Pari Aprilia, stupisce ancora il Fondi

L’APRILIA torna a smuovere la classifica dopo due turni di astinenza e lo fa riuscendo a strappare un buon punto in trasferta in rimonta sul difficile campo dell’Aversa Normanna. Un gol per tempo decidono la sfida in terra campana, anche se all’Aprilia rimane l’amaro in bocca per non essere riuscita a sfruttare la superiorità numerica 

Leggi tutto

L’APRILIA torna a smuovere la classifica dopo due turni di astinenza e lo fa riuscendo a strappare un buon punto in trasferta in rimonta sul difficile campo dell’Aversa Normanna. Un gol per tempo decidono la sfida in terra campana, anche se all’Aprilia rimane l’amaro in bocca per non essere riuscita a sfruttare la superiorità numerica maturata già al 27’ della ripresa. Un punto che, comunque, non permette ancora alle due formazioni di allontanarsi con decisione dal limbo che affaccia sulla pericolosa zona playout.

PARTENZA SPRINT – Parte subito forte l’Aprilia con Foderaro. L’attaccante calabrese azzecca il varco giusto, si presenta da solo davanti a Gragnaniello ma si fa ipnotizzare dall’ottima uscita sui piedi del portiere di casa. Al 16’ risposta aversana: calcio di punizione di Grieco che Bifulco devia con i pugni. E’ l’Aprilia, comunque, a tenere in mano le redini del gioco e ad andare ancora una volta vicino al vantaggio con Ceccarelli che, servito da Foderaro in mezzo all’area, non riesce a trovare il varco giusto con il suo tiro provvidenzialmente deviato da Zolfo. Al 39’, però, succede quello che non t’aspetti. L’Aversa, infatti, riesce ad andare in vantaggio al primo vero affondo della partita. Il cross di Letizia è insidioso grazie anche alla traiettoria della palla che sbanda sotto l’effetto del vento. La sfera si infrange sul palo lungo con Longobardi che arriva prima di tutti e ribadisce in rete il tap-in vincente. Il primo tempo si chiude così con il vantaggio campano ma un match che stenta a decollare, condizionato anche dal forte vento.

LA RIPRESA – Nella ripresa comunque arriva la reazione dei pontini. Bastano appena due minuti a Ceccarelli per riportare l’equilibrio. Un cross innocuo prende anche in questo caso una traiettoria velenosa. Gragnaniello sbaglia la presa regalando la sfera a Ceccarelli per poi stenderlo in area di rigore. Dal dischetto il numero dieci delle rondinelle non sbaglia e fa 1-1. Al 14’ si rivede anche l’Aversa. Zolfo dal limite dell’area di rigore lascia partire un bel destro che mette paura a Bifulco sibilando di un soffio sopra la trasversale della porta pontina. Risposta di Ceccarelli poco dopo con un tiro dai venticinque metri che fa la barba al palo. Al 27’, come detto, l’espulsione di Zolfo dà all’Aprilia la possibilità di chiudere il conto. I biancoazzurri ci provano con continuità e al 29’ devono fare i conti con la sfortuna: cross al bacio di Foderaro e zuccata di Ceccarelli che a Gragnaniello battuto va a sbattere sulla traversa. Per il bomber apriliano secondo palo in due partite dopo quello colto con il Perugia. Poco dopo la mezzora è Aversa. Azione insistita di Pentagine che va al cross per Longobardi che, da buona posizione, fa solo il solletico a Bifulco che blocca agevolmente a terra. Poco prima del riposo ci prova l’Aprilia con Siclari che pesca solo davanti la porta Aquino, ma Gragnaniello fa il miracolo e chiude lo specchio in disperata uscita. L’Aprilia si mangia le mani per altri due punti che, probabilmente, avrebbe meritato. Resta comunque una buona prova che rappresenta un ottimo viatico in vista della prossima gara, ancora in trasferta, in casa del Catanzaro.

PRIMA gioia casalinga per il Fondi che sfata il tabù superando 2-1 il Neapolis e tornando a fare bottino pieno al «Purificato» nove mesi dopo il 3-2 rifilato al Melfi. E’ stato forse il più bel Fondi della stagione, un Fondi che sembra aver finalmente trovato il modulo che esalta di più le proprie caratteristiche. D’altra parte, i risultati delle ultime gare parlano da soli: quarto risultato utile consecutivo, otto punti nelle ultime quattro gare e zona pericolosa almeno momentaneamente allontanata. Adesso gli uomini di Parisella godranno di una domenica di riposo prima di un trittico da brividi: Isola Liri, Perugia e Fano.

