San Michele, Rinaldi è entusiasta

E’ un San Michele che non conosce mezze misure, su sei gare tre vinte e tre perse. Con nove punti in classifica la vetta è solo a quattro lunghezze di distanza. Il ritorno alla vittoria è coincisa con un poker di reti ottenuta sull’ostico campo di Arce. Dalle parti del Comunale guai a parlare di 

Leggi tutto

E’ un San Michele che non conosce mezze misure, su sei gare tre vinte e tre perse. Con nove punti in classifica la vetta è solo a quattro lunghezze di distanza. Il ritorno alla vittoria è coincisa con un poker di reti ottenuta sull’ostico campo di Arce. Dalle parti del Comunale guai a parlare di un San Michele da primato, qualcuno sostiene che si tratti di scaramanzia (nel calcio succede anche questo), ma qualunque siano le motivazioni una cosa è certa, questo San Michele può arrivare molto lontano. Le prossime partite Tecchiena, Cassino, Bassiano ( in casa ), Real Casamari, Pontinia e Nuova Circe (in trasferta), diranno di che pasta è fatta la squadra cara al presidente Sandro Rinaldi. Alla vigilia del match contro il Tecchiena scende in campo proprio il presidente Rinaldi.

LE PAROLE DI RINALDI – «Per lo spirito di gruppo messo in mostra dai ragazzi fino a questo momento – dice il patron – Non ho nulla da dire. Si sono sempre dimostrati veri e propri gladiatori, nessun avversario ci ha mai messo sotto. La mano del tecnico si vede, sa stimolare i giocatori nel modo giusto. Posso dire che questo San Michele non mollerà mai di un millimetro. Aspettiamo queste sei partite e popi tireremo un primo bilancio. Contro il Tecchiena ci aspetta una gara difficile, e come sempre dalla grande carica agonistica. Il ciclo di partite che ci attendono? Sarà una serie di gare indubbiamente interessanti, dove il San Michele si farà rispettare dimostrando sempre una grande voglia di vincere. Adesso dobbiamo andare avanti con cautela, visto che la classifica è cortissima. Bisogna stare tranquilli e saper aspettare. Permettetemi di ringraziare i giocatori, tutti stanno onorando la maglia con il massimo impegno. Complimenti a tutti, a chi gioca e a chi sta in panchina pronto a subentrare. Dobbiamo andare avanti senza fare calcoli, dobbiamo fare più punti il prima possibile per arrivare alla matematica salvezza. Questo è un campionato che nasconde insidie e non va sottovalutato mai nessun avversario. Bisogna volare basso pur consapevoli delle nostre enormi qualità».

Lascia un commento