Terracina raddoppia. Ci pensa Botta

Contro il La Rustica arriva la seconda vittoria consecutiva in campionato del Terracina (terza contando anche quella infrasettimanale di Coppa Italia), e ancora una volta tra le mura amiche del Colavolpe. Un successo ottenuto con il cuore dopo che la partita si era messa in salita per via dell’espulsione di Fanelli a metà della prima 

Leggi tutto

Contro il La Rustica arriva la seconda vittoria consecutiva in campionato del Terracina (terza contando anche quella infrasettimanale di Coppa Italia), e ancora una volta tra le mura amiche del Colavolpe. Un successo ottenuto con il cuore dopo che la partita si era messa in salita per via dell’espulsione di Fanelli a metà della prima frazione.

LA CRONACA – La gara. Il Terracina conferma la formazione vittoriosa nella giornata precedente con il Monte San Giovanni Campano. La fase di studio dura cinque minuti, poi Composto tenta una rasoiata da fuori area che termina alta sulla traversa. Il gran caldo non consente un ritmo elevato e anche i movimenti senza palla si contano sulle dita di una mano. Al 14’ i tigrotti hanno una ghiotta occasione per sbloccare il risultato: mischia in area, palla ad Altobelli davanti alla porta ma la difesa biancorossa riesce a respingere la minaccia. Al 27’ i padroni di casa restano in dieci uomini: Fanelli subisce un fallo, protesta con l’arbitro che prima l’ammonisce e subito dopo, per il proseguire della protesta, lo manda sotto la doccia con il rosso. Il Terracina perde un po’ le staffe e il nervosismo lo paga soprattutto Ferrara che viene ammonito. Poi gli ospiti perdono Rotariu per un infortunio alla spalla sostituito da Mazzella. Al 39’ l’occasione d’oro capita tra i piedi di Colarossi che, direttamente su calcio piazzato, impegna Cuomo che deve distendersi per evitare che la palla si infili all’angolino. Ma la reazione dei tigrotti non si fa attendere, perché al primo minuti di recupero Serapiglia calcia una punizione per la testa di Botta che da posizione angolata supera Coscia e poi va ad esultare sotto la Curva Mare, feudo della tifoseria biancoceleste.

LA RIPRESA – La ripresa vede il La Rustica con un 4-3-3 dichiaratamente più offensivo rispetto al 4-4-2 della prima frazione, mentre il Terracina non può fare altro che confermare il 4-4-1 del dopo espulsione. Per vedere la prima azione della seconda frazione bisogna attendere il 14’, con Colarossi che viene lanciato in area e solo un’uscita kamikaze di Cuomo evita il pareggio degli ospiti. Un minuto dopo è Terrazza, su punizione, ad impegnare il portiere biancoceleste che blocca la sfera a terra. Al 20’ Composto, solo in area mette in rete ma la terna arbitrale aveva già fermato il gioco per fuorigioco dello stesso Composto. Al 25’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo è Festa a farsi vedere con un’incornata che finisce sul fondo. Poi è il La Rustica a uscire dal guscio, quando al 29’ ci prova Chiavini a sorprendere di testa Cuomo ma anche in questa occasione l’estremo difensore terracinese si fa trovare pronto alla presa. Al 36’ brivido per la difesa biancoceleste: Chiavini carica il sinistro e con una rasoiata sfiora il palo alla sinistra di Cuomo. La pressione degli ospiti aumenta e il Terracina è costretto a stringere i denti e ad asserragliarsi nella sua metà campo. Al 45’ Ferrazza lascia partire una violenta conclusione che Cuomo è costretto a respingere con i pugni.

IL TABELLINO

TERRACINA – LA RUSTICA 1-0
Terracina: Cuomo, Portanova, Serapiglia, Festa, Altobelli, Botta, Fanelli, Grossi (32’st Giordano), Ferrara, La Cava, Borelli (37’st Trillò). A disp.: Petriglia, Cavallaro, Drogheo, Savarese, Minieri. All.: Fraioli
La Rustica: Coscia, De Pierro, Anelli, Moscetta, Brunetti, Di Ruzza, Composto, Ferrazza, Rotariu (35’ Mazzella), Colarossi (30’st Casaldi), Chiavini. A disp.: Mattoni, Giudice, Titone, Mattei, Pasquini. All.: Ciancamerla
Arbitro: Giuli di Roma 1 (coadiuvato da Zamporlini e Spadi di Roma 1)
Marcatori: 46’ Botta
Note: 27’ espulso Fanelli per proteste dopo che aveva preso il cartellino giallo. Ammoniti Ferrara, Borelli, Serapiglia, Festa, Cuomo

Lascia un commento