Girone D – Capuccilli stende il San Michele

TRE derby nelle prime tre partite di campionato, sette punti in cascina e vetta del girone «D» in coabitazione con Nuova Itri e Fontana Liri: è questo lo score della Vis Sezze Setina dopo l’1-0 rifilato all’ex capolista solitaria San Michele. La firma sul gol che vale i tre punti e il sorpasso in classifica 

Leggi tutto

TRE derby nelle prime tre partite di campionato, sette punti in cascina e vetta del girone «D» in coabitazione con Nuova Itri e Fontana Liri: è questo lo score della Vis Sezze Setina dopo l’1-0 rifilato all’ex capolista solitaria San Michele. La firma sul gol che vale i tre punti e il sorpasso in classifica ai danni della formazione borghigiana è di Pietro Capuccilli, leader indiscusso di una squadra, quella di Ubaldo Stefanini, che gioca meglio degli avversari per sessantacinque minuti, di cui trenta in inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Di Trapano, e che difende a denti stretti il prezioso vantaggio nell’ultima mezzora, durante la quale i padroni di casa sfiorano in ben sei occasioni un pari che a quel punto avrebbero anche meritato. L’undici gialloverde, invece, in settimana dovrà riflettere sui motivi della sconfitta: al di là di episodi come il rigore fallito da Meneghello al 37’ e le tante occasioni mancate nella seconda metà della ripresa, infatti, Gerardo Bocchino e i suoi ragazzi dovranno cercare di capire perché per tre quarti di gara hanno faticato a far circolare la palla, a tenere la squadra alta e ad impensierire in maniera concreta la retroguardia rossoblu, guidata da un impeccabile Martelletta.

CRONACA – A soli duecentoquaranta secondi dal fischio d’inizio la Vis Sezze Setina sblocca il risultato: azione insistita di Pellerani sulla destra, respinta corta della retroguardia locale e palla Capuccilli, che si libera di un avversario, entra in area e fulmina Pepe sul primo palo gelando il nutrito pubblico del «Comunale» di via Ungaretti. La partita scorre via su buoni ritmi, ma non offre grandi occasioni da gol fino al 35’, quando il San Michele beneficia di un calcio di rigore. Costanzi apre a destra per Cocuzzi, che entra in area, ingaggia un corpo a corpo con Di Trapano e finisce a terra: il direttore di gara concede il penalty, ma estrae un cartellino rosso obiettivamente eccessivo all’indirizzo di Di Trapano. Sul dischetto si presenta Meneghello, che però si fa ipnotizzare da Angelo Stefanini, che si distende sulla destra e mette il pallone in corner. Prima dell’intervallo c’è giusto il tempo per Cocuzzi di sfiorare il sette alla destra di Stefanini con una fiondata dal lato corto dell’area, e per lo stesso Capuccilli impegnare Capuccilli direttamente dalla bandierina.

LA RIPRESA – Nella prima parte della ripresa, nonostante l’uomo in più, il San Michele non riesce ad assumere il controllo della gara: anzi, è sempre il Sezze ad occupare efficacemente ogni zona di campo e di poter colpire da un momento all’altro. Al 51’, infatti, Milo si ritrova tutto solo davanti a Pepe, ma gli calcia letteralmente addosso. Tra il 57’ e il 60’ gli ospiti gettano all’aria tre ottimi contropiedi. Al 64’ Meneghello scende sulla sinistra e crossa per Bassani, il cui destro al volo è però da dimenticare. Passano centoventi secondi e il colpo di testa di Violanti (sul cross di Di Tullio) che poteva valere il gol della sicurezza si stampa sul palo. Da quel momento in poi, l’inerzia della partita volge completamente in favore dei padroni di casa che cominciano un vero e proprio monologo. Sono sei infatti le occasioni da gol collezionate dal team borghigiano, che a quel punto il pari lo meriterebbe: clamorose quelle capitate all’84’ a Cocuzzi, che spara incredibilmente alto da ottima posizione, e all’86’ a Bassani, la cui zuccata a colpo sicuro viene respinta d Di Tullio sulla linea di porta. Prima del triplice fischio, in pieno recupero, lo stesso Cocuzzi ha sul destro il pallone dell’1-1 ma non inquadra lo specchio.

Simone D’Arpino


Lascia un commento