LA CRONACA – Dopo 5’, Pellecchia tenta un tiro telefonato facile per Gasparri. All’13’ Allocca rischia un clamoroso autogol: lancio dalle retrovie, colpo di testa del difensore campano che per poco non beffa Errichiello. Sul corner successivo, i rossoblu trovano il vantaggio: corner di Vaccaro, Merlonghi rimette in mezzo per Ricciardo, che da due passi non può sbagliare. E’ un Fondi trasformato rispetto alle ultime uscite casalinghe. Al 21’ arriva anche il raddoppio: passaggio a centrocampo del solito Vaccaro, Cucciniello vede il portiere fuori dai pali e di prima sfodera un destro imprendibile. Poco dopo, Vaccaro tenta di emulare il compagno con un tiro dai venticinque metri, ma stavolta Errichiello non si fa sorprendere. Al 24’ primi applausi del «Purificato» anche per Merlonghi, che tenta l’eurogol da posizione impossibile, sfiorando l’incrocio dei pali. Due minuti più tardi, il Fondi va a un passo dal gol del 3-0: passaggio illuminante da parte di Conte per Bernasconi, che solo davanti al portiere non riesce a ribadire in rete. Il tecnico del Neapolis Errichiello vede la sua squadra visibilmente in difficoltà e decide di operare la prima sostituzione: fuori uno spento Pellecchia, dentro Varriale. Al 33’ ci prova ancora Bernasconi con un bel pallonetto respinto in corner dalla retroguardia del Neapolis. Sul calcio d’angolo successivo, Cucciniello prova a servire Ricciardo. Bravo Errichiello in presa alta. Nel finale di frazione, la formazione campana prova a chiudere in attacco: su una palla persa da Bennardo, De Falco prova a sorprendere Gasparri in diagonale ma il pallone termina a lato.

LA RIPRESA – Nella ripresa il Neapolis prova a mettere in campo qualcosa in più per recuperare il doppio svantaggio. Al 7’ Monticelli mette in mezzo un pallone interessante che Gasparri riesce ad allontanare con la punta delle dita. Qualche minuto dopo è Moxedano a tentare l’imbucata, ma il suo pallone viene respinto in corner. Al 19’ Merlonghi ci prova da fuori area su suggerimento di Alleruzzo, ma il pallone termina tra le braccia del portiere. Quando ormai il Fondi sembra in completo controllo del match, arriva l’episodio spacca partita. C’è un contrasto tra Palumbo e Pastore, con il secondo che si lascia cadere, ma l’arbitro opta per la massima punizione: rosso per il numero 4 rossoblù e calcio di rigore a favore dei campani. Sul dischetto va Daleno che trasforma e accorcia le distanze per i suoi. Finale di sofferenza, dunque, per i rossoblu. Anche in dieci, il Fondi sfiora il gol del 3-1 con Ricciardo su assist di Alleruzzo. L’attaccante rossoblu calcia a botta sicura, ma il pallone termina fuori di un soffio. Ancora Ricciardo al 49’, ancora un’occasione fallita a tu per tu con Errichiello. Ultima occasione a favore del Neapolis, che con Varriale manda alto.

Terenzi e Stefanelli

I TABELLINI

AVERSA N. – APRILIA 1-1
Aversa Normanna: Gragnaniello, Diana, Letizia (6’ st Petagine), Zolfo, Castaldo, Mattera, Sorrentino (6’ st Vitale), Marzocchi, Longobardi, Grieco (28’ st Marano), Varriale. A disp.: Russo, Vecchione, Campanella, Piccirillo. All.: Romaniello.
Aprilia: Bifulco, Gomes, Crialese, Salese, Aquino, Diakite, Criaco (15’ st Siclari), Croce, Foderaro (33’ st Calderini), Ceccarelli, Di Libero (1’ st Bonaiuto). A disp.: Caruso, Carta, Pinna, Iovene. All.: Vivarini
Arbitro: D’iasio di Matera
Marcatori: 39’ pt Longobardi (AV), 2’ st Ceccarelli (AP) su rigore.
Note – Al 27’ st espulso Zolfo per doppia ammonizione Ammoniti: Letizia, Gragnaniello, Mattera Longobardi, Salese

FONDI – NEAPOLIS MUGNANO 2-1
Fondi: Gasparri, Chiarini, Bennardo, Palumbo, Rossini, Conte, Bernasconi (44’ st Pacini), Vaccaro, Ricciardo, Cucciniello (12’ st Finocchiaro), Merlonghi (37’ st Dionisio). A disp.: Mezzacapo, Tamasi, Formuso. All.: Parisella
Neapolis Mugnano: Errichiello, Oliva, Polverino, Daleno, Allocca, Monticelli, De Falco (21’ st Palumbo), Barone (24’ st Esposito), Pastore, Moxedano, Pellecchia (29’ pt Varriale). A disp.: Ambrosio, Cancelli, Bonanno, Foggia. All.: Castellucci
Arbitro: Casaluci di Lecce. Assistenti: Giacomozzi di Fermo e Bisbano di Lanciano
Marcatori: 13’ pt Ricciardo, 21’ pt Cucciniello, 35’ st Daleno (rig.)
Note: Espulso Palumbo al 34’ st. Ammoniti Finocchiaro, Polverino, Monticelli, Palumbo. Corner 3-5. Recuperi 3’ e 5’.

Lascia un commento