Il ‘figliol prodigo’ Di Marco torna alla Sa.Ma.Gor.

In CASA Sa.Ma.Gor si continua a lavorare sempre con grande serenità in vista della gara di domenica, quando all’«Ivano Ceccarelli» sarà derby salvezza contro l’Atletico Sabotino. Una Sa.Ma.Gor che nel frattempo prosegue nella campagna di rafforzamento. Dopo l’arrivo di Michele Lecce, che era stato dato in prestito al Pontinia e che ha già fatto il 

Leggi tutto

In CASA Sa.Ma.Gor si continua a lavorare sempre con grande serenità in vista della gara di domenica, quando all’«Ivano Ceccarelli» sarà derby salvezza contro l’Atletico Sabotino. Una Sa.Ma.Gor che nel frattempo prosegue nella campagna di rafforzamento. Dopo l’arrivo di Michele Lecce, che era stato dato in prestito al Pontinia e che ha già fatto il suo esordio nella formazione del capoluogo, per la trasferta del 4 dicembre a Genazzano saranno a disposizione anche l’attaccante Zazza e il centrocampista Filippo Di Marco, il quale ha salutato il Bassiano per accasarsi alla corte di Gennaro Ciaramella. «Quelli trascorsi a Bassiano – dice Di Marco – sono stati tre mesi fantastici. Porterò sempre dentro il mio cuore i tifosi, in particolare Mario Retrosi che per gli amici è ‘terremoto’, che mi hanno sempre sostenuto. Per il presidente Roberto Campagna resterà sempre una grande stima oltre all’affetto: lui è un vero signore del calcio. Adesso ritorno alla Sa.Ma.Gor, dove ho già avuto modo di togliermi delle belle soddisfazioni, con grande entusiasmo. La chiamata di Gennaro Ciaramella e del presidente Daniele Mariani mi hanno fatto veramente piacere. La Sa.Ma.Gor è una vera famiglia, domenica ho visto la squadra a Ciampino e il risultato finale (4-0) non deve far pensare a una disfatta, perché la squadra non meritava queto passivo. Con i nuovi innesti sono sicuro che verrà fuori un’altra Sa.Ma.Gor, pronta a lottare fino all’ultima giornata per provare a mantenere quel titolo di Promozione che per la città di Latina è importante. Ora dobbiamo aspettare questi altri 90’ e poi saremo di nuovo in campo».

Paolo Annunziata

Lascia un commento