vicino al pareggio: il suo destro ciccato però si spegne tra le braccia di Russo insieme alle ultime speranze nerazzurre.

IL TABELLINO

LATINA-SPEZIA 1-2

Latina: Martinuzzi, Merito, Maggiolini, Matute, Toninelli, Agius, Babù, Berardi, Bernardo (14’ st Tortolano), Fossati, Tortori (36’ st Ricciardi). A disp.: Costantino, Carta, Toscano, Stufa, Mariniello All.: Ghirotto

Spezia: Russo, Madonna, Mora, Murolo, Carrobbio, Lucioni, Casoli (39’ st Gentili), Papini, Evacuo (27’ st Ferretti), Buzzegoli (7’ st Lollo), Testini. A disp.: Conti, Vannucchi, Marras, Enow. All.: Serena

Arbitro: Saia di Palermo. Assistenti: Marinelli di Jesi e Croce di Fermo

Marcatori: 16’ Papini, 25’ Babù, 12’ st Evacuo (rig.)

Note – Ammoniti: Mora, Maggiolini, Murolo, Agius, Papini, Casoli, Madonna

Lascia un commento