Il Latina butta via due punti

Buttati al vento due punti pesanti. Non si può dire null’altro per descrivere la gara vista ieri al Francioni in cui il Latina si è fatto rimontare da 2-0 a 2-2 da una squadra, i lupi piacentini, parsa dopo appena mezzora di gioco completamente allo sbando. Demeriti nerazzurri più che meriti di un avversario che 

Leggi tutto

Buttati al vento due punti pesanti. Non si può dire null’altro per descrivere la gara vista ieri al Francioni in cui il Latina si è fatto rimontare da 2-0 a 2-2 da una squadra, i lupi piacentini, parsa dopo appena mezzora di gioco completamente allo sbando. Demeriti nerazzurri più che meriti di un avversario che ha comunque dimostrato che con un’altra situazione societaria potrebbe navigare in ben altre acque di classifica. Ghirotto paga dunque le tante assenze che, con ricambi non all’altezza, hanno fatto sì che dopo un ottimo inizio il Latina perdesse campo e convinzione soprattutto dopo l’ingresso di Ancora e dopo che Bernardo, lì davanti, ha perso lucidità. Chissà, con un Jefferson in più in campo (il brasiliano ha dato forfait all’ultimo) la partita sarebbe finita certamente con un risultato diverso. Ma può andare bene anche così, con un punto che muove la classifica e fa proseguire la striscia vincente in casa.

LA CRONACA – Il Latina parte forte e già al 1’ si rende pericoloso sul versante sinistro con Maggiolini: l’esterno nerazzurro mette in area avversaria un cross basso molto invitante sul quale Babù arriva con un attimo di ritardo. Passano 30 secondi e ci prova Fossati dalla distanza con un fendente che viene deviato in angolo da Bertoncini: dalla bandierina Giannusa tocca corto per Maggiolini, il cross del numero 3 è perfetto, Cafiero anticipa tutti, stacca altissimo e firma l’1-0. Il vantaggio non placa la furia nerazzurra: al 7’ Babù alza sopra la traversa da 20 metri. I padroni di casa controllano senza problemi, tengono costantemente il possesso palla e quando scocca il 20’ non si registrano azioni degne di nota da parte degli ospiti. Al 22’, poi, arriva il raddoppio nerazzurro: Carta, servito da un intelligente invito di Babù, si sgancia sulla destra e crossa in area, Visconti ci mette un braccio e l’arbitro fischia il calcio di rigore che Berardo trasforma con un delizioso cucchiaio. Il Latina è padrone del campo e al 31’ Monaco effettua la prima sostituzione della gara: fuori Visconti, dentro Pani. La musica, però, non cambia, e un minuto dopo è ancora Latina: grande giocata di Babù che innesca Carta, il baby sardo guadagna il fondo e serve un assist d’oro a Bernardo, ma il sinistro dell’attaccante di Erice termina di un soffio a lato. Al Francioni va in scena un monologo nerazzurro: sia in mediana che sulle corsie laterali i pontini dominano senza che il Piacenza provi la minima reazione. Al 45’, però, i nerazzurri si rilassano in attesa del riposo e concedono via libera a Guzman sulla sinistra: il cross è preciso, Guerra incorna bene, infila l’incolpevole Martinuzzi e accorcia le distanze. Al riposo si va con il Latina avanti 2-1.

LA RIPRESA – Anche nella ripresa il Latina parte forte e si rende pericoloso due volte in 60 secondi: prima con Fossati direttamente da calcio di punizione (la palla termina di poco alta), poi con Bernardo che, servito da Merito, con un piattone dall’interno dell’area centra il palo a Cassano battuto. Al 5’ ancora nerazzurri in evidenza con Babù che lascia sul posto Avogadri e serve Giannusa: sul sinistro del numero 10 siciliano è attento Cassano. Al 7’ secondo cambio per Monaco: al posto di Foglia entra Lisi. All’8’ la palla buona capita ancora sui piedi di Bernardo, ma stavolta l’attaccante è sfortunato: proprio al momento di battere a rete, da ottima posizione, scivola e il gioco riprende con una rimessa in favore degli ospiti. Sul ribaltamento di fronte è bravo Cafiero: il centrale ci mette una pezza sul destro di Guerra, e il Latina si salva in angolo. Al 15’ arriva il primo cambio di Ghirotto: il tecnico del capoluogo richiama Babù e getta nella mischia Ancora. Il Piacenza prende coraggio e cerca di guadagnare metri in mezzo al campo: in due occasioni ci prova Guerra e in entrambi i casi trova sulla sua strada un attento Martinuzzi. Al 27’, però, il portiere del Latina non può nulla sul destro dal limite di Lisi: il numero 17 ospite pesca il sette il firma il 2-2. Le squadre si allungano e la gara resta avvincente. Ghirotto manda in campo anche il baby Violante, all’esordio in prima squadra, che entra al posto di Bernardo. I nerazzurri provano l’arrembaggio finale ma peccano di lucidità al momento dell’ultimo passaggio e al 44’, quando il Piacenza riesce a sbrogliare una mischia furibonda davanti a Cassano. Al 45’ ci prova Merito, ma il suo colpo di testa termina sopra la traversa. Dopo 2’ di recupero al Francioni finisce 2-2.

IL TABELLINO

LATINA-PIACENZA 2-2

Latina: Martinuzzi, Carta, Maggiolini, Fossati, Cafiero, Gasperini, Babù (15’ st Ancora), Matute, Bernardo (38’ st Violante), Giannusa, Merito. A disp.: Costantino, Toninelli, Agius, Ricciardi, Pagliaroli. All.: Ghirotto

Piacenza: Cassano, Avogadri, Calderoni, Di Bella, Bertoncini, Visconti (31’ Pani), Marchi, Parola, Guerra, Guzman, Foglia (7’ st Lisi). A disp.: Maggio, Esposito, Dragoni, Palermo, Volpe. All.: Monaco

Arbitro: Ceccarelli di Terni. Assistenti: Fraschetti di Perugia e Di Lorenzo di Prato

Marcatori: 2’ Cafiero, 22’ Bernardo (rig.), 45’ Guerra, 27’ st Lisi,

Note – Ammoniti: Visconti, Merito, Di Bella, Gasperini, Bertoncini

Lascia un commento