Bella Farnia, Ziroli: “Nessun caso Nalli”

Se si giocasse solo in trasferta il Bella Farnia sarebbe in vetta al campionato di Prima categoria insieme al Monte San Biagio. Domenica, in casa della Virtus Nettuno, per il club del presidente Alessandro Morbidelli è arrivata infatti la quarta vittoria su quattro partite giocate lontano dal Nalli dove, invece, i biancoverdi hanno perso nelle 

Leggi tutto

Se si giocasse solo in trasferta il Bella Farnia sarebbe in vetta al campionato di Prima categoria insieme al Monte San Biagio. Domenica, in casa della Virtus Nettuno, per il club del presidente Alessandro Morbidelli è arrivata infatti la quarta vittoria su quattro partite giocate lontano dal Nalli dove, invece, i biancoverdi hanno perso nelle ultime due uscite. Solo un caso? “Assolutamente sì – afferma mister Alberto Ziroli – Non pensiate che a Nettuno sia stata una passeggiata di salute. Abbiamo dovuto faticare e tanto per portare a casa i tre punti, stringendo i denti soprattutto nel finale quando siamo rimasti in dieci per l’infortunio a Mancini a cambi ormai effettuati. Il succo del discorso, quindi, non riguarda il campo, ma la serie di eventi che influiscono positivamente o negativamente all’interno di una partita. Se guardiamo alle due gare perse in casa penso che, nulla togliendo ai nostri avversari, siano stati degli eventi casuali a decretare la nostra sconfitta. Con il Latina Scalo siamo rimasti in dieci uomini per una decisione arbitrale dubbia e, con tre punte in campo, abbiamo cercato comunque di portare a casa la vittoria senza chiuderci. Con il Montello, invece, siamo stati puniti praticamente all’unica sbavatura difensiva. Insomma, se la sorte avesse girato in altro modo staremmo qui a parlare di un altro tipo di classifica”.

SIAMO LI’ PER GIOCARCELA – Una classifica che, comunque, non è assolutamente compromessa, con soli tre punti a dividere il Bella Farnia dalla capolista Monte San Biagio: “In un altro tipo di campionato due sconfitte in otto giornate avrebbero pesato tantissimo – continua Ziroli – Ma quest’anno la classifica così corta e le tante squadre attrezzate per far bene ti consentono di rimanere in scia nonostante qualche passo falso. Quel che è certo è che non dovremmo più commetterne, soprattutto negli scontri diretti”. L’impressione è che da dicembre, con il mercato di riparazione, comincerà tutto un altro campionato. Come si muoverà il Bella Farnia? “Come dicevo prima, rispetto all’anno scorso questo è un campionato molto più equilibrato. Le squadre sono state allestite a partire da luglio e tutte quindi sono affiatate, compatte e ben messe in campo. Dopo il mercato di riparazione, è vero, comincerà tutto un altro tipo di torneo. Ma questo lo sapevamo e anche noi dovremo rinfonzarci. Ma, attenzione, non perchè abbiamo pressioni particolari o velleità di vittoria del campionato, ma innanzitutto perchè abbiamo necessità di infoltire la rosa che è corta. Senza contare che abbiamo perso uno come Martellacci in difesa praticamente per tutta la stagione. Ecco allora che rinforzarsi appare come una necessità”. E domenica si torna al Nalli contro il Real Marconi penultimo in classifica: “Non guardiamo la classifica. Non commettiamo questo errore, sono partite queste in cui hai solo da perdere. Serve quindi una concentrazione al top: quello che è successo al Montello è una dimostrazione lampante di quello che dico”

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento