Sermoneta e Pontinia non si fanno male

Pari  senza reti nel big match di giornata del girone «D» di Promozione. Al «Le Prate» di Sermoneta match povero di emozioni tra i padroni di casa ed il Pontinia. Un punto che consente agli amaranto di mister Cencia (che ha guidato il suo Pontinia da fuori per un problema burocratico) di smuovere la classifica 

Leggi tutto

Pari  senza reti nel big match di giornata del girone «D» di Promozione. Al «Le Prate» di Sermoneta match povero di emozioni tra i padroni di casa ed il Pontinia. Un punto che consente agli amaranto di mister Cencia (che ha guidato il suo Pontinia da fuori per un problema burocratico) di smuovere la classifica dopo la sconfitta interna all’esordio casalingo di una settimana fa. Dall’altra parte il Sermoneta, tra le favorite della vigilia, non riesce ancora a sbloccarsi, pagando evidentemente lo scotto dell’esordio in categoria e andando incontro al secondo pareggio consecutivo. Un match, come detto, privo o quasi di occasioni da gol, con i gialloblu che, dal 33’, rimangono in dieci uomini per l’espulsione del portiere Pastro, vantaggio che il Pontinia non riesce però a capitalizzare. Discreti, nonostante il grande caldo, i ritmi di gioco e i movimenti per due formazioni che potenzialmente sembrano in grado di poter dare molto di più. Se la portata dell’incontro delude, dunque, c’è da parlare di due squadre pronte ad essere protagoniste in classifica, a patto che automatismi e schemi vengano oliati cominciando a girare a pieno regime.

GLI SCHIERAMENTI – A proposito di schemi, Cencia per il suo Pontinia propone uno schieramento spavaldo (4-2-3-1) con molte innovazioni a livello tattico, con alla base un’aggressione sui portatori avversari che parte sin dalla tre quarti. A operare il pressing i due centrocampisti centrali Forzan e il riadattato Zanutto, vero e proprio faro degli amaranto. Bocciato Michele Lecce, che si accomoda in panchina, gli ospiti schierano in avanti il solo Incollingo, con Carchitto, Cerrocchi e Benhadda a sostegno. Dall’altra parte Giovannelli risponde con un più quadrato 4-4-2: Funari e Ciccarelli in avanti, Proia e Fiacchi sugli esterni e Pelle con Coletta a far coppia sulla mediana. In difesa della porta di Pastro, da sinistra verso destra, Birk, De Simone, Bulboaca e Notarpietro.

EQUILIBRIO INIZIALE – Poco o nulla, come detto, nei primi venti minuti con le due squadre propositive ma incapaci di rifornire le punte. Al 20’ Carchitto si fa male e Cencia cambia assetto spedendo Battistuzzi in avanti accanto a Incollingo e arretrando Cerrocchi sulla destra. Primo lampo al 28’. Lo stesso Battistuzzi (giovane di Lega risultato tra i migliori in campo) va via in velocità sulla sinistra, mette al centro dell’area dove Benhadda si inserisce, fa rimbalzare la sfera e poi si esibisce con una bella rovesciata che sfila di poco alta sulla testa di Pastro. Poco dopo la mezzora l’episodio che sembra cambiare volto alla gara. Zanutto inventa un lancio di 30 metri per il fulmine Battistuzzi che semina De Simone e si presenta davanti a Pastro. Il portiere di casa interviene in in tuffo con il pugno aperto anticipando l’attaccante amaranto fuori l’area di rigore. Per D’Ambrogio nessun dubbio: rosso diretto e punizione. Giovannelli non ha molta scelta in panchina: fuori un furibondo Ciccarelli e dentro Tarricone, per quello che diventa a tutti gli effetti un 4-4-1. Il Pontinia ci crede e prova a spingere, ma il Sermoneta blinda la difesa tentando di pungere su palla inattiva. Al 39’ ci prova Funari (punizione alta di poco), mentre un minuto dopo risponde Forzan con un bolide dal limite su calcio piazzato che mette i brividi a Tarricone.

POCO NELLA RIPRESA – Nella ripresa cambia poco o nulla. Il Pontinia tira il fiato dopo lo sforzo profuso nei primi 45’ e il Sermoneta ci prova con un paio di tentativi da palla inattiva. Gli amaranto, però, sono in agguato e al 21’ falliscono una grande occasione: il solito Battistuzzi si infila al centro su filtrante di Forzan ma poi spara addosso a Tarricone. Giovannelli vuole più sostanza: dentro Maggi fuori Coletta, poi Tomassi per Proia nel tentativo di alzare il baricentro. Tentativo riuscito, visto che il Sermoneta mette il naso oltre la propria metà campo con decisione. Pelle spara a rete per due volte da fuori area. Lo stesso numero otto gialloblu prova a fare il colpaccio su punizione a qualche manciata di secondi dal termine. Il suo destro a giro, però, viene deviato da Marinelli bravo a rifugiarsi in angolo per quello che sarà l’ultimo sussulto di un match che alla vigilia prometteva certamente qualcosina in più.

CENCIA – In casa Pontinia rimane il quesito se quello di ieri sia un punto guadagnato o due persi: «Assolutamente un punto guadagnato – spiega mister Cencia – Abbiamo giocato contro una grande squadra che nonostante l’inferiorità numerica non ha mai rinunciato a giocare. La loro difesa ha retto bene l’urto e penso che non si poteva fare molto di più». Zero gol in 180 minuti, c’è da preoccuparsi? «Assolutamente no – continua il tecnico del Pontinia – Oggi abbiamo costruito parecchio e bene. E’ mancato solo il gol che presto arriverà. Per quanto riguarda Lecce, non l’ho visto in forma in settimana e non ho voluto rischiarlo, mentre faccio ancora i complimenti a Zanutto che, in assenza di alternative, sto cercando di adattare in cabina di regia a centrocampo: cosa che gli sta riuscendo egregiamente».

GIOVANNELLI Meno soddisfatto, dall’altra parte, Giovannelli: «Partita condizionata dall’espulsione di Pastro, non ci sono dubbi. Purtroppo in assenza di alternative ho dovuto sacrificare Ciccarelli lasciando il solo Funari in avanti: troppo poco per poter scalfire una difesa come quella del Pontinia. Purtroppo resta il rammarico perchè in casa dovevamo vincere. Ora ci attende un tour de force con due gare in cinque giorni (mercoledì c’è la Coppa Italia n.d.r.) e con l’addio di Rango penso proprio che ci serviranno dei rinforzi non solo a centrocampo, visto che in avanti Lubirati è ancora out per infortunio».

IL TABELLINO

SERMONETA – PONTINIA 0-0
Sermoneta: Pastro, Notarpietro, Birk, Bulboaca, De Simone, Coletta (24’st Maggi), Fiaschi, Pelle, Ciccarelli (33’Tarricone), Funari, Proia (12’st Tomassi). A disp.: Silvestri, Guariglia, Yang Che, Maggi. All.: Giovannelli
Pontinia: Marinelli, Badini (23’st Restante), Dongu, Forzan, Fiorini, Gigli, Benhadda, Carchitto (20’pt Battistuzzi), Incollingo, Zanutto, Cerrocchi. A disp.: Villani, Lecce, De Marni, Stefanelli, Scaggion. All.: Cencia.
Arbitro: D’Ambrogio di Frosinone; assistenti: Giordano e Carletti di Ostia.
Note – Espulsi: Pastro al 33’pt; ammoniti: Zanutto, De Simone, Dongu, Incollingo, Stefanelli.

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento