La Vigor non si ferma più. Formia e Podgora ko

IL Domenico Bartolani continua ad essere un fortino inespugnabile. La Vigor Cisterna fa tre su tre in casa e vola al secondo posto in solitaria dietro la coppia capolista LupaFrascati-San Cesareo. La formazione di mister Alfonso Greco supera sul terreno amico un’ordinata Anitrella per 2-1. I Biancocelesti non sono avvolgenti come al solito ma portano 

Leggi tutto

IL Domenico Bartolani continua ad essere un fortino inespugnabile. La Vigor Cisterna fa tre su tre in casa e vola al secondo posto in solitaria dietro la coppia capolista LupaFrascati-San Cesareo. La formazione di mister Alfonso Greco supera sul terreno amico un’ordinata Anitrella per 2-1. I Biancocelesti non sono avvolgenti come al solito ma portano a casa una gara diventata spigolosa per l’ottima opposizione in campo mostrata dalla squadra ciociara. La partenza lanciata della Vigor è quella solita di inizio stagione e dopo nemmeno sei minuti sbloccano la gara grazie al primo sigillo del capitano Fabrizio Latini. Il difensore centrale sfrutta un apunizione battuta dalla sinistra da Spinetti per svettare più alto di tutti e di testa supera Caldaroni. Ospiti che non sono venuti per essere le vittime sacrificali e al quarto d’ora acciuffano il pari con Diagnè ben appostato sul secondo palo e abile ad insaccare di testa da due passi su una mischia nata da un precedente corner. A questo punto la Vigor attacca a testa bassa alla ricerca del nuovo vantaggio con l’Anitrella che si affida alle ripartenze dell’ex Diego Tornatore. Prima di andare al riposo Spinetti direttamente su calcio piazzato mette paura a Caldaroni con la sfera che supera la barriera e si spegne di pochissimo alta sopra la traversa. Ripresa che si apre su ritmi blandi complice anche il caldo estivo che fa da cornice al Bartolani. La gara vive di fiammate, che trovano la Vigor Protagonista intorno al 20’ quando Spinetti fugge via sulla sinistra ed offre un cross per l’accorrente Troisi che sciupa spendendo fuori da pochi metri con un colpo di testa in tuffo. Un minuto dopo apertura con il contagiri di Travaglione che di esterno destro sventaglia sulla sinistra per Spinetti che non ci pensa due volte e prova la volèe di sinistro con la sfera che esce abbondantemente fuori. E’ però il preludio al gol, e anche questa volte l’uomo della provvidenza si chiama Matteo Bellucci. La punta appena entrata al 36’ pressa alto Diagnè che perde palla e grazie al passante di Troisi si ritrova davanti a Caldaroni e lo fredda con un sinistro sul primo palo, facendo esplodere il Bartolani. Due minuti dopo, al 38′, una percussione personale di Luca Spinetti produce una sontuosa serpentina che fa fuori tre difensori ospiti ma trova un super Caldaroli a compiere un vero miracolo respingendo la conclusione da due passi. Archiviata la gara contro l’Anitrella i biancocelesti si proetteranno versa la prossima sfida al «Nicol Perrone» con un Formia 1905 ferito nell’orgoglio dopo il passo falso di ieri ad Artena per una sfida d’alta quota.

Prima sconfitta in campionato per il Formia, che paga la stanchezza per le tre trasferte in sette giorni e soccombe in casa della Vis Artena. Per gli uomini di Davide Palladino è stata una settimana da dimenticare, con l’eliminazione dalla Coppa Italia e la perdita della testa della classifica. Dopo soli 7 minuti, i biancoazzurri passano in svantaggio: cross dalla destra di Cerbara e colpo di testa di Romagnoli a sorprendere Salemme, al rientro dopo la botta subita domenica scorsa. Si tratta del primo gol subito dal Formia in questo campionato dopo 367 minuti di imbattibilità. I tirrenici trovano il gol del pareggio al 25’ con una gran punizione di Fiorillo dal limite dell’area. Un minuto più tardi, il Formia ha l’occasione per passare addirittura in vantaggio: Scipione riceve palla dalla destra e da buonissima posizione calcia alto. Al 37’ c’è un bel dialogo tra Scipione e Liccardi, con quest’ultimo che però manca l’impatto finale con il pallone da posizione ancora molto favorevole. Nel finale si rivede l’Artena con il solito Romagnoli, la cui conclusione termina però ampiamente a lato. Nella ripresa, la formazione di mister Palladino attacca alla ricerca del gol partita, ma finisce con il subire gol su una clamorosa disattenzione difensiva: al 22’ c’è un pallone vagante in area, la difesa biancoazzurra non riesce a spazzare via e Innocenzi ne approfitta, mettendo a segno la rete del definitivo 2-1. Fino alla fine, il Formia prova ad agguantare almeno il pari, ma la difesa avversaria si difende con ordine e porta a casa i tre punti. I biancoazzurri avranno adesso una settimana per preparare il prossimo incontro, il delicatissimo derby casalingo contro la Vigor Cisterna.

AMARA trasferta per il Podgora 1950 che cede per 5-2 contro la più quotata San Cesareo. Una gara che ha visto la squadra di mister Paloni fare i conti con la sfortuna e la regolarità sotto porta di bomber di razza come Tajarol e l’ultimo arrivato Turazza. Avvio da trilling per i borghigiani che dopo cinque minuti sono già sotto di due reti. Al 2’ una punizione dal limite di Antonini viene deviata dalla barriera e mette fuori causa Angrisani. Il raddoppio è da manuale del calcio: su azione offensiva del Podgora la fomazione di mister Ferrazzoli riparte e in tre passaggi consente ad Antonini di mettere a referto la sua doppietta. Alla mezz’ora arriva il tris di Tajarol di testa con i ragazzi di mister Paloni che riaprono l’incontro grazie alla marcatura di Martellacci. La ripresa sembra riscrivere una storia diversa con Armeni che riporta sotto di una rete il Podgora grazie ad una prodezza balistica da ricordare: il giocatore Borghigiano colpisce la palla al volo senza farla rimbalzare disengnado una traittoria imprendibile perVezzani. Il Podgora ci crede e si butta a testa bassa in avanti ma deve capitolare su calcio di rigore prima e contropiede poi del subentrato Turazza

I TABELLINI

VIGOR CISTENA – ANITRELLA 2-1
Vigor Cisterna: Assogna, Paglia, Cannistrà, Rossi (11’st Travaglione), Anselmi, Latini, Frattarelli (41’st Di Girolamo L.), Salvini, Giacani (10’st Bellucci), Spinetti, Troisi. A disp.: Leone, Magni, Mariti, Morelli. All.: Greco
Anitrella: Caldaroni, Moscara, Fratini, Carinci, Diagnè, Patrizi, Virgili, Prati, Caldaroni M. (31’st Marini), Tornatore, Fiorilli (5’st Di Stefano). A disp.: Greco, Grossi, Di Girolamo S., Sperduti, Cinelli. All.: Caldaroni R.
Arbitro: Leo di Roma2, Assistenti Ferrini di Roma 2, Manni di Rieti
Marcatori: 6’pt Latini, 14’pt Diagnè, 36’st Bellucci
Note – Espulsi: 36’st Grossi (A) dalla panchina per proteste Ammoniti: Salvini, Anselmi, Travaglione, Bellucci (VC), Tornatore (A).

VIS ARTENA – FORMIA 1905 C. 2 – 1

ARTENA: Trinchera, Pomponi (45’st Neri), Paris, Cristofari, Padovani, Cerbara, Romagnoli (22’ st Zaza), Simone, Morelli, Carnevali, Innocenzi (72’ Ciaciò). A disp.: Romano, Ronchetti, Germini, Maselli. All.: Centra
FORMIA: Salemme, Capogrosso, Borrino, Vitale, Di Franco, Lavalle (23’ st Bernisi), Fiorillo, De Santis, Scipione (26’ st Iannitti), Medoro (7’ st Valente), Liccardi. A disp.: D’Alessio, Panella, Stellato, Bailo. All.: Palladino
Arbitro: Costantini di Ascoli Piceno
Marcatori: 7’ Romagnoli (V), 25’ Fiorillo (F), 22’st Innocenzi (V)
Note: Ammoniti Capogrosso, Vitale, Di Franco, De Santis (F), Romagnoli , Zaza (A)

SAN CESAREO – PODGORA 1950 5-2
San Cesareo: Vezzani, Cancellieri (Botti), Baylon, Cherubini, Mancini (N’Biate), Grassini, Neri, Antonini, Tajarol (Turazza), Ciogli, Zamboni. A disp.: Sidgui, Trovato, Bernardi, Brasiello. All.: Ferrazzoli
Podgora 1950: Angrisani, Grasso, Rubino, Cannariato (Costigliola), Seppani, Arena, Cifra (Arduini), Martellacci, Porcelli (Cirelli), Armeni, Maglitto. A disp.: Rispic, Bilancini, Pacchiarotti, Sossai. All.: Paloni
Arbitro: Marco Dante di Roma1, assistenti Todisco di Ciampino, Valenti di Ciampino
Marcatori: 2’pt, 5’pt Antonini, 21’st Tajarol, 42’pt Martellacci, 6’st Armeni, 20’st, 33’st rig. Turazza.
Note – Espulsi: 34’st Grasso per proteste.

Lascia un commento