Sorride soltanto il Terracina

Riscatto immediato del Terracina Calcio che dimentica Morolo grazie al successo contro l’Almas Roma nella prima uscita allo stadio Colavolpe. Un 2-0 maturato nella ripresa grazie alle reti di Borelli e Tacon ma una vittoria che non ammette repliche alla luce della supremazia dei padroni di casa che hanno costretto gli ospiti a difendersi: non 

Leggi tutto

Riscatto immediato del Terracina Calcio che dimentica Morolo grazie al successo contro l’Almas Roma nella prima uscita allo stadio Colavolpe. Un 2-0 maturato nella ripresa grazie alle reti di Borelli e Tacon ma una vittoria che non ammette repliche alla luce della supremazia dei padroni di casa che hanno costretto gli ospiti a difendersi: non a caso la formazione di Santececca non si è mai resa realmente pericolosa in zona gol.

TERRACINA IN SPINTA – Si parte subito dopo l’omaggio floreale consegnato a “zio” Franco Guarnieri, padre dell’indimenticato Carlo, dal difensore biancoceleste Botta (squalificato) e dal sindaco di Terracina Nicola Procaccini. All’8’ Grossi verticalizza per Tacon che dalla trequarti prova a sorprendere Federici con un pallonetto ma l’estremo difensore biancoverde è bravo a sventare la minaccia. Al 15’ è invece Altobelli a servire Tacon che, davanti alla porta, non arriva all’appuntamento col colpo di testa. Un minuto dopo è lo stesso Tacon a sprecare una ghiotta occasione: in area non vede Grossi libero a destra e nemmeno tenta la conclusione diretta preferendo un colpo di tacco inutile e preda della difesa. Al 20’ è Festa a guadagnare il fondo e a servire un pallone invitante al solito Tacon che tira in bocca a Federici. Qui si chiude di fatto la prima frazione, perché le due squadre tirano un po’ i remi in barca a causa del gran caldo.

LA RIPRESA – La ripresa si apre invece con il vantaggio dei tigrotti: è il 6’ e La Cava scende imperioso sulla fascia sinistra, serve indietro l’accorrente Borelli che penetra in area fulminando Federici con un sinistro che si infila all’inccrocio dei pali. Galvanizzato dal vantaggio il Terracina continua a spingere: all’8’ La Cava, su punizione, trova la testa di Festa che in tuffo manda la sfera a fil di palo. La pressione del Terracina aumenta e l’Almas non può che subire. L’unico tiro in porta degli ospiti arriva al 22’ ma Fonbi, di testa, non centra lo specchiod ella porta. Poi è ancora Terracina: ci provano a turno La Cava, Borelli e Tacon ma senza precisione . Il raddoppio, però, è nell’aria e arriva al 41’: La Cava sfonda a sinistra, guadagna il fondo, serve Tacon che con irruenza entra in porta con tutto il pallone e con il marcatore diretto. L’ultimo sussulto lo crea al 47’ Cortani che serve Pestrin in area ma il nuovo entrato si vede parare la conclusione da Petriglia.

MANCA SOLO IL GOL PER IL FORMIA – Partita bella e vibrante a Roccasecca, dove il Formia arresta la propria corsa non riuscendo ad andare oltre lo 0-0 in casa della matricola ciociara. Gara gradevole, come detto, a cui però è mancato solo l’acuto del gol per un Formia che rimane a quota quattro punti. E’ mancato solo il gol alla partita giocata allo stadio Lino Battista tra la formazione locale ed il Formia 1905, al termine di un confronto piacevole e giocato a buon ritmo tra due formazioni apparse già in buona condizione nonostante il caldo della giornata. Parte meglio la squadra di casa che al 5’ si affaccia in avanti con Umani. Pronta però la replica del Formia che un minuto dopo mostra la tutte le proprie credenziali quando su punizione Vitale pennella la sfera per la testa di Di Franco che alza di pochissimo sopra la traversa. Al quarto d’ora ancora il Formia pericoloso: cross di Fiorillo per Scipione che di testa in buona posizione non riesce a schiacciare nel sette sprecando una grossa opportunità. Al 25’ timida reazione dei padroni di casa in avanti con una conclusione di Gatta che attraversa tutta l’area davanti al portiere Salemme e si spegne sul fondo all’altezza del secondo palo. L’ex del Diana Nemi (ottima la sua prova) è protagonista ancora al 38’, quando dà il la all’azione più pericolosa della prima frazione servendo un pallone d’oro a Yari Umani che a due passi dalla linea della porta colpisce con il piede sbagliato «sparando» alle stelle un gol praticamente già fatto. E’ questo l’ultimo sussulto di un primo tempo che va in archivio a reti inviolate.

TRAVERSA DI MEDORO – Al rientro in campo dopo il riposo le due formazioni appaiono determinate nel tentativo di rompere l’equilibrio. Il gol del vantaggio lo sfiora il Roccasecca con Gatta al 53’ che colpisce un palo con una conclusione che sibila alla sinistra di Salemme. Brividi per Grimaldi, sul fronte opposto, al minuto 61 quando, al termine di un’azione tambureggiante per gli uomini di mister Palladino, bomber Medoro colpisce la traversa. Pontini ancora pericolosi tre minuti dopo con Fiorillo he da buona posizione non riesce ad inquadrare lo specchio. Nel finale torna a farsi vedere anche il Roccasecca che con il nuovo entrato Mastroniani imbastisce due azioni consecutive: al 65’ l’attaccante non inquadra lo specchio della porta, mentre al 69’ sforna un pallone d’oro a Gatta che chiama in casa Salemme bravo a rifugiarsi in angolo.

CISTERNA, LUPA INDIGESTA – Vigor rimandata all’esame di trasferta. La formazione di mister Greco cade con lo stesso risultato ottenuto a proprio favore nella scorsa domenica contro una Lupa Frascati desiderosa di esordire con una vittoria davanti al proprio pubblico. La cronaca della gara vede i padroni di casa passare in vantaggio al 5′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Parasmo che pesca in mezzo l’indisturbato Mancini che di testa spedisce la palla sotto il sette. Vigor frastornata che rischia di capitolare nei primi minuti sotto i colpi di Leccese (8’), con il suo tap-in alto sopra la traversa e Parasmo (10’) partito in netto fuorigioco, il fantasista si presenta a tu per tu davanti ad Assogna, con quest’ultimo che ipnotizza il numero dieci di casa deviando la sfera di piede. Bisogna aspettare il 16′ per vedere una conclusione della Vigor, ad opera di Salvini, con palla bloccata comodamente da Di Mario. Gli ospiti prendono coraggio e al 36’ confezionano l’occasione pel pari che Spinetti sciupa sparando da due passi sopra la traversa su invito di Latini dalle retrovie.

REAZIONE NELLA RIPRESA – La ripresa si apre nel segno della Vigor con i ragazzi di mister Greco che vanno vicino al pari in almeno due circostanze. Clamorosa la palla gol che capita sui piedi di Giacani al 5’ con la punta biancoceleste che in spaccata manda la sfera fuori di nulla dall’altezza del dischetto. Due minuti dopo tocca a Troisi divorarsi la chance per il pari con l’ala biancoceleste che tira debolmente dai dieci metri dopo una buona iniziativa sulla destra di Spinetti. Ma proprio nel momento più difficile la Lupa mette in ghiaccio la gara: è il 17′ quando la difesa della Vigor fa scattare male il fuorigioco lasciando così davanti ad Assogna Roberti che stoppa e batte per la seconda volta l’estremo difensore ospite. Nemmeno un minuto dopo i biancocelesti capitolano su contropiede imbastito da Pietrucci e concluso da Lolli che scarta Assogna per il 3-0 finale.

PODGORA, PASSO INDIETRO – Amaro esordio casalingo per il Borgo Podogra 1950, che si arrende 3-1 ad un Lariano, dimostratosi squadra da tenere in grandissima considerazione per la corsa al titolo. Dopo appena nove minuti di gioco, i padroni di casa vanno sotto: cross dalla sinistra di Silvestrini, Bilancini interviene di testa, ma mette involontariamente il pallone alle spalle di Ramiccia. La risposta borghigiana arriva al 21’, quando Maglitto scambia con Cirelli e lascia partire un rasoterra che Romano mette in calcio d’angolo. Otto minuti più tardi, sugli sviluppi di un corner di Sbraglia, il pallone va sul braccio di Seppani e l’arbitro non può far altro che concedere il rigore: sul dischetto si presenta Silvestrini che batte per la seconda volta Ramiccia. Al 32’ Maglitto si fa trovare pronto al tap-in vincente sulla punizione di Cannariato inizialmente respinta da Romano, ma l’arbitro annulla per l’offside (presunto) al momento della partenza.

CIFRA DA’ LA SVEGLIA – L’ingresso di Cifra ad inizio ripresa si dimostra azzeccato: l’esterno, infatti, ravviva l’attacco gialloblu e proprio da un suo cross, al 48’, arriva l’autorete di Moroni che, nel tentativo di anticipare Cirelli, riapre l’incontro. Al 55’ Cirelli sfiora il pari, ma nove minuti dopo lo stesso Silvestirini chiude i giochi direttamente da calcio piazzato. Nell’ultima mezzora il Borgo Podgora si fa prendere dal nervosismo, mentre il Lariano amministra con mestiere e conduce in porto la vittoria.

