Formia, il derby è tuo. Pari per Terracina e Podgora

IL derby tra Formia e Vigor Cisterna vede prevalere i padroni di casa, in vantaggio di due gol alla fine della prima frazione di gioco grazie a una doppietta di Scipione e archiviano una gara che nella ripresa rischiano di farsi scivolare via dal ritorno veemente della Vigor che non riesce poi ad approfittare del 

Leggi tutto

IL derby tra Formia e Vigor Cisterna vede prevalere i padroni di casa, in vantaggio di due gol alla fine della prima frazione di gioco grazie a una doppietta di Scipione e archiviano una gara che nella ripresa rischiano di farsi scivolare via dal ritorno veemente della Vigor che non riesce poi ad approfittare del vantaggio numerico, scaturito dall’espulsione di Borrino. Alla fine i tirrenici trovano la terza vittoria su tre gare casalinghe e scavalcano in classifica proprio i cugini della Vigor Cisterna.

LA CRONACA – Il Formia subito forte e sfiora il gol già al 4’: corner battuto da Fiorillo, difesa del Cisterna che respinge a fatica. La risposta degli ospiti arriva al 9’ sempre su calcio d’angolo: Spinetti batte ma il direttore di gara concede la punizione al Formia per un fallo in attacco. Sul ribaltamento di fronte, i tirrenici passano in vantaggio: grande inserimento di Scipione su suggerimento di Borrino, colpo di testa a scavalcare Assogna e palla che si infila in rete con il poriere ospite non esente da colpe. Primo gol stagionale per il numero nove biancoazzurro. Il Cisterna reagisce immediatamente con una punizione di Spinetti per Latini, che però non riesce a centrare la porta in girata. Al 16’ il Formia trova anche il raddoppio con Medoro sugli sviluppi dell’ennesimo corner, ma il guardalinee alza la bandierina che era aldilà di tutti. Il 2-0 arriva poco dopo, al 20’: il Cisterna concede un incredibile contropiede ai padroni di casa, Medoro si invola verso la porta e, con grande altruismo, cede il pallone a Scipione, che firma la doppietta personale. Al 27’ ci prova Borrino con un tiro dal limite dell’area, ma il pallone a lato. Punizione interessante per Vitale al 37’, la difesa del Cisterna respinge senza grossi affanni. Al 41’ mister Greco si gioca il primo cambio della partita: fuori Rossi, dentro Troisi.

IL SECONDO TEMPO – Nella ripresa i ritmi appaiono decisamente più blandi: il Formia punta a controllare la gara, mentre la Vigor Cisterna cerca la scintilla per dare il via alla rimonta. Il primo squillo da parte degli ospiti arriva al 19’ con un tiro da fuori area di Travaglione che termina non lontano dall’ incrocio di Salemme con Di Franco essenziale nel toccare il pallone quel tanto che lo fa terminare fuori lo specchio della porta. Intorno al quarto d’ora, il Formia, sfrutta due lisci difensivi di Latini e Anselmi con la sfera che arriva a Liccardi che tenta la clamorosa girata sottoporta ma scivola al momento del tiro, mandando il pallone altissimo. Sul ribaltamento di fronte, arriva l’episodio che cambia la partita: Borrino, ammonito poco prima, stende Spinetti in area e regala al Cisterna un calcio di rigore con espulsione. Clamorosa l’ingenuità del difensore biancoazzurro, che nel giro di due minuti rimedia due gialli inutili e rimette in discussione una gara che sembrava in ghiaccio. Sul dischetto va proprio Spinetti, che spiazza Salemme e trasforma. Due minuti dopo il signor Renna ammonisce per simulazione Cannistrà che va giù in area su contatto sospetto con Bernisi. Mezz’ora di sofferenza per gli uomini di Palladino, intenzionati a difendere anche in dieci il gol di vantaggio. La Vigor ci prova con ogni mezzo, ma il fortino formiano regge. In pieno recupero, è Salemme a salvare il risultato su tiro di Bellucci. Sul corner successivo sale anche Assogna, ma il suo colpo di testa viene bloccato senza problemi. Sul succesivo rinvio del portiere formiano altro episodio chiave della gara: Latini in modo caparbio cerca di rubare la sfera al portiere di casa mentre si accingeva al rinvio nel contatto Salemme stende il capitano ospite con l’arbitro che concede la punizione a favore dell’estremo difensore scatenando l’ira della formazione cisternese che chiedeva rigore ed espulsione di Salemme.

TERRACINA IN PARITA’ – Il Terracina pareggia a Valmontone nella sfida mattutina e valida per la sesta giornata d’andata del girone B di Eccellenza guadagnando il primo punto fuori casa e ottenendo il terzo risultato utile consecutivo in campionato (il quarto considerando anche la Coppa Italia di categoria). Un punto che sta addirittura stretto ai tigrotti di Fraioli, privi dello squalificato Fanelli e degli infortunati Tacon, Mucciarelli e Portanova, alla luce della grande pressione messa in atto nella ripresa. Dopo un primo tempo che non ha offerto molto allo spettacolo e ai taccuini dei cronisti per via di un gioco che ha stazionato di fatto a centrocampo, se non l’uscita di scena di Botta a causa di un risentimento muscolare (con conseguente spostamento al centro della difesa di Altobelli), la sfida ha preso un’altra piega nel secondo tempo grazie a un Terracina più arrembante ma al tempo stesso poco preciso nelle conclusioni e sulle palle inattive. L’occasione più ghiotta l’ha avuta tra i piedi Festa a metà ripresa dopo un’incursione in area: il suo tiro, però, ha trovato la pronta risposta di De Vellis. «Per quello che abbiamo creato nella seconda frazione posso dire che il pareggio ci va un po’ stretto – ha spiegato al termine del confronto il direttore generale del Terracina Carmine Caiazzo – Però è anche vero che per vincere bisogna segnare e noi non ci siamo riusciti per la troppa imprecisione. Non siamo stati concreti e cinici come avremmo dovuto nonostante la pressione della ripresa. Il Valmontone è calato a livello fisico ma noi non ne abbiamo approfittato. Ci teniamo il punto conquistato che muove comunque la nostra classifica (10 punti, ndr) e guardiamo avanti. Mercoledì ci attende la Coppa Italia e la sfida contro il Pisoniano. E per finire vorrei sottolineare l’ottima prova di Cavallaro che è tornato titolare dopo qualche partita in panchina e ha diretto la retroguardia con maestria».

PODGORA, SOLO UN PUNTO – Il Podgora stecca in casa e non va oltre il pareggio contro il Monte San Giovanni Campano, formazione invischiata nelle ultime posizioni della classifica. Un 1-1 in rimonta con l’undici di Paloni che deve ringraziare il giovane Porcelli, in grado di rimontare il precedente vantaggio degli ospiti. Ospiti che partono bene: pressing alto a tutto campo e predominio territoriale che porta i frtutti sperati poco dopo la mezzora con la rete del vantaggio ciociaro. E’ precisamente il 32’quando Mastrantoni infila Ramiccia in uscita nell’unica disattenzione della difesa locale. Nemmeno il gol dello svantaggio, però, serve per destare dal torpore il Podgora che annaspa vistosamente in fase di costruzione. Gli uomini di Paloni arrivano dalle parti di Micheli solo su palle inattive e con un tiro di Maglitto che comunque non impensierisce più di tanto l’estremo difensore ospite. Prima del riposo, anzi, c’è la ghiotta occasione per i ciociari per il raddoppio con Rosato e Pistolesi

CI PENSA PORCELLI – L’inizio della ripresa non si discosta da quanto visto nei primi 45’. Sono sempre gli ospiti, infatti, a fare la partita, mentre il Podgora sembra fermo sulle gambe e privo di idee. A dare una strigliata ai biancoazzurri ci pensa allora mister Paloni che cambia volto al suo schieramento. Fuori Cannariato, Seppani e Costigliola dentro Cifra, Arduini e Porcelli. I cambi portano i frutti sperati: ci provano Maglitto, Martellacci, ma il colpo del pareggio lo mette a segno Porcelli che con un colpo dal limite infila il pallone sotto il sette ristabilendo la parità. Con il pareggio il Podgora le vuole provare tutte riversandosi decisamente in attacco. Ma il Monte San Giovanni si difende con ordine e spazza via su ogni pallone fino al triplice fischio che regala un punto, inutile, ad entrambe.

Stefanelli, Terenzi, Mancini

I TABELLINI

FORMIA-VIGOR CISTERNA 2-1
Formia: Salemme, Bernisi (29’ st Capogrosso), Borrino, Vitale, Di Franco, Lavalle, Fiorillo, De Santis, Scipione (38’ st Iannitti), Medoro (23’ st Stellato), Liccardi. A disp.: D’Alessio, Panella, Volpe, Mariniello. All.: Palladino
Vigor Cisterna: Assogna, Paglia, Cannistrà, Travaglione, Anselmi, Latini, Rossi (41’ pt Troisi), Salvini, Giancani (6’ st Bellucci), Spinetti, Frattarelli. A disp.: Leone, Magni, Di Girolamo, Mariti, Morelli. All.: Greco
Arbitro: Renna di Carbonia. Assistenti: Bellantoni e Badaracchi di Roma Due
Marcatori: 10’ pt e 20’ pt Scipione, 22’ st Spinetti (rig.)
Note – Espulsi: al 20’st Borrino per somma di ammonizioni. Corner 3-6. Ammoniti Bernisi, Travaglione, Cannistrà, Troisi, Latini. Recuperi 3’ e 3’.

VALMONTONE – TERRACINA 0-0
Valmontone: De Vellis, Cossa, Bianchi, Giorciolini (41’st Ramacci), Nardi, Galasso, Filippi, De Vizzi, Gianni (30’st Pangrazi), Valentino (38’st Miro), Polverino. A disp.: Traversi, Ruffo, Tartaglione, Casagrande. All.: Di Rosa
Terracina: Cuomo, Altobelli, Serapiglia, Festa, Cavallaro, Botta (38’pt Renzi), Minieri (25’st Grossi), Drogheo, Ferrara, La Cava, Borelli. A disp.: Petriglia, Foti, Trillò, Savarese, Fiorini. All.: Fraioli
Arbitro: Rigone di Ciampino (coadiuvato da Pontanella e D’Arpino di Cassino)
Note: ammoniti Drogheo, Ferrara, Renzi, Giorciolini, Gianni

PODGORA – MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO 1-1
Podgora: Ramiccia, Pacchiarotti, Rubino, Cannariato (1’st Cifra), Seppani (10’st Arduini), Arena, Costigliola (13’st Porcelli), Martellacci, Cirelli, Armeni, Maglitto. A disp: Angrisani,Bilancini, Bertassello, Rossetto. All.: Paloni
Monte S.G. Campano: Micheli, De Ciantis, Colò, Maura, Dei, Silvestri, Mastrantoni, D’Amico (33’st Maliziola), Pistolesi, Marciano(7’st Lorini), Rosato. A disp.: Perna, Palladino, Parente, Cinelli, Antonelli. All.: Bottoni
Arbitro: Greco di Roma 1; Assistenti: Moscardini e Sampieri di Roma due
Marcatori: 32’pt Mastrantoni , 21’st Porcelli
Note – Ammoniti: Pistolesi, Silvestri, Pacchiarotti. Espulsi: Cinelli per proteste

Lascia un commento