Latina incompiuto punito da un eurogol

Latina eterna incompiuta. Proprio mentre sembra poter spiccare il volo, il team nerazzurro rallenta nuovamente la propria corsa. A Lancino non riesce il tris di risultati utili consecutivi, cosa mai accaduta in questa stagione, e, dopo la scorpacciata di entusiasmo fatta tra il pari di Frosinone e la cinquina casalinga contro l’Andria, la formazione di 

Leggi tutto

Latina eterna incompiuta. Proprio mentre sembra poter spiccare il volo, il team nerazzurro rallenta nuovamente la propria corsa. A Lancino non riesce il tris di risultati utili consecutivi, cosa mai accaduta in questa stagione, e, dopo la scorpacciata di entusiasmo fatta tra il pari di Frosinone e la cinquina casalinga contro l’Andria, la formazione di Ghirotto ripiomba nell’abisso playout in un campionato che definire incerto è dir poco. Parte lento l’undici pontino, che saluta il ritorno di Ancora con Fossati spostato da destra al centro per sopperire l’assenza di Berardi. Il Lanciano vola sul pantano che è lo stadio amico e affonda il colpo. Poi, però, è sempre lui, Jefferson, a tirar fuori dal cilindro un gol che una volta ancora fa salire le quotazioni del brasiliano di proprietà della Fiorentina. Ma non basterà. Un buon Latina viene punita da Volpe, per l’ennesimo eurogol subito in questa stagione a testimonianza del fatto che, se ce ne fosse ancora bisogno, questo è un girone formidabile in cui non si può abbassare la guardia nemmeno per un attimo. Ora, quindi, bisognerà fare il possibile nelle due partite casalinghe consecutive che attendono il Latina.

PARTENZA LENTA – Prima del fischio di inizio, c’è un minuto di raccoglimento per ricordare la memoria delle vittime dell’alluvione che ha colpito Genova e Napoli. Poi parte la gara che si gioca su un terreno reso pesantissimo dalla pioggia: i giocatori passano i primi minuti a prendere confidenza con un campo ai limiti della praticabilità, pontini e abruzzesi faticano a mantenere l’equilibrio. All’11’ il Lanciano passa in vantaggio alla prima occasione del match: punizione di Mammarella dalla sinistra, in area nerazzurra si scatena una mischia dalla quale spunta Pavoletti che, favorito da un rimpallo decisivo, infila l’incolpevole Costantino. Al 14’ i padroni di casa sciupano l’occasione del possibile raddoppio: i nerazzurri si fanno sorprendere da una ripartenza e Titone si presenta a tu per tu con Costantino, ma per fortuna dei nerazzurri l’esterno rossonero spara incredibilmente a lato. Il Latina soffre la velocità del Lanciano e rischia ancora al 20’ quando Pavoletti, su punizione, sfiora il palo alla destra di Costantino. I nerazzurri cercano il pressing alto e l’azione manovrata, ma le condizioni del campo non aiutano i ragazzi di Marco Ghirotto. Poi al 25’ arriva il pareggio del Latina grazie ad un’invenzione di Jefferson: l’attaccante brasiliano salta D’Aversa e Massoni, parte in progressione, sfonda centralmente, supera anche Amenta con un tunnel favoloso, si presenta davanti ad Aridità e lo fulmina con un destro imparabile che si infila nell’angolino. Il Latina prende coraggio e si vede ancora al 29’: Ancora lascia partire un sinistro velenoso che si perde di pochissimo a lato. La gara sale di qualità e al 32’ a rendersi pericoloso è il Lanciano: Chiricò lascia sul posto Maggiolini, mette in mezzo un pallone invitante che Titone spara sull’esterno della rete. Nel finale di tempo buono spunto di Ancora: l’esterno salta un uomo e mira l’angolino lontano, ma il destro rasoterra sfiora il palo e si perde in fallo di fondo. Poi arriva il riposo.

LA RIPRESA – La ripresa inizia con gli stessi undici della prima frazione e si gioca con un timido sole: il campo resta pesante ma è di gran lunga migliore rispetto a quello dell’inizio del match. All’11’ gol annullato al Lanciano: sul cross di Chiricò da palla inattiva, Pavoletti infila Costantino con un colpo di testa ma il direttore di gara ferma il gioco per un fuorigioco segnalato dall’assistente. Al 16’ il primo cambio del match lo effettua Ghirotto: al posto di Ancora entra Merito. E proprio il colombiano un minuto dopo, lanciato da Jefferson, viene anticipato in uscita bassa da Aridità. Al 24’ cambia anche Gautieri: in campo Turchi, a riposo Titone. Le squadre accusano la stanchezza e la gara è meno bella rispetto alla prima frazione: il Latina arretra, mentre il Lanciano cerca di fare la gara, senza però creare nulla dalle parti di Costantino. Al 33’ Gautieri cambia Capece con Marfisi, due minuti dopo cambia anche Ghirotto: al posto di Tortolano entra Carta, che si sistema alto a destra, con Merito dirottato sulla corsia opposta. Al 35’, però, il Lanciano passa in vantaggio con un gran gol: la difesa nerazzurra libera l’area, ma appostato ai 25 metri c’è Volpe che infila Costantino con un tiro al volo imprendibile. La risposta del Latina arriva immediata con il destro di Jefferson che termina alto. Al 38’ Ghirotto si gioca la carta Tortori, lascia il campo Fossati. Al 45’ Gautieri effettua l’ultimo cambio: Piccioni sostituisce Chiricò. Dopo 4’ di recupero a Lanciano finisce con la vittoria degli abruzzesi.

Gianpiero Terenzi

IL TABELLINO

Lascia un commento