Annunziata, Mancini e Terenzi
I TABELLINI

TERRACINA – ALMAS ROMA 2-0
Terracina: Petriglia, Renzi, Bove, Festa, Altobelli, Cavallaro, Grossi, Drogheo, Tacon (48’st Ferrara), La Cava (44’st Trillò), Borelli (45’st Foti). A disp.: Cuomo, Del Duca, Savarese, Giordano. All.: Fraioli
Almas Roma: Federici (20’st Pensa), Trobiani, Ricciardi, Marras, Fonbi (40’st Pestrin), Bertarelli, Musie, Ioppolo, Romagnoli, Cortani, Micielli (20’st Vittorini). A disp.: Di Gioacchino, Bartoleschi, Proia, Giancotta. All. Santececca
Arbitro: Pashuko di Albano Laziale (coadiuvato da Manni di Ciampino e Mazzarella di Ostia)
Marcatori: 6’st Borelli, 41’st Tacon
Note: ammoniti Renzi, Marras, Bertarelli, Trobbiani

ROCCASECCA – FORMIA 1905 0-0
Roccasecca TST: Grimaldi, Ricci, Montemitoli, Buonora, Mancone, Gemmiti, Tedeschi (36’st Zonfrilli), Umani (17’st Mastroniani), Gatti, Cambone, Gatta (26’st Capezzone). A disp: Diafani, D’Aguanno, Di Martino, Cristini. All: Riccio
Formia 1905: Salemme, Scipioni, Borrino, Vitale, Di Franco, Lavalle, Fiorillo (26’st Valente), De Santis, Gioiello (1’st Caporosso), Medoro, Liccardi. A disp: D’Alessio, Stellato, Panella, Volpe, Morrone. All: Palladino
Arbitro: Sig. Pietro Esposito di Aprilia. Assistenti: Signori Gabriele D’Ottavi di Roma1 e Pietro Romano di Ostia.
Note – Spettatori 350 circa con nutrita rappresentanza ospite. Ammoniti: Gatta, Cambone, Borrino, Caporosso, De Santis, Di Franco

LUPA FRASCATI – VIGOR CISTERNA 3-0
Lupa Frascati: Di Mario, Sbardella, Celli, Pollini, Pietrucci, Mancini, Lolli, Cerrai, Leccese (8’st Roberti), Parasmo, Masciantonio. A disp.: Perez, Orsini, Incitti, Cinelli, Ciacciaglia, Campione. All.: Patalano
Vigor Cisterna: Assogna, Paglia, Di Girolamo (15’st Cannistrà), Rossi (8’st Mariti), Anselmi, Latini, Frattarelli, Salvini, Giacani (31’st Bellucci), Troisi. A disp.: Leone, Magni, Piras, Morelli. All.: Greco
Arbitro: Ruggiero di Roma1; assistenti Samaritani di Ostia, D’Arpino di Cassino
Marcatori: 5’pt Mancini, 17’st Roberti, 18’st Lolli
Note – Espulsi: 40’st Troisi per gioco pericoloso. Ammoniti Pietrucci, Assogna, Latini

BORGO PODGORA 1950 – LARIANO 1-3
Borgo Podgora 1950: Ramiccia, Rubino, Arduini, Cannariato (37’st Bertassello), Seppani, Bilancini, Porcelli (1’st Costagliola), Pacchiarotti, Cirelli, Armeni (1’st Cifra), Maglitto. A disp.: Roma, Rossetto, Sossai, Di Chiara. All.: Paloni.
Lariano: Romano, Tiburzi, Moroni, Marongiu, Rogato, Carlini, Soldano (27’st Giordani), Sbraglia, La Rosa, Silvestrini, Scacchetti (24’st Muzachi). A disp.: Mattogno, Alexel, Tittozzi, Testa, Marchionni. All.: Carlini.
Arbitro: Di Vilio di Roma; assistenti: Notarangelo di Cassino e Pantanella di Frosinone.
Marcatori: 9’pt (aut.) Bilancini, 26’pt (rig.), 19’st Silvestrini, 3’st (aut.) Moroni.
Note – Espulsi: Tiburzi al 29’st e Pacchiarotti al 31’st per proteste; ammoniti: Bilancini (BP), Rogato, Soldano, Marongiu (L).

Lascia un commento