Cori, un’onda da cavalcare

VINCE e convince il Cori targato Luigi Lombardi. La bella vittoria ottenuta contro il Doganella conferma una crescita costante del team lepino. Le cose adesso iniziano a girare nel verso giusto, risultato a parte Marco Piccolo e compagni hanno espresso un bel calcio, dimostrando il solito carattere di ferro ed evidenziando quel tocco di cinismo 

Leggi tutto

VINCE e convince il Cori targato Luigi Lombardi. La bella vittoria ottenuta contro il Doganella conferma una crescita costante del team lepino. Le cose adesso iniziano a girare nel verso giusto, risultato a parte Marco Piccolo e compagni hanno espresso un bel calcio, dimostrando il solito carattere di ferro ed evidenziando quel tocco di cinismo in più che caratterizza ogni grande squadra, perché con l’arrivo della nuova dirigenza il Cori punta ad un campionato da vertice. Felice per questa seconda vittoria consecutiva e per gli sprazzi di bel calcio espresso, il tecnico Luigi Lombardi. «Abbiamo ottenuto un successo importante sia perché è stato il frutto di una bella partita, sia perché conquistato contro un avversario di grande spessore. La squadra è scesa in campo con determinazione chiudendo la gara già nel primo tempo. Nella ripresa abbiamo contenuto bene la loro reazione senza mai rischiare nulla per poi dilagare con altri due gol». I segnali per Luigi Lombardi sono tutti positivi. «Sono soddisfatto di come i ragazzi si stanno comportando, miglioriamo partita dopo partita, e questo non può che farci ben sperare. Il morale è alto ma dobbiamo continuare a lavorare come se ogni gara fosse quella decisiva, adagiarsi dopo questi successi sarebbe l’errore più grande che potremmo commettere». L’obiettivo del Cori ? < L’organico è valido, la società è solida. Il Cori vuole uscire da campionati anonimi come lo sono stati fino alla scorsa stagione». Domenica intanto il Cori è atteso ad una conferma nell’impegno esterno contro il Divino Amore che arriva da due sconfitte consecutive. «Ho delle informazioni ben precise sul nostro prossimo avversario – chiude Lombardi – E sappiamo che la loro posizione in classifica non è assolutamente realistica. Quindi attenzione a rilassarsi, impegni come questi vanno affrontati con il massimo della concentrazione e dell’impegno».

Lascia un commento