Le pagelle del Latina, Matute il migliore

MARTINUZZI 5: Incassa due gol diversi. Sul primo non può nulla, sul secondo è colpevole così come i centrali di difesa: non esce e vede sfilare la palla in fondo al sacco. TONINELLI 6: Prestazione sufficiente del classe ’92 del Varese che lotta, tiene bene la posizione e limita gli avversari sulla fascia di competenza. 

Leggi tutto

MARTINUZZI 5: Incassa due gol diversi. Sul primo non può nulla, sul secondo è colpevole così come i centrali di difesa: non esce e vede sfilare la palla in fondo al sacco.
TONINELLI 6: Prestazione sufficiente del classe ’92 del Varese che lotta, tiene bene la posizione e limita gli avversari sulla fascia di competenza.
MAGGIOLINI 5: In copertura soffre moltissimo Orlandi, in fase propositiva non si vede praticamente mai.
TORTOLANO 5.5: Il talento di Ostia ha voglia di spaccare il mondo e dopo l’avvio incoraggiante sulla corsia sinistra dell’attacco nerazzurro deve dirigersi verso il centro del campo per riuscire a costruire qualcosa di buono. Non incide come suo solito.
AGIUS 5: Scendere in campo al centro della difesa dopo appena tre giorni di allenamento con la squadra non è sicuramente facile, ma dal maltese ci si attende di più. Dal 31’ st ZAMPAGLIONE S.V.
FARINA 5: Un paio di svarioni che non sono da lui. Il raddoppio della Carrarese è arrivato in seguito a una grossa disattenzione che ha permesso a Merini di anticiparlo e battere il sorpreso Martinuzzi.
MATUTE 6.5: E’ il miglior nerazzurro in campo e questo la dice tutta sul match del Latina. Quando è colui che deve rubar palloni a salvarsi, allora significa che c’è qualcosa da rivedere. In quanto al camerunese, poi, c’è da dire come il suo dinamismo sia riuscito in più di un’occasione a togliere le castagne dal fuoco; inoltre nella prima frazione è stato l’unico nerazzurro a rendersi pericoloso dalle parti di Gazzoli.
BERARDI 5: Il capitano soffre la velocità dei gialloblu, va in affanno sulle ripartenze dei marmiferi, si becca un sacrosanto cartellino giallo e Sanderra allora decide che è meglio toglierlo dalla mischia. Dall’11’ st RICCIARDI 6: Il ragazzo di Cellole è in forma e si vede. Del suo ingresso in campo ne beneficia il resto della squadra e proprio dal momento del cambio con Berardi il Latina inizia a spingere giocando i migliori 20’ della partita.
JEFFERSON 5: Stretto nella morsa di Anzalone e Benassi vede pochissimi palloni: riesce a colpire di testa nel primo tempo sbagliando la mira, nella ripresa trova la stoccata ma il gol verrà annullato per fuorigioco.
FOSSATI 5.5: Prima gioca davanti la difesa, nella ripresa viene spostato a ridosso delle punte. Lavora di contenimento e allo stesso tempo in fase offensiva ma senza brillare.
BABU’ 5.5: Qualche spunto interessante è arrivato da parte dell’esterno brasiliano e l’occasione di marca nerazzurra più importante del primo tempo, destro di Matute respinto da Gazzoli, è partita proprio dai suoi piedi. Nella ripresa si è visto meno, latitando nel momento di maggiore spinta del Latina Dal 42’ st MERITO S.V.
SANDERRA 5: Alla fine ha mandato in campo un Latina a trazione anteriore con Jefferson punta centrale supportato da Babù e Tortolano dopo che per tutta la settimana aveva escluso questa possibilità. La notte tra sabato e domenica non ha portato consiglio al tecnico nerazzurro, meglio l’ha portato ma in modo sbagliato. Forse il Latina di adesso non è in grado di supportare un tale attacco, o forse può farlo ma a Carrara qualcosa non è andata per il verso giusto. Poi se quel gol di Jefferson non fosse stato annullato ora magari saremmo qui a osannare come sempre il tecnico nerazzurro, ma nel calcio un 2-0 non ammette repliche.

Stefano Pettoni

Lascia un